Brasile: l’imbarazzo della scelta dei luoghi da visitare

Brasile, l'imbarazzo della scelta dei luoghi da visitare. Dalla foresta amazzonica alle cascate, dai parchi nazionali alle città con vita notturna movimentata. Ecco Brasile.

Luoghi da visitare in Brasile

Con una superficie di oltre 8, 5 milioni di chilometri quadrati che tocca l’oceano Atlantico e dieci stati confinanti, il Brasile è il quinto paese al mondo per estensione totale. Su un territorio così vasto è facile immaginare quante caratteristiche paesaggistiche possano concentrarsi.

La foresta amazzonica

La foresta amazzonica è probabilmente una delle caratteristiche più famose del Brasile. Si estende per circa il 65% del territorio, e dell’America latina in genere. Si tratta di una foresta pluviale tropicale che ospita circa metà delle specie animali e vegetali terrestri. La foresta è definita la più grande farmacia del pianeta visto che un quarto dei principi attivi farmacologici deriva da vegetali.

Le Cascate dell’Ignazù

Le Cascate dell'Ignazù

In termini di grandezza e spettacolarità, altra attrazione brasiliana molto suggestiva sono le Cascate dell’Ignazú. Ben 275 salti d’acqua a 70 metri di altezza per uno scenario impressionante ed affascinante insieme. Situate al confine tra Brasile ed Argentina, sono una tappa imperdibile.

Il Parco Nazionale dei Lençóis Maranhenses

Ma abbandonarsi all’atmosfera surreale, creata da fiumi che scorrono tra dune di sabbia bianchissima e mangrovie, è una sensazione sublime, da vivere visitando il Parco Nazionale dei Lençóis Maranhenses. Qui le dune cambiano forma a saconda di come soffia il vento, mentre brillanti laghetti si formano qua e lèà in occasione delle piogge più abbondanti.

Il Pan di Zucchero

Una delle attrazioni più rinomate del Brasile è sicuramente il Pan di Zucchero, a Rio de Janeiro. Un colle alto 400 metri a picco sul mare raggiungibile con la funivia , dalla cui vetta si gode del panorama mozzafiato della città e della costa sottostanti.

Il Porto de Galinhas

A tutto mare Porto de Galinhas, tra le migliori spiagge brasiliane, caratterizzata da bellissimi litorali e da interessanti percorsi naturalistici. Questa regina del turismo, deve il suo nome al modo in cui venivano indicati con scherno gli schiavi che arrivavano qui dall’Africa, comprensibilmentespaventati. 

L’Arcipelago Fernando de Noronha

Per gli appassionati di escursioni alla scoperta dei luoghi in cui vivono tartarughe e delfini, ma anche albatros, c’è l’Arcipelago Fernando de Noronha. Situato a circa 350 chilometri dalla costa brasiliana rappresenta una riserva naturale spontanea ricca di fascino e natura selvaggia.

Le spiagge del Brasile

Brasile, le spiagge più belle

Una destinazione molto trendy, ma d’élite è Búzios con sabbia dorata e mare limpido incorniciati da rilievi ricoperti da fitta vegetazione. Qui c’è la spiaggia impetuosa, Playa Brava, paradiso dei surfist, dalla quale, percorrendo un piccolo sentiero si raggiunge la spiaggia dei naturisti.

Maragogi è un’altra meta da non perdere. Qui le spiagge sono belle da vedere e da vivere, lambite da acque cristalline ricche di coralli che rendono eccezionali le immersioni alla scoperta di incantevoli fondali e dei resti di numerosi naufragi.

Insieme alle località più popolari, prese d’assalto in ogni viaggio in Brasile, ci sono altre mete che meritano sicuramente una visita. Trancoso, un tempo punto di riferimento degli hippies, è ancora uno scorcio di paradiso dove regna la tranquillità. 

Spiagge bianche quasi deserte dalle quali si arriva al villaggio caratterizzato dalla piazzetta centrale, il quadrado. Su d essa si affacciano la chiesa e le abitazioni tipiche del luogo, caratterizzata da i loro colori vivaci che si stagliano nella vegetazione circostante.

Brasilia, cosa visitareBrasilia, guida turistica della città del futuro
Brasilia, guida turistica della città del futuro e la capitale del Brasile. Ecco cosa visitare e fare nella città di innovazioni Brasilia.

Continua a leggere

Anche Paraty è una graziosa cittadina nella quale provare la sensazione di un viaggio a ritroso nel tempo. Il centro storico, infatti, ha mantenuto le caratteristiche dell’epoca coloniale, anche a causa di un periodo di crisi nel secolo scorso che ha frenato ogni evoluzione. Intorno a questa amena località è possibile visitare le numerose isole dalle spiagge stupende e raggiungibili solo il barca.

La temperatura media dell’anno si aggira intorno ai 26 gradi e questo fa di Olinda una destinazione ideale per gli amanti dell’estate infinita. La città, dichiarata patrimonio mondiale dell’umanità dall’Unesco, è caratterizzata  da un bellissimo centro storico nel quale spiccano le chiese in stile barocco.

Ogni occasione ed ogni momento sono buoni per visitare il Brasile e, sicuramente, non mancano le mete e le attrazioni, non resta che partire: la bellezza aspetta!

Scopri di più:

Visitare Portorico, l’isola d’incanto
Acapulco, le spiagge del turismo sudamericano

 

Condividi su: