Condividi su:

Cosa vedere a Campeche,
lo Stato all’estremo sud-est Messico

Leggi tutti gli articoli del Messico

Icona articolo onemag

Lo Stato di Campeche rappresenta uno dei territori più suggestivi del Messico.
Situato nell'area sud-orientale del paese, sulla costa occidentale della Penisola dello Yucatán, questo territorio è soprattutto noto per la sua capitale: San Francisco de Campeche: definita la città murata e insignita come Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO. La capitale dello Stato di Campeche conserva ancora tracce della sua profonda eredità Maya e si caratterizza per un passato coloniale tutto da scoprire.

Il territorio dello Stato di Campeche si presenta con un'ecosistema molto ricco e biodiverso. In particolare, l'entroterra abbonda di fitte giungle incontaminate, mentre la costa si divide tra lunghi litorali di sabbia paradisiaci e vaste aree paludose di mangrovie. Campeche confine con tre altri stati messicani: a sud con quello di Tabasco, mentre a nord con lo Stato dello Yucatán e rivolto a oriente si trova quello di Quintana Roo.

Lo Stato di Campeche mostra la sua antica essenza Maya in ogni angolo. Dalla sua deliziosa gastronomia alle tradizioni folcloristiche, passando dai preziosi siti archeologici. Questo territorio riesce a distinguersi inoltre per l'evidente fusione culturale tra colonialismo e cultura Maya, con città riccamente variegate e una popolazione particolarmente calorosamente.

Dal relax in spiaggia fino all'escursioni nei siti archeologici, il turismo nello Stato di Campeche offre attrattive adatte a tutte le tipologie di viaggiatori. Finalmente è giunto il momento per partire e scoprire cosa vedere nello Stato di Campeche. Buon viaggio!

 

Puebla, la città Patrimonio UNESCO

Cosa vedere a Puebla, la pittoresca città messicana dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO a circa 130 chilometri dalla capitale Città del Messico.

Cosa vedere nello Stato di Campeche

Cosa vedere a Campeche, cannoni allineati su un forte nel centro della città
Cannoni allineati su un forte nel centro di Campeche

Lo Stato di Campeche è un territorio ancora poco noto dai turisti europei e nordamericani.

Differentemente dal vicino Yucatán, Campeche è mediamente più economico, ma meno fornito di strutture ricettive di altissimo livello. Lo stato di Campeche custodisce un rilevante numero di testimonianze dell'epoca coloniale ma la sua popolazione conserva una ricca tradizione culturale Maya. Ne deriva un viaggio in grado di unire i tipici paesaggi idilliaci della Penisola dello Yucatán a una completa autenticità culturale.

Ma Campeche non si distingue solo per questo. Le sue città sono in generale meno turisticamente visitate rispetto a quelle di altri stati messicani.  Il capoluogo di Campeche, San Francisco de Campeche, è  probabilmente uno dei più chiari esempi di l'intero stato sia rimasto quasi immune sia dal turismo che anche dall'economia industriale, ben presente invece altrove. Passeggiando comprenderete anche come la sua periferia sia notevolmente più ristretta, priva del consueto flusso migratorio tipico di città economicamente più floride.

 

Cosa fare nello Stato di Campeche

Cosa vedere a Campeche, Malecon (parete di mare)
Malecon (parete di mare) in Campeche

Ecco quindi che occorrerà modificare la propria idea di vacanza in Messico, direzionandosi verso altre attrattive. Immergetevi quindi nella giungla e scoprite la storia del territorio nel sito archeologico di Calakmul, situato nella Riserva della Biosfera di Calakmul. Più avventurosa è invece la Riserva della Biosfera di Petenes, dove si potrà invece salire su un kayak e scoprire le vaste mangrovie.

Se siete pronti per una vacanza di azione, allora provate a volare su una zip line all'interno di un cenote, le tipiche grotte messicane con all'interno una naturale presenza di acqua dolce. Per questa attività recatevi al Cenote Azul di Miguel Colorado, due veri e propri laghetti posti lungo la strada che condyce a Palenque. Se invece volete un'esperienza più rilassata, puoi fare un tour attraverso le haciendas henequen (sisal). Goditi il ​​sole, il mare e i tramonti più belli sulle spiagge invece in alcune tra le destinazioni balneari di eccellenza, come Playa Caracol, Bahamitas, Isla Aguada, tra gli altri.

 

La gastronomia di Campeche

Cosa vedere a Campeche, ristoranti
Un tipico ristorante con sedute all'aperto a San Francisco de Campeche

Campeche è anche uno dei luoghi in cui provare la tradizionale gastronomia.

Qua è infatti possibile provare ad assaggiare piatti della cucina tradizionale Maya influenzati dalla più tipica gastronomia messicana e spagnola.
Tra le proposte meritano un assaggio il pan de cazón, una tortilla che viene riempita con carne di squalo, una prelibatezza da queste parti difficilmente presente altrove. Più classici i gamberetti al cocco mentre più esclusivo il pámpano en escabeche, il pesce timone servito con una marinata al peperoncino.

Tra i dessert provate invece la marquesita, il dolce tipico di Mérida, nell'Estramudura. Si tratta di una sorta di crepes riempita in modi diversi, spesso anche salati. La trovate anche nelle tante bancarelle di strada e rappresenta probabilmente il tipico pasto da street food. In alternativa puntate l'attenzione alla meringa guanábana.

 

 

Città del Messico, i musei da visitare

Musei di Città del Messico, guida ai centri espositivi nella capitale messicana da non perdere assolutamente, in cui scoprire tradizioni, storia e arte del territorio....

San Francisco de Campeche
Scopriamo la capitale

Cosa vedere a Campeche
Veduta della piazza e della cattedrale nel centro di Campeche

San Francisco de Campeche ha circa 200.000 abitanti ed è il principale luogo di riferimento culturale e amministrativo.

Il centro abitato si affaccia sulla Baia di Campeche, un’ampia insenatura facente parte del Golfo del Messico, ed è situata nella parte centro settentrionale della penisola dello Yucatan. Grazie all’aeroporto internazionale Alberto Acuña Ongay, Campeche risulta maggiormente accessibile rispetto a tante altre città della Regione Maya.

La città fu fondata a metà del 1500 dai coloni spagnoli in un territorio anticamente popolato dagli antichi Maya. La sua posizione la rese da subito uno dei porti più trafficati dell'America Latina con cargo pronti a partire per ogni destinazione. Fu questa la ragione per cui si scelse di fortificarla, in modo da difenderla anche dai bucanieri, sempre pronti ad intervenire anche nei porti. La muraglia è ancora oggi visibile, come altrettanto le fortezze, tra cui il Forte di San Miguel e quello di San Josè.

Perfettamente conservate, San Francisco de Campeche è Patrimonio Culturale dell’Umanità dall’Unesco nel 1999.  Il suo centro storico è suddiviso in tre aree: nella prima, la centrale, troviamo proprio la cinta murarie e le fortezza. La seconda area è invece conosciuta come zona di San Roman ed è qui che si insediarono gli indigeni messicani. La terza è invece proprio nota come San Francisco, la parte più a nord, il luogo dove vissero per secoli i popoli Maya.

Oltre ai vari siti archeologici, ai bastioni e ai templi, Campeche è rinomata anche per l’aspetto naturale. La città è circondata da ampie foreste di mangrovie e canali navigabili in canoa, ecosistemi perfetti per chi ama fare birdwatching. Oltre a tutto ciò ci sono chilometri di costa ad attendervi, con splendide spiagge affacciate sul Golfo del Messico.

 

Continua a scoprire il Messico:

Ultimo aggiornamento 31 agosto 2022


 

Advertisement
Condividi su: