Carnia, le montagne del Friuli Venezia Giulia

Carnia | Le montagne del Friuli Venezia Giulia


Condividi su:

Cosa vedere in Carnia,
le destinazioni montane del Friuli Venezia Giulia

Tutti gli articoli del Friuli Venezia Giulia
Cosa vedere in Carnia, mappa
© Google Maps

Icona articoloNon importa quando si decide di venire in Carnia, qualsiasi stagione è perfetta.
La regione geografica del Friuli Venezia Giulia è immersa nelle Alpi Carniche, tra  l’Austria a nord, Pordenone a sud, il Veneto a ovest e il Canal di Ferro, in provincia di Udine, a est. Ogni mese dell’anno può essere perfetto per visitare la Carnia con le sue sette valli, ognuna con un proprio torrente, tranne per la Valcalda, unica eccezione.

Le ragioni che spingono sempre più turisti a scegliere la Carnia come meta di vacanza sono tutto sommato semplici. Qua la natura è il protagonista assoluto, con il Parco naturale della Dolomiti Friulane o il Parco delle Colline Carniche. La Carnia è anche ottima per scoprire qualcuno dei tanti borghi che sono presenti nella regione, alcuni dei quali definiti tra i più belli d’Italia. In inverno, naturalmente, il tutto viene valorizzato dalle tante località sciistiche mentre in estate sarà il trekking e le attività outdoor a rendere imperdibile una pausa relax nella Carnia.

 

Le località turistiche della Carnia

Arta Terme

Borghi della Carnia, Arta TermeUn borgo termale posto su una sorgente di acqua solforosa, in grado di regalare da millenni benessere a tutti coloro che vogliono immergersi.

Arta Terme, come lo stesso nome suggerisce, è una località termale tra le più note e rinomate della Carnia ma non solo. Aperto ogni giorno dell’anno, lo stabilimento termale è posto ai piedi del Monte Zoncolan. In inverno Arta si valorizza anche con le sue piste sciistiche, rendendolo meta turistica ideale per ogni momento dell’anno.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Relax completo ad Arta Terme: la località termale più importante della Carnia

Forni Avoltri

I borghi della Carnia, Forni AvoltriIn inverno Forni Avoltri richiama numerosi turisti grazie al Centro Internazionale di Biathlon con le sue gare internazionali. Durante tutto l’anno, Forni Avoltri è la località ideale per coloro che apprezzano le escursioni, andare in mountain bike o fare arrampicate. I numerosi sentieri permettono escursioni che possono anche durare vari giorni.

All’interno del borgo è presente una sorgente di acqua oligominerale, la sorgente di Fleon, vicino a Pierabech.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Forni Avoltri, scopri la località degli sport invernali della Carnia

Forni di Sopra

I borghi della Carnia, Forni di SopraSuddiviso in tre borghi principali, Forni di Sopra è definita la Perla delle Alpi della Carnia. Parliamo di uno dei principali centri per gli sport invernali di tutto il Friuli Venezia Giulia, arroccato a 900 metri d’altezza sul livello del mare. In totale, da Forni di Sopra si diramano ben 15 km di sentieri escursionistici, in cui immergersi nella natura incontaminata della Carnia.

È una destinazione perfetta sia durante le soleggiate giornate d’estate che per le settimane bianche d’inverno. Da percorrere il Giro delle Malghe, un sentiero che attraversa alcuni dei punti più interessanti attorno alla località.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Forni di Sopra, Friuli Venezia Giulia | Cosa vedere a Forni di Sopra

Poffabro

I borghi della Carnia, PoffabroPiccolo borgo da meno di 200 residenti, caratterizzato dalla sua affascinante atmosfera che ha permesso di essere annoverato tra i più bei borghi d’Italia nel 2002.

