0
Condividi su:

Cosa vedere a Brindisi Montagna, Potenza

Tutti gli articoli della Basilicata

icona-articolo

Cosa vedere a Brindisi Montagna, Potenza

Cosa vedere a Brindisi Montagna

A dominare la cittadina di Brindisi di Montagna troviamo il castello, costruito giusto sopra una rupe ad altezza sopraelevata rispetto al piccolo centro abitato. A contornare invece il borgo troviamo ben cinquanta ettari di natura incontaminata, che trova spazio tra le dolci alture, da cui si diramano molti dei sentieri escursionistici di maggior interesse in Basilicata.

Brindisi Montagna, con la proclamazione della Repubblica Partenopea nel XVIII, aderì ai moti antiborbonici particolarmente attivi nei comuni vicini, guidati dall’arciprete Don Venazio De Grazia. Sebbene le attività insurrezionaliste tramontarono ben presto, l’anima e la voglia di ribellione tornarono in vita con l’avvento dell’Unità d’Italia. Infatti, verso la fine della prima metà XIX secolo, l’area della Lucania vide un notevole svilupparsi del brigantaggio, che a macchia d’olio si propagò di borgo in borgo.

La figura di Paolo Serravalle, capobanda noto per le sue gesta violente, fu di particolare rilievo. Il criminale, infatti, portò terrore in tutte le località poste nei dintorni, lasciando un segno indelebile nel folclore cittadino. Proprio per questo motivo, il Parco della Grancia, è sede di spettacoli di rievocazioni storiche, tra cui quello de La storia bandita.

Nel Parco della Grancia si tengono, oltre agli interessantissimi spettacoli, anche concerti, mercatini ed eventi enogastronomici. Molto interessante è l’Anfiteatro delle Aquile dove possiamo ammirare i spettacoli dei maestri falconieri con i maestosi rapaci.

Tra le cose da vedere a Brindisi Montagna citiamo l’antico castello, per secoli dimora dei molti feudatari di Brindisi Montagna, tra cui ricordiamo i Sanseverino, i Fittipaldi e gli Antinori. Meritano essere visitate anche le piccole, ma graziosissime, chiesette di Brindisi Montagna. La più interessante è la chiesa di San Nicola di Bari, iniziata nel XIV secolo e terminata nel 1595. Dentro l’edificio troviamo una suggestiva statua raffigurante la Madonna del Rosario. Citiamo anche la chiesa di Santa Maria delle Grazie, di San Lorenzo e di San Vincenzo Ferrari.


 

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0