0
Condividi su:

Cosa visitare nel Camerun,
il vasto territorio da scoprire

icona-articoloViaggiare in Camerun significa entrare in un territorio con grandi paesaggi e con qualche rischio da non sottovalutare.
Davvero tanto è in grado di offrire il Camerun al visitatore.
Si parte dalla savana, dai vari altopiani, alla foresta pluviale fino a raggiungere le meravigliose coste che si affacciano sul Golfo di Guinea. Le stesse città sono interessanti da scoprire e le tante etnie presenti rendono ogni luogo diverso rispetto al precedente in un susseguirsi senza fine di cambiamenti.

Viaggiare per il Camerun è affascinante ma anche il viaggiatore esperto saprà riconoscere che una dose di prudenza è indispensabile prima di entrare a contatto con una realtà unica e diversa.

Cosa visitare nel Camerun

La geografia del Camerun

Mappa del Camerun

Il Camerun ha un territorio discretamente vasto.
Una delle zone più frequentate dai turisti è sicuramente quella che si affaccia sulla costa del Golfo di Guinea, una zona pianeggiante e relativamente boscosa.
Una delle altre zone è quella della foresta pluviale equatoriale, interamente ricoperta da una vegetazione talmente folta da non essere percorribile se non a piedi o con mezzi adeguati.

Proseguendo, in una suddivisione geografica, si trova la catena montuosa cui appartiene il Monte Camerun, la cui altezza di oltre 4.000 metri lo rende il più elevato di tutto il Camerun. Proprio qua sopra troviamo uno dei vulcani più attivi dell’Africa le cui eruzioni sporadicamente preoccupano il territorio circostante.

A nord del paese troviamo invece le savane, inserite nei Tavolati la cui altezza media difficilmente supera i 300 metri e dove le scarse precipitazioni rendono il clima piuttosto difficile da sopportare.
Nel centro del Camerun troviamo invece gli altipiani dell’Adamaoua, la cui altezza media è invece decisamente superiore a quella dei Tavolati e con una media di precipitazioni relativamente alta, consentendo una fitta vegetazione e un clima più sopportabile.

Consigli pratici

Camerun, festeggiamenti

Oltre al passaporto valido occorre il visto per poter accedere in Camerun.
Circa 20 sono i milioni di residenti stabili, molti dei quali abitanti della capitale, Yaounde.
Le lingue ufficiali parlate in tutto il paese sono inglese e francese ma tante sono le lingue locali parlate sia nei villaggi più remoti che nella capitale stessa.
A livello di religione troviamo un 40% di fede musulmana, un ulteriore 40% di fede animista ed il rimanente 20% invece di religione cristiana.

Visitare il Camerun significa entrare in zone a rischio, con la possibilità di scontri armati o di aggressioni, anche al turista. Evitare di lasciare le grandi città anche se in alcune, come Douala, possono essere posti dei blocchi stradali per bloccare bus turistici, specie nel tratto di strada che porta in direzione Yaounde.
In linea generale tutte le zone balneari sono considerate sicure.
Come sempre in questi casi informarsi con i bollettini sempre aggiornati emessi dalla Farnesina e consultabili qua.

A livello di salute il sistema camerunense in grado di far fronte ad eventuali situazioni di emergenza ed è in grado di curare malattie tropicali se vi trovate nelle grandi città.
Viceversa al di fuori le strutture mediche sono praticamente assenti o inadeguate, in caso di problemi meglio quindi rivolgersi a Douala o a Yaounde.
Da evitare nel limite del possibile qualsiasi operazione chirurgica stipulando preventivamente una assicurazione che preveda anche il trasporto a domicilio o in altre strutture.
Indispensabile prima di entrare nel Camerun essersi vaccinati contro la febbre gialla, che dovrà essere dimostrata mediante il Libretto Internazione di vaccinazione. Ad alto rischio anche la malaria, quindi opportuno vaccinarsi anche in questo caso, oltre che consigliabile contro il tipo e le epatiti A e B.

Raggiungere e spostarsi in Camerun

Douala, Mini Van

Il Camerun non è collegato direttamente con l’Italia ma è possibile raggiungere l’aeroporto di Douala o di Yaoundé mediante scalo.

Per muoversi all’intero del paese si può utilizzare la rete ferroviaria la cui lunghezza di oltre 1100 km permettere di raggiungere quasi ogni luogo ed è relativamente comoda ed economica. Alternativa valida è quella di utilizzare dei minibus anche se muoversi con mezzi stradali può risultare estremamente impegnativo, visto la conformazione del paese e la situazione non sempre ottima delle strade.

Da evitare, invece, lo spostamento aereo con compagnie locali. I livelli di manutenzione e sicurezza non sono all’altezza dei requisiti europei o americani con possibili guasti ed imprevisti.

Il turismo in Camerun

Guida turistica del Camerun

Il Camerun è sostanzialmente un paese povero e con diversi problemi di sicurezza, micro e macro criminalità.
Tuttavia il turismo negli ultimi anni è da sempre in crescita e varie offerte cominciano ad essere rivolte anche ad un pubblico fuori dai confini del continente.

Alcune grandi strutture alberghiere, dove è possibile pagare anche con l’euro o con le carte di credito, offrono una qualità medio alta e vi permetteranno di soggiornare lungo le meravigliose coste del Golfo di Guinea. Da qua è possibile praticare sport acquatici ma anche divertirsi a ritmo di musica ballando nei tanti locali che rimangono aperti fino a tardi, presenti ad ogni modo anche nelle città più grandi.

Per coloro che praticano comunemente il trekking può riverlarsi interessante risalire il Monte Camerun, anche se sia l’altitudine -oltre 4.000 metri nella cima massima- ed il pericolo di eruzioni vulcaniche, rendono questa passeggiata relativamente impegnativa. Meglio infatti rivolgersi a delle guide locali, verificando prima -se possibile- di partire la loro effettiva conoscenza del territorio.

Souvenirs

Guida del Camerun

E’ l’artigianato locale ad essere il principale protagonista degli acquisti in Camerun.
Qui potreste trovare anche diversi oggetti realizzati in legno e non è difficile trovare qualche artigiano locale in grado di produrre piccoli ricordi davvero interessanti, spesso anche utili.

Anche a livello tessile il Camerun è in grado di offrire discreta qualità. Provate uno dei tanti abiti già pronti, ne troverete di ottima fattura e con un buon rapporto qualità prezzo.
Naturalmente non dimenticate di contrattare: i prezzi esposti sono praticamente sempre più elevati rispetto a quello effettivamente preteso ed i negozianti saranno lieti di arrivare ad prezzo scontato.

OneMag - Logo Micro
Yaounde, i colori della natura che entra in città

 

La gastronomia del Camerun

Mercato alimentari nel Camerun

Tutta la cucina dell’Africa centrale ha una prerogativa di fantasia non comune.
Il Camerun non è da meno, qua sarà infatti facile trovare ricette mai provate prima o abbinamenti insoliti.
Sulla costa naturalmente sarà semplice trovare del pescato fresco di giornata ma vale la pena di provare il Suri, il pesce più cucinato in Camerun, o anche gli squisiti gamberetti, immancabili e piatto simbolo del paese. Il nome Camerun infatti deriva dal portoghese Camarao, traducibile proprio in gamberetto.

Altro piatto consueto della gastronomia camerunense è N’dole, uno stufato preparato con carne di capra o anche pesce a cui viene aggiunta una pianta amara, la vernonia.
Da provare anche il Sangah, una minestra preparata con mais e foglie di manioca, tubero molto diffuso in Camerun e nei paesi subtropicali in genere.
Come in molte altre zone africane è consuetudine accompagnare il tutto con un bicchiere di vino di palma e per dolce una banana ricoperta interamente con della crema.

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0