Bolzano ed il suo fascino da mitteleuropa

Bolzano ed il suo fascino da mitteleuropa pronta ad offrire a ogni turista emozioni e attrazioni uniche insieme ad una gastronomia di eccellenza. Ecco cosa vedere a Bolzano.

Scopriamo Bolzano

«Opulenta, moderna, ma la sua bellezza è gotica»: così lo scrittore italiano Guido Piovene descriveva Bolzano, la città che lo aveva colpito con le sue strade fiancheggiate da portici impreziositi da fantastici giochi di luce.

Bozen, come la chiamano i tedeschi, regala un’atmosfera rilassata fatta di ritmi lenti e legati a quelli della natura circostante. Una natura rigogliosa che raggiunge la sua massima espressione nelle Dolomiti.

Il Duomo di Bolzano

Cosa vedere a Bolzano, Duomo

In città si può ammirare il Duomo dedicato a Santa Maria Assunta che si affaccia su Piazza Walther. Si tratta dell’edificio più importante della città realizzato in stile gotico sui resti di tre chiese sovrapposte. Alla costruzione è stata aggiunto il campanile alto 65 metri che ogni fine settimana suona differenti melodie con 25 campane. Il Duomo è rivestito in marmo rosso e giallo ed è caratterizzato da un portale ed una porticina del vino attraverso la quale i vignaioli erano autorizzati a vendere il vino.

Lo spettacolo offerto ai visitatori comprende un affresco realizzato dagli allievi della scuola di Giotto sotto la torre campanaria. All’interno ci sono un pulpito in stile gotico ed un altare in marmo policromo. Nel Museo del Duomo ai piedi del campanile si trovano ori, argenti, pergamene e reliquie, testimonianza della devozione dei fedeli nel corso dei secoli.

Castel Firmiano

Una visita merita anche Castel Firmiano in altoatesino chiamato Sigmundskron, che significa “corona di Sigismondo”, in onore di Sigismondo il Danaroso, conte di Tirolo, che lo acquistò nel 1473. Oggi il castello è uno degli esempi di architettura difensiva più importanti della regione anche se ne rimangono pochi elementi visibili.

Il castello sorge su una roccia all’imbocco di due fiumi e domina l’intera valle. Nella Torre Bianca del castello si trova il museo più importante di quelli istituiti dall’alpinista Reinhold Messner che ora è proprietario del castello, e custodisce oggetti che testimoniano il rapporto tra uomo e montagna, provenienti da tutto il mondo.

Piazza delle Erbe a Bolzano

Cosa vedere a Bolzano, centro storico

Particolarmente suggestiva è la passeggiata che si può fare sotto i portici della città, un vicolo pedonale lungo 300 metri che rappresenta la via più antica di Bolzano ed oggi ospitano boutique e locali e rimangono artisticamente affascinanti grazie agli affreschi e gli stucchi che li adornano.

Arrivando in Piazza delle Erbe ci si cala nell’atmosfera vivace del mercato di frutta e verdura, ammirando ancora un po’ di arte con la Fontana del Nettuno, che qui chiamano Gabelwirt, l’oste con la forchetta riferendosi al tridente di Nettuno, considerata una delle 100 più belle fontane d’Italia.

Lago di Carezza

Cosa vedere a Bolzano, lago di Carezza

In una foresta di abeti rossi e bianchi si trova una meraviglia della natura, il famoso Lago di Carezza, uno specchio d’acqua dai colori incredibili che vanno dal verde al turchese incastonato tra le montagne della Val d’Ega. Il lago prende il nome dalle caricaceae, le piante con le larghe foglie che circondano le rive, ma è chiamato Lec de Ergobando, il lago dell’arcobaleno in lingua ladina, per la leggenda della bellissima sirena Ondina che fu attirata qui da un arcobaleno creato da uno stregone innamorato d lei.

La sirena spaventata si immerse nelle acque del lago e non ne uscì più e così lo stregone ruppe l’arcobaleno e lo scaraventò nel lago. Al centro dello specchio d’acqua sorge la statua di Ondina.

Le migliori spa del Trentino Alto AdigeI migliori hotel spa in Trentino Alto Adige
Le migliori spa del Trentino-Alto Adige, tutte situate all’interno di hotel prestigiosi della regione e completamente dedicati al benessere del visitatore.

La gastronomia di Bolzano

Tra piccoli alberghi, agriturismi e bed&breakfast soggiornare a Bolzano è facilissimo e garantisce la possibilità di godersi la montagna in ogni periodo dell’anno. Qui si gustano i vini locali che hanno ottenuto il 98% di denominazione di origine controllata, tra i quali Lagrein e Gewurztraminer, e piatti tipici derivanti da una tradizione arricchita da diverse influenze.

Protagonisti della cucina locale ci sono i Knoedel, i canederli, la pasta fatta in casa come i ravioli agli spinaci e la zuppa di orzo, e lo strudel. Ed a fine pasto si potrà gustare un profumatissimo distillato di frutta. Alla fine, una vacanza a Bolzano si rivelerà bella e buona.

Scopri di più:

La ricchezza museale messicana
Bologna, la cultura a misura di turista

 

Condividi su: