Cosa fare a Campitello di Fassa

Campitello, cosa vedere nel borgo della Val di Fassa


Condividi su:

Cosa vedere a Campitello di Fassa

→ Leggi tutti gli articoli della provincia di Trento

icona-articolo

Ci troviamo a 1450 metri di altitudine, incastonata nel cuore della Val di Fassa, non molto distante sia da ⇒ Canazei che da ⇒ Mazzin, troviamo Campitello di Fassa. Ubicata ai piedi del Sassolungo e del Col Rodella, Campitello di Fassa è un'importante centro turistico per gli sport invernali, nonché il primo della Val di Fassa.

La cittadina, di piccole dimensioni, è un'affermata meta turistica per tutti gli appassionati di sport. Non solo sci e neve: Campitello è conosciuta per i numerosi sentieri escursionistici e per la propria ricca enogastronomia, garantendo intrattenimento ai visitatori durante l'intero arco dell'anno. Pronti a scoprire cosa vedere a Campitello di Fassa?

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Vacanze in Val di Fiemme in Trentino, la montagna in estate

Cenni storici

Cosa vedere a Campitello di Fassa, vedutaLa storia di Campitello ci riporta indietro nel tempo, al Neolitico. Risalgono infatti al  a.C. i primi insediamenti umani nel territorio, anche se il centro abitativo cosi come lo conosciamo oggi sorge solo a partire dall'Alto Medioevo.

In epoca medievale, Campitello ebbe come referente politico il principato vescovile di Bressanone. La comunità della Val di Fassa si ribellò alle pressioni dovute dalla presenza (divenuta stabile) di un capitano e di un giudice, che di fatto governarono il territorio a proprio piacimento. Nel corso dei secoli la città fu più volte vittima di grandi incendi, che distrussero gran parte del centro originale. La località divenne un comune indipendente solo nel 1956, quando si staccò ufficialmente da Canazei.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Dove sciare in Trentino Alto Adige, le mete preferite

Cosa vedere a Campitello di FassaCosa fare a Campitello di Fassa

Tipico borgo di montagna, Campitello di Fassa accoglie il turista con i suoi tanti negozi di prodotti gastronomici tipici ma anche con botteghe dove vengono invece venduti gli articoli di artigianato artistico. Con la sua altitudine di 1.448 metri s.l.m. Campitello è una delle mete da visitare in inverno per le sue attività sportive outdoor mentre in estate per la sua aria salubre e fresca, un contorno di relax che non potrà altro che affascinarvi in qualsiasi periodo desiderate visitarla.

Tra le cose fa vedere a Campitello di Fassa troviamo la chiesa in stile gotico intitolata ai Santi Filippo e Giacomo. Siamo in località Pontaa de Gejia, a breve distanza all'antica Via Crucis, oggi una passeggiata che ha inizio proprio dall'edificio religioso per raggiungere quindi Pian e fare ritorno al punto di partenza. Il percorso della Via Crucis risale al 1760 e i suo più recente restauro è invece del 1978. Al vostro arrivo a Piaz Veie, nel centro storico, avrete modo di vedere le più antiche dimore del paese. La duecentesca Chiesa dei Santi Filippo e Giacomo si riconosce per il suo antico campanile merlato e al suo interno merita una visita per ammirare gli affreschi del XV secolo.

 

Cosa vedere a Campitello di Fassa, Lago Antermoia
© Flickr - Ph. Valerio Bettini

Spostiamoci a 2500 metri di altitudine circa per raggiungere il Lago di Antermoia, bacino caratterizzato da acque con una colorazione imperdibile, quasi irreale. Siamo in uno dei laghi più alti delle Dolomiti, in prossimità dell'→ omonimo rifugio alpino che potrà diventare anche la vostra meta per trascorrere un paio di giorni alla scoperta dei tanti sentieri che da qua hanno origine. Per ulteriori informazioni sulle modalità per raggiungere il Lago di Antermoia vi rimandiamo a → questo articolo.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Visitiamo Ala, il piccolo borgo del Trentino

Cosa fare a Campitello di Fassa

Il nostro viaggio tra le cose da fare a Campitello di Fassa comincia dal Sassopiatto, il  gruppo dolomitico caratterizzato da spioventi (e scenografiche) pareti rocciose. Qua troviamo il Col Rodella, un piccolo colle dalla forma di un panettone, sede del centro sportivo Ischia, uno dei principali punti di riferimento per lo sport e lo svago in generale nella valle. Nel centro sportivo Ischia è possibile praticare arrampicata sportiva, calcio, ciclismo, basket e anche mini golf.

Un'interessante attività da praticare è quella del nordic walking, esperienza escursionistica dedicata ai più esperti. Con il nordic walking è possibile percorrere molti dei sentieri più impegnativi, spesso neanche solcati, per raggiungere le imponenti ville del Sassolungo. Verosimilmente è possibile praticare trekking e seguire uno dei tanti sentieri disponibili, anche in mountain bike.

Voglia di sci nordico? Campitello vi offre Marcialonga, la più antica pista di sci nordico in Italia, il cui percorso si snoda (sia in discesa, che in salita) tra gli altopiani della Val di Fassa e Val di Fiemme. Gli appassionati di snowboarding invece possono godersi lo snowpark del Col Rodella, dotato di salti, rail e gobbe: il divertimento è assicurato!
Campitello di Fassa, con i vicini impianti sciistici, è annoverata come una delle più importanti località per le vacanze invernali di tutta Italia. Preparatevi a un viaggio indimenticabile.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Il Lago di Levico, l'incantevole lago di Levico Terme

Cosa mangiare a Campitello di Fassa

Cosa vedere a Campitello di Fassa, piatto tipico
© Flickr - Ph. Maya

Tipici sapori di montagna garantiscono un valore aggiunto alla vacanza. Prima di tutto, tra i prodotti d’eccellenza, ecco lo speck dell’Alto Adige IGP, da gustare in fettine sottili come antipasto, in pezzetti tagliati grossi assieme a cetriolini in agrodolce e pane nero, o come base importantissima per dare sapore a tante ricette, dai canederli alla zuppa d’orzo.

Altri prodotti derivati dal maiale, le saporite luganighe, le salsicce che, assieme a costine e carrè, si servono con i crauti o con la polenta. Tra i formaggi, altro fiore all’occhiello della gastronomia valligiana, il Nostrano della Val di Fassa cioè il Ciampidel de Fascia, il Chér de Fassa cioè il cuore di Fassa, il celebre Puzzone di Moena cioè Spretz Tsaorì, profumati e aromatizzati dalle erbe di cui si nutrono le mucche libere nei pascoli.

Da ricordare anche miele, marmellate, funghi. Da provare i cajonciè, ravioli con un ripieno di ricotta e spinaci, che vengono serviti cosparsi di grana grattugiato, erba cipollina e burro fuso dorato. Stesso condimento per un altro piatto tradizionale, gli gnoches da formài, preparati con farina, formaggio, uova e un po’ di latte. Per i dolci immancabile lo strudel con un ripieno a base di mele e pinoli, le frittelle di mele, le fortaes, ovvero dolci fritti con una particolare forma a chiocciola. Buon appetito e buona vacanza!


» Ti potrebbe anche interessare... «

Ultimo aggiornamento 14 gennaio 2022


 

Condividi su: