Condividi su:

Guida di Cancun: dai Maya
allo spring break

icona-articoloScegliere una qualsiasi città del Messico come destinazione di un viaggio è un investimento garantito sul divertimento. Scegliere Cancun è anche una scommessa vinta. Non tanto per la popolarità di questa città, quanto per il suo fascino e per le meraviglie che essa ha in serbo per i propri visitatori.

Situata su quella che viene definita la Riviera Maya ed altro non è che la penisola dello Yucatan ricca delle rovine Maya, appunto, Cancun è la meta preferita dagli americano per le vacanze di primavera. Quello spring break in cui concedersi relax e divertimento tra spiagge e locali.

Cosa vedere a Cancun

Cosa vedere a Cancun

Gli europei, invece, non considerano la città esattamente una destinazione caraibica perché prima della splendide spiagge e del mare cristallino si fanno colpire dagli imponenti grattacieli sul lungomare e dai chiassosi disco-bar.
Cancun prova ad incuriosire ed attrarre un po’ tutti i tipi di turisti e così offre anche numerose attività culturali che, effettivamente, stanno creando una nuova corrente di visitatori.

Per esplorare la città, meglio partire dal suo centro, Downtown, e cominciare ad assaporare la vera anima messicana tra il parque de las Palapas, dove incontrare la gente del luogo, e Puerto Juarez, dove i colectivos affollano le strade.

Il Mercado 28 è il luogo ideale per i maniaci del souvenir: in questo mercato tipico, ricco di colori ed oggetti, si trovano negozi e bancarelle straripanti di creazioni artigianali, e ristoranti che tentano con le specialità locali.

Le spiagge di Cancun

Cancun, spiagge

Tra le spiagge più rinmate di Cancun ci sono Playa Tortugas e Playa Caracol che incarnano la doppia anima della città. Playa Tortugas, infatti, è quella della gente del posto, con pochi turisti e passatempo adrenalinici come moto d’acqua e bungee jumping.

Playa Caracol, invece, si trova nella zona dei club e delle discoteche frequentata dai giovani e promette divertimento nei locali che si trovano anche sulla spiaggia e fanno festa sino a notte inoltrata.

OneMag-logo
Guida di Tulum, Riviera Maya

I dintorni di Cancun

Tulun, Messico

Anche i dintorni di Cancun offrono richiami interessanti. A 20 minuti di traghetto c’è Isla Mujeres, l’isola dei sogni, uno spicchio di paradiso caraibico con spiagge di sabbia bianca e fine lambite da acque cristalline.
Un po’ più distante è Isla Holbox, a circa 3 ore da Cancun. Si tratta di un’isola molto piccola sulla quale si circola solo su golf car, poiché non ci sono macchine. Le strade non sono neanche asfaltate e l’atmosfera è più rustica e rilassata che a Cancun.

Tappe scontate, ma imperdibili, sono ovviamente Playa del Carmen e Tulum, località rinomate e poco distanti da Cancun e mete inevitabili per chi arriva in Messico. Come è inevitabile per i visitatori il tour di Chichen Itza con le rovine Maya.

OneMag-logo
La ricchezza museale messicana

Chichen Itza

Chichen Itza
Il complesso archeologico fa parte delle nuove 7 meraviglie del mondo dal 2007 ed è patrimonio dell’umanità dal 1988. Nel sito si trovano la piramide di Kukulkan detta anche El Castillo, il Tempio dei guerrieri ed il Caracol, ossia l’osservatorio astronomico.

Sapere e bellezza si fondono in questa terra nella regione, sino a qualche decennio fa, più dimenticata dei Caraibi messicani. Scoprirla attraverso una natura spesso selvaggia è una sorpresa che conferma la bellezza del viaggiare senza paraocchi.

 

 

Condividi su: