Cali, la città colombiana per gli amanti della natura

Cali, la città colombiana per gli amanti della natura e la capitale della 'salsa', tipico ballo sudamericano di coppia. Ecco cosa visitare a Cali in Colombia.

Cosa vedere a Cali, Colombia

Icona articolo

Fuori dalle più battute rotte turistiche, Cali è situata a circa mezzora di volo dalla capitale, Bogotà. Siamo nella Valle del Causa dove Cali rappresenta il fulcro economico della regione e anche il capoluogo della stessa. Posizionata a circa 1000 m.s.l.m., Cali ha oltre 2 milioni di abitanti che abitano questa città la cui estensione supera i 550 km quadrati.

E’ la terza città della Colombia ed è prevalentemente una città moderna ed industriale ed il principale centro di riferimento per tutto il sud-occidentale della Colombia. Il suo clima estremamente gradevole in ogni periodo dell’anno le ha reso l’appellativo di ‘città della primavera’ con un clima la cui temperatura è compresa tra i 25 °C ed i 34°C nelle ore più calde mentre difficilmente scende sotto i 18°C durante il periodo più freddo notturno.
Questa, insieme ad altre peculiarità che vedremo, sono tra i punti forti di una città che sta raccogliendo sempre più consensi dal punto di vista turistico.

La nascita di Cali

Visitare Cali in Colombia

La sua storia ci riporta durante il periodo coloniale, intorno al 1530, rappresentando una delle città più antiche di tutta la Colombia. La sua fondazione è attribuita a Sebastián de Belalcázar, il noto esploratore e conquistador spagnolo. Dopo la sua fondazione furono proprio gli spagnoli a insediarsi in quello che fino ad allora era la casa di alcune tribù indigene. Qui, dopo una serie di guerriglie con gli indios, venne fondata Santiago de Cali, in seguito abbreviato unicamente in Cali.

E’ infatti datata 1536 la data definitiva in cui gli spagnoli si insediarono ufficialmente nella nuova città fondata a nord del fiume Cauca. I primi coloni crearono le prime fattorie con cui sfamarsi e la prima zona territoriale si concludeva proprio alla riva del fiume, luogo strategico anche per la pesca.
Nasceva cosi anche la prima Cali commerciale, posta proprio tra due altre città, Popayán e Antioquia.

Oggi Cali non ricorda molto dello splendido passato, trasformata in una città moderna e attuale, ma rimane uno splendido luogo dove trascorrere diverse giornate anche per la musica, omnipresente in ogni luogo della città. Non per niente Cali è universalmente definita la capitale della ‘salsa’, il tipico ballo di coppia in cui il bacino è l’elemento principale.
E non è detto che si debba ballare unicamente per strada: qui sono nate le chivas, delle corriere multicolor senza vetri utilizzate non per gli spostamenti ma proprio per fare festa. Salire su una di queste corriere significa entrare in un mondo di musica e di allegria. Imperdibile se avete la fortuna di salirvi.

Cosa vedere a Cali

Visitare Cali in Colombia

Suddivisa quasi nel mezzo dal fiume Rio Cali, per ammirare il fulcro della città occorre dirigersi nella parte meridionale della città. Il centro storico è suddiviso come una scacchiera e le tante strade convergono tutte nella piazza più grande della città, la Plaza de Caycedo.

Qua da non perdere sono le tante chiese ognuna con una particolarità, quelle di essere costruite in stili differenti. Interessanti da ammirare la Iglesia de San Francisco o la Iglesia de San Antonio, costruita su una collina dalla quale si gode di un panorama davvero unico della città.
Fuori dal primo nucleo urbano troviamo invece lo zoo di Cali, una magnifica esperienza imperdibile anche se la minore età l’avete superata da un pezzo. A differenza del concetto comune di zoo, più vicino ai concetti di un safari cittadino, qua gli animali non sono costretti fra gabbie ma passeggiano all’aria aperta.

Se invece volete ammirare la Cali moderna recatevi a nord del Rio Cali. Qui troverete anche la zona dello shopping più esclusivo percorrendo l’arteria principale, la Avenida Sexta. E’ anche il luogo dove trovare la movida notturna, specie il giovedi, venerdi e sabato. Qui è anche il luogo dove trovare i rinomati ristoranti ma anche, e sopratutto, i tanti locali che propongono inevitabilmente la salsa ma non solo. Tra i locali di musica alternativa merita il Lulu Electronica, dove appunto si balla musica elettronica.

Cosa mangiare a Cali

Visitare Cali in Colombia

La Colombia è patria di una cucina estremamente variegata, frutto anche di numerose contaminazioni provenienti da altre gastronomie. Tuttavia anche la tradizione qua ha creato alcuni piatti che meritano essere provate.
Tra queste da provare sono i Pandebono, tipico alimento da street food, ovvero degli anelli di formaggio che vengono cotti al forno, oppure per andare sull’innovativo il Mango Viche, un mango verde croccane che viene servito con del succo di mele e del sale.

Ma tra i tanti venditori ambulanti provate anche a cercare il Chontaduro, la palma tipica del territorio di Quibdó e che viene servita con sale o miele e che qua è considerata una bevanda afrodisiaca. Da provare invece seduti è l’Arroz Atollado, un riso preparato con del pollo a cui vengono aggiunte le patate ed una salsina davvero molto buona.

Ma uno dei piatti forti originari di Cali è l’Atollado del Valle, una sorta di paella le cui varianti sono davvero infinite. Viene preparato con della carne di maiale tritata e della carne di pollo, solitamente le cosce che invece vengono lasciate intere. Al tutto viene data una generosa dose di spezie, tra cui cumino e coriandolo e servito con del platano fritto. Si beve generalmente il Cholado Valluno, una fresca bevanda realizzata da frutta fresca e latte.

Come arrivare a Cali

Visitare Cali in Colombia

L’aeroporto di Cali è chiamato Aeropuerto Internacional Alfonso Bonilla Aragón (CLO) e si trova nel comune di Palmira, pochi minuti nella zona nord della città. E’ uno tra gli aeroporti più trafficati di tutta la Colombia, dopo quello di Bogotà.

Se desiderate arrivarci in auto potrete percorrere la Panamericana mentre, una volta arrivati scegliete di visitarla con i mezzi pubblici. In questo caso utilizzate una tra le linee ufficiali della città, come Expreso Palmira ad esempio, per avere la certezza di viaggiare comodo e sicuri, specie se avete con voi dei bagagli.

Scopri di più:

Le esperienze alternative da fare a Bogotà
San Andrés, una vacanza nel Caribe colombiano
Viaggio nelle Americhe di nicchia
Tre delle tribù più isolate del mondo

 

Condividi su: