Bogotà, turismo nella capitale della Colombia

Bogotà, turismo nella capitale della Colombia


Condividi su:

Cosa vedere a Bogotà,
la capitale della Colombia

Tutti gli articoli della Colombia
Cosa vedere a Bogotà, mappa
© Apple Maps

icona-articoloSu un altopiano che originariamente ospitava un lago, a oltre 2.600 metri di altitudine, sorge Bogotà, capitale della Colombia e del Dipartimento di Cundinamarca, del quale però non fa parte costituendo, essa da sola, il cosiddetto Distrito Nacional. Circa sette milioni di abitanti, Bogotà è situata nel centro della Colombia, all’interno della Cordigliera Orientale delle Ande. La sua altitudine la posiziona al terzo posto come capitale sudamericana dopo La Paz e  Quito. Il suo nome deriva dal termine Bacatá, ovvero un tipo di lavorazione della terra, che indica come il popolo di Bogotà era dedito all’agricoltura come risorsa primaria.

La città è in assoluto la più cosmopolita della Colombia e i suoi quartieri sono un mix tra modernità e tradizione e altrettanto tra aree sicure e quelle dove è meglio non avvicinarsi. La zona nord è quella più ricca e dove vivono i cittadini dell’alta borghesia mentre la zona a sud è quella ancora oggi più degradata, da tempo alla ricerca di una tranquillità che permetta loro di non essere identificati come i quartieri della droga e del crimine. Ancora oggi meglio evitare la Zona I, quella che gli stessi abitanti definiscono come la Caldera del Diablo, il quartiere in assoluto più pericoloso e dal quale è meglio stare lontani. Per il resto la città è piuttosto sicura, una delle mete più tranquille di tutta l’America Latina. Ecco cosa vedere a Bogotà, la capitale della Colombia.

 

Cosa visitare a Bogotà

Cosa vedere a Bogotà, passeggiata nel centro della città

Fino al 1998 era nota come Santa Fé de Bogotá e il suo ruolo politico sempre molto importante sin dalla fondazione nel 1538. La città ha sempre avuto la connotazione di autorità e personalità che le ha permesso una grande crescita urbanistica. La rinascita della Colombia e della sua capitale si fonda soprattutto sul turismo nutrito da eventi culturali, musei, gastronomia e ambiente. Da cuore pulsante è il punto di partenza per scoprire ogni angolo del Paese grazie anche al suo nuovo aeroporto, l’Aeroporto Internazionale El Dorado, posto a 13 km dalla città e dal quale è possibile raggiungere ogni destinazione. Prepariamoci quindi a scoprire cosa vedere a Bogotà.

Bogotà è suddivisa in 20 quartieri che potranno essere visitati con il Transmilenio, il sistema di bus locali che raggiunge ogni zona della capitale colombiana. Grazie alla vicinanza delle principali attrazioni è tuttavia anche possibile visitare il centro storico interamente a piedi.

Cerro de Monserrate

Cosa vedere a Bogotà, Cerro de Monserrate
© Flickr.com – Ph. Alma Apatrida

Iniziamo a scoprire cosa vedere a Bogotà dalla sommità del Cerro de Monserrate, dal quale si avrà la possibilità di un vero colpo d’occhio su tutta la città. Siamo a 3.152 metri di altitudine e da qui i 1.587 km quadrati occupati dalla capitale della Colombia sono tutti facilmente individuabili. Se il tempo a disposizione ve lo permette, scegliete di iniziare la vostra scoperta della città proprio da qua: il panorama vi permetterà da subito di comprendere cosa andrete a visitare nei prossimi giorni.
Per raggiungere la sommità del Cerro de Monserrate potrete salire sulla funivia che dalla stazione di Montserrate raggiunge piuttosto rapidamente la cima. In alternativa è possibile salire a piedi percorrendo i circa 1500 gradini e prestando attenzione alla possibile presenza di borseggiatori o rapinatori. Meglio in questo caso durante la giornata e mai soli.

 

Il Santuario di Monserrate

Cosa vedere a Bogotaà, il Santuario di Monserrate

Cosa vedere a Bogotà, Santuario di Monserrate

Sulla cima trovate inoltre la Basilica del Señor Caído de Monserrate, tra gli edifici più storici della città, meta di pellegrinaggio e attrazione simbolica di Bogotà. Posto a 3152 metri di altitudine, il santuario è stato realizzato dove in precedenza sorgeva un’altro edificio sacro e oggi è il principale luogo di culto di tutta la Colombia.

Siamo anche in una delle principali attrazioni turistiche della capitale della Colombia in grado di richiamare quasi 1 milione di visitatori all’anno, turisti ed amanti dell’arte che scelgono proprio il Santuario di Monserrate per completare il proprio giro delle cose da vedere a Bogotà. Al suo interno è imperdibile la statua di Pedro de Lugo y Albarracín, il Señor Caído, opera realizzata in legno e ferro. Risalente al 1656, la statua realizzata dal maestro spagnolo è stata preparata con utilizzo di mezzi allora insoliti, come veri capelli e ciglia umani. E’ tradizione visitarlo depositando ai suoi piedi candele e ghirlande in segno di tributo.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Cartagena de Indias, la costa caraibica della Colombia

Barrio de la Candelaria

Cosa vedere a Bogotà, la Candelaria

Dopo aver ammirato Bogotà dall’alto, è arrivato il momento di scendere per iniziare a visitare il barrio della Candelaria, il quartiere storico della città.

Dall’area centrale si avrà modo di ammirare le tante case coloniali dai tetti rossi con i balconi di legno e le porte intagliate. Il barrio della Candelaria è una delle prime cose da vedere a Bogotà, sia per il suo impeccabile stato di conservazione ma anche per il quartiere vero e proprio, una zona che in passato ha avuto modo di ospitare scrittori e artisti. Qua troviamo alcune tra le più importanti attrazioni tra le quali il Museo dell’Oro, fondato nel 1939 e che racchiude una serie di oggetti che ricordano la risorsa più importante degli Indios. Merita anche visitare al suo interno il laboratorio dove viene illustrato la sua lavorazione, iniziata prima della colonizzazione spagnola.

 

Il Museo dell’Oro

Cosa vedere a Bogotà, il Museo dell'oro

Cosa vedere a Bogotà, Museo dell'OroIl Museo dell’Oro del Banco della Repubblica di Colombia è tra le principali cose da vedere a Bogotà in tema culturale economico. Fondato nel 1939, il Museo dell’oro è stato realizzato con lo scopo di custodire il patrimonio archeologico nazionale.
Al suo interno troviamo diversi manufatti, realizzati ovviamente in oro, di epoca pre-colombiana.

Si trovano inoltre reperti in legno e pietra il cui valore archeologico è di fondamentale importanza per comprendere la vita delle popolazioni che abitavano in Colombia prima dell’arrivo del popolo europeo.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Le 10 città imperdibili da visitare in Colombia

Non dovrete percorrere molta strada per raggiungere la Fondazione e il Museo dedicato a Fernando Botero, realizzati grazie a una generosa donazione proprio dello stesso artista. Il Museo ospita 123 opere di Botero ed una ricca collezione di opere di altri grandi artisti, da Picasso a Dalì, da Renoir a Giacometti. La sua fondazione risale al 2000 e al suo interno sono ospitati anche 85 capolavori, sempre donati dallo stesso pittore colombiano, di altri artisti di fama mondiale tra i quali Dalì, Renoir e Picasso.

Sempre all’interno della Candelaria ha sede anche la Cattedrale Primada de Colombia, sede dell’arcivescovado di Bogotà. La sua costruzione risale al periodo tra il 1807 e il 1823 sul luogo dove in precedenza sorgevano tre chiese. Siamo di fronte a un Monumento Nazionale per il suo valore storico e al suo interno l’edificio è composto a tre navate con 14 cappelle. La sua porta