Calabria

Calabria


Le province della Calabria

Catanzaro

Cosenza

Crotone

Reggio Calabria

Vibo Valentia


 

La Calabria è un territorio dove le tradizioni si fondono in tutt’uno con la natura, dove si hanno avuto tracce di alcuni dei più antichi insediamenti umani nella storia. Dalla Calabria deriva il nome Italia, dagli Enotri, il popolo preromanico che si insediò nella punta della penisola, sviluppandosi poi fino alla Puglia, dominando tutto il Meridione. Secondo la leggenda, ormai divenuta tradizione, gli Enotri ebbero alla guida il forte re Italo, vissuto per 16 generazioni prima della guerra di Troia.

Nel V secolo a.C.  l’estremo sud fu quindi il primo territorio ad assumere il toponimo descrittivo di Italia, sviluppato poi fino agli odierni confini solamente durante il potere romano di Cesare. Quale luogo migliore, quindi, per scoprire le origini del mondo occidentale che la Calabria? Oggi la Calabria è nota per i suoi litorali costellati da spiagge sabbiose bagnate dall’acqua cristallina, oltre che per piccoli borghi di montagna difficili da raggiungere quanto scenografici. Certo è che in certi punti della regione il tempo sembra essersi fermato da secoli, ed è ciò che con tutta probabilità regala un fascino unico alla Calabria.

Nelle cinque province calabresi, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Vibo Valentia e Reggio Calabria, si trovano siti archeologici e riviere spettacolari, che aspettano solo di essere visitate e scoperte.

Provenendo da nord, lungo la costa tirrenica, il primo sito d’interesse che s’incontra in Calabria è la cosiddetta Riviera dei Cedri, una delle più importanti di tutta Italia. La sua importanza è dovuta alle numerose località presenti, con probabilità alcune delle principali a livello turistico dell’intera regione. Il tratto della magnifica riviera si estende per l’intero medio-alto cosentino tirrenico, da  Tortora a Paola, il punto più meridionale.

Quella dei Cedri è solo una piccola parte di litorale calabrese, che in complesso conta oltre 800 chilometri di estensione, tra il Mar Tirreno, allo Stretto di Messina sino allo Ionio. Il territorio della kalon-brion – dal greco “faccio bene” – è un magico contrasto di monti e spiagge. Il territorio è quasi del tutto circondato dal mare, che da nord a sud fa da contorno alle numerose testimonianze del passato. La Calabria fu infatti uno dei punti di maggior rilievo della Magna Grecia, che mutò profondamente il territorio sviluppandolo come mai prima. Ancora oggi, a Gallicianò, è parlato un dialetto dell’antico greco, l’unico luogo nel suo genere, popolato da poche decine di abitanti.

Poi dopo i Greci arrivarono i Romani, poi ancora gli Arabi, Bizantini e Spagnoli. Per molto tempo, purtroppo, la Calabria è stata considerata una regione di poca importanza, sia politica, che economica e turistica. Un forte cambiamento arrivò nel 1972, quando quasi per miracolo furono rinvenute, in mare, due imponenti statue bronzee risalenti al V secolo a.C. Parliamo dei Bronzi di Riace, oggi una delle più importanti testimonianze dell’epoca preromanica in Italia.

Le opportunità turistiche in Calabria sono diverse. A Catanzaro, per esempio, si può godere di un centro abitativo moderno, ma le cui origini si perdono nel tempo fino ai Bizantini, che si insediarono in questo sito aspro quanto suggestivo. Il centro storico di Catanzaro domina il Golfo di Squillace e la sua arteria principale è Corso Mazzini, che taglia di netto la città, diramandosi in diverse piccole viuzze laterali. Qua si trova uno dei più antichi monumenti religiosi del territorio calabrese, l’ex Chiesa di Sant’Omobono, sede anche della Confraternita dei Sarti. In città sono da non perdere anche il Duomo, dove è custodito il busto del patrono cittadino, San Vitaliano, come anche la Chiesa del Monte dei Morti e la Chiesa del Rosario.

 

Mappa della Calabria
Un lungo susseguirsi di spiagge dorate le si possono ammirare giusto appena superato il confine lucano tirrenico, nel tratto che va da Praia a Mare a San Nicola Arcella, da cui in lontananza si può scorgere dell’Isola di Dino. Questo lembo di territorio è noto per ospitare quella che è considerata una delle spiagge più belle del mondo: la ⇒ Spiaggia dell’Arcomagno, inserita nel selvaggio scenario delle grotte dell’Arcomagno, a momenti raggiungibili più facilmente via mare che a piedi.

Non tanto distante si trova Scalea, tappa fondamentale per la scoperta dei più importanti luoghi calabresi, dove sono racchiuse – in Capo Scalea – una serie di calette nascoste e contornate dalla folta vegetazione. Scalea è inoltre un punto di partenza fondamentale per gli itinerari presso il Parco Nazionale del Pollino, tra i principali della regione.

Impensabile poi non citare la magnifica Tropea, che tutti conoscono per la sua spettacolare ubicazione in cima a un aspro promontorio di arenaria. Tropea, oltre a essere conosciuta per la tipica cipolla, visse un lungo periodo di splendore come centro marinaro, che diede in eredità al posto diversi palazzi nobiliari di fattura seicentesca e settecentesca.

Nella località, oltre allo spettacolare tratto del litorale, merita essere visitata la Chiesa di Santa Maria dell’Isola, situata praticamente a picco si flutti, caratteristica che le permette di essere tra i più incredibili luoghi del mondo. Questa frastagliata costa dalle mille sorprese separa la località fino a Capo Vaticano, importante stazione balneare nota anche per gli impervi sentieri incontaminati delimitati da calette pure e incantevoli, quasi uscite da un romanzo.

Nella costa ionica merita visitare Roseto Capo Spùlico, perlopiù noto per la sua spiaggia dominata dalla fortezza medievale, che osserva il circondario in cima a un promontorio. Oltre alla rocca, ciò che più affascina il visitatore è la trasparenza delle acque, pulite anche grazie al basso tasso di popolazione che risiede nell’area. Altre due tappe da vivere sono presso ⇒ Capo Rizzuto e Capo Spartivento, dove paesaggi dalla bellezza indescrivibile si fondono con il mare, dando vita a luoghi romantici che regalano attimi di puro relax.

Tornando a tema storico, Reggio Calabria, il capoluogo di regione, vanta uno dei più bei lungomare d’Europa, che vanta una diretta visuale sulla Sicilia e diversi monumenti storici. Qua, tra gli alberi secolari e i tesori storici, merita essere visitato il prezioso ⇒ Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, o MArRC, a tal punto importante da essere stato protagonista di documentari internazionali.

Non certo un caso, dato che il MaRC raccoglie molte delle più importanti testimonianze storiche del mondo occidentale. Il tutto inserito in un contesto contemporaneo e piacevole alla vista. Non meno importante è anche la Pinacoteca Civica, ben ospitata nelle sale del Teatro Civico, opera d’epoca fascista eretto tra il 1920 e il 1931, dove sono esposte opere che percorrono cinquecento anni tra il XV e il XX secolo.

Cosenza è la massima espressione di centro innovativo e sportivo, grazie anche agli oltre 30 chilometri di piste ciclabili firmate da Santiago Calatrava, archistar d’importanza mondiale, che tra le tante opere sta seguendo il progetto di The Tower, il nuovo grattacielo di oltre un chilometri d’altezza a Dubai. Qua merita una tappa alla Galleria Nazionale, ricca d’opere di vario genere.