Bran e Râșnov, fortezze della Transilvania

Bran e Rasnov, fortezze della Transilvania tra il castello di Dracula e fortezze medievali. Il castello di Bran rappresenta un monumento nazionale e sorge sull'antico confine tra la Transilvania e la Valacchia. La città di Rasnov è celebre dalla presenza di una cittadella fortificata costruita dai Cavalieri teutonici agli inizi del Duecento. Ecco cosa vedere a Bran e Rasnov.3 min


Bran e Rasnov, fortezze della Transilvania

Cosa vedere a Bran e Rasnov, Romania

icona-articoloUn tetro maniero arroccato su una rupe irta di rocce taglienti, sotto un cielo cupo nel quale si staglia una luna fredda la cui luce rende tutto più inquietante. Una certa tradizione letteraria ci ha insegnato ad associare la Transilvania a simili paesaggi, con il tocco romanzato del famoso conte Vlad, in arte Dracula.

Ma questa regione della Romania può rendersi famosa anche per altri aspetti. Guardando il suo aspetto geografico, per esempio, si rimane incantati al cospetto della maestosa bellezza dei monti Carpazi, massiccio montuoso più esteso del vecchio continente.

E poi il lago Bucura, di origine glaciale a circa 2 mila metri di altitudine, ed il picco Caraiman, vicino Busteni, a 2384 metri di altezza, con accanto la Croce degli eroi, il monumento eretto in memoria dei caduti del primo conflitto bellico mondiale.

Ma la Transilvania mantiene anche fede al suo fascino leggendariamente tetro ed austero grazie ai borghi ed ai castelli incastonati tra le sue montagne. A cominciare da Sinaia con i castelli di Peles e Pelisor.

OneMag-logo
Bucarest, cosa visitare nella capitale della Romania

La fortezza di Bran e Rasnov

Bran, il castello
Poco distanti sorgono Bran ed il suo castello, e Râșnov e la sua fortezza: esempi significativi di storia e tradizione.
Il castello di Bran rappresenta un monumento nazionale e sorge sull’antico confine tra la Transilvania e la Valacchia.
La sua prima edificazione, agli inizi del tredicesimo secolo, era in legno, ma dopo la distruzione ad opera dei Mongoli, il re Luigi I d’Ungheria, volle la costruzione di un castello in muratura. Intorno a questa costruzione fortificata, poi, si sviluppò il villaggio di Bran.

Il castello ha ispirato Bram Stoker nell’ambientazione del suo romanzo sul conte Dracula e questo lo ha reso folkloristicamente molto famoso, tanto da essere il castello più visitato della Romania.
In realtà esso era nato come posto di guardia voluto da Ludovico D’Angiò nel Trecento, ma la sua struttura dai caratteri gotici e la posizione in una stretta gola, gli conferiscono un’aura di mistero supportata da numerosi passaggi segreti e labirinti che alimentano le fantasie vampiresche e di terrore.

OneMag-logo
Oradea, l’elegante città della Romania

La Fortezza di Poenari

La Fortezza di Poenari

Il vero castello storicamente appartenuto al voivoda Vlad III di Valcchia, però, era la Fortezza di Poenari ormai ridotta in rovina. La costruzione si affaccia sulla imponente valle scavata dal fiume  Argeş che in passato si chiamava  Râul Doamnei, ossia il fiume della signora, nel quale la leggenda racconta che si gettò la moglie del conte Vlad all’idea di un pericoloso attacco turco.

Altra meta molto suggestiva è la città di Râșnov resa celebre dalla presenza di una cittadella fortificata costruita dai Cavalieri teutonici agli inizi del Duecento. La fortezza è famosa per aver subito una sola espugnazione durante tutta la sua storia e per la presenza di un pozzo profondo oltre 140 metri.

La fortezza di Râșnov in quelle che erano le casette e la scuola dell’epoca, oggi ospita l’ufficio per il turismo e botteghe artigiane, oltre al museo di arte medievale che custodisce armature, attrezzi e mobilia risalenti proprio al Medioevo.
La struttura imponente sopravvissuta ai restauri troppo moderni esercita ancora il suo fascino sui numerosi visitatori ai quali non sfugge la celebrità dei luoghi raggiunta dopo le riprese di alcune scene del film Ritorno a Cold Mountain (2002), nei dintorni ed all’interno della fortezza.

Râșnov, inoltre, è ben attrezzata anche per gli sport invernali: dal 1936 con trampolini per il salto con gli sci e dal 2012 con il Trambulină Valea Cărbunării. Tra leggende e paesaggi suggestivi, tra sport e storia, Bran e Râșnov si confermano mete affascinanti nel tour della Transilvania, imperdibili e pittoresche.


Like it? Share with your friends!