Sebbene non vi siano vere e proprie attrazioni turistiche, a Poffabro merita senza dubbio ammirare la Chiesa di San Nicolò, costantemente rimaneggiata nel susseguirsi dei secoli, e il vicino Santuario della Beata Vergine della Salute, caratterizzato da una splendida architettura neoclassica. A cavallo con le feste natalizie assicurativi di non perdere l’evento “presepe tra i presepi”, celebrazione in cui il borgo si anima di numerosi presepi.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Tra l’Austria e Pordenone non manchiamo di visitare Poffabro, nel comune di Frisanco

Ampezzo

I borghi della Carnia, AmpezzoNella Val Tagliamento, a breve distanza dall’omonimo fiume Tagliamento e il torrente Lumiei, troviamo Ampezzo, splendido comune ubicato a 560 metri sul livello del mare. Si tratta di uno dei più antichi borghi della Carnia, tanto che se ne cita l’esiste già dal 762.

Oltre al piacevolissimo contorno di foreste e montagne, Ampezzo custodisce un prezioso centro storico tra i più caratteristici del territorio. Assicuratevi di visitare il Duomo di San Daniele Profeta, il principale edificio di culto di Ampezzo, da cui si possono percorrere le storiche vie ricche di palazzi eleganti, come il Palazzo Angelo Unfer e monumenti interessanti. Tra le tante attrazioni, a spalleggiare Ampezzo troviamo il Monte Tinisa, che si innalza per oltre 2100 metri.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Ampezzo, Friuli Venezia Giulia | Cosa vedere ad Ampezzo

Sauris

I borghi della Carnia, SaurisPittoresco borgo di montagna immerso nelle Alpi Carniche, in provincia di Udine. Sauris è nota per la produzione locale della birra affumicata e del celebre prosciutto, un borgo interessante, sia in termini turistici, che storici e culturali.

Da ammirare a Sauris citiamo il Santuario di Sauris di Sotto, costruito nel XIV secolo e restaurato nel XVIII, la Chiesa di San Lorenzo Martire, realizzata nel XVI secolo e caratterizzata dallo stile gotico-austriaco, o ancora il Centro Etnografico, inserito all’interno della rete di CarniaMusei.

 

  OneMag-logo
Link-uscita icona  Alla scoperta di Sauris, il borgo di montagna delle Alpi Carniche

Tolmezzo

I borghi della Carnia, TolmezzoTolmezzo, Città Alpina 2017, è l’ideologico capoluogo della Carnia, in quanto centro più abitato. La cittadina si caratterizza per la sua ricca storia medievale, le cui testimonianze sono conversate tra le antiche mura del borgo. Il centro storico, assolutamente da non perdere, offre la Chiesetta di Santa Caterina, una delle più apprezzate in termini d’architettura nella Carnia. A contornare la località si innalza il Colle Picotta, laddove, alla sua cima, è stata eretta la Torre Picotta, uno dei simboli d’eccellenza di Tolmezzo.

Seppur oggi vi siano solo dei resti, merita essere scoperto anche il Castello, composto da un corpo centrale e due torri laterali. Il Castello può essere raggiunto in pochi minuti dal centro storico, seguendo una scenografica strada che attraversa il cuore di Tolmezzo sino le sue mura.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Scopri il capoluogo della Carnia, Tolmezzo

Sutrio

I borghi della Carnia, SutrioUltimo, ma non per importanza, comune da non perdere nella Carnia è Sutrio, le cui origini risalgono al XIV secolo, data in cui viene citato per la prima volta in un documento. È senza dubbio uno dei più affascinanti borghi della Carnia, noto per il suo centro storico egregiamente conservato e per le tipiche casette in pietra e legno.

Durante il dominio della Repubblica di Venezia nel territorio, Sutrio venne dotata di un grande maniero, ubicato nel colle di Ognissanti. Oggi del castello non si hanno più tracce in quanto sostituito da un edificio di dimensioni altrettanto estese, ma rimane interessante per conoscerne il florido passato.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Sutrio, Friuli Venezia Giulia | Cosa vedere a Sutrio

Sappada

I borghi della Carnia, SappadaSappada è tra le località più visitate delle Dolomiti Friulane. Durante l’inverno è frequentatissima dagli appassionati di sci di fondo e arrampicate, in estate viene invece visitata dalle famiglie e dagli appassionati di trekking.

I bambini si potranno divertire a Nevelandia, il parco giochi sulla neve, mentre i più adulti non devono farsi sfuggire la pesca e le passeggiate nel bosco, momenti perfetti per scaricare la tensione lavorativa.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Cosa vedere a Sappada

Ultimo aggiornamento: 16.08.2021


 

Condividi su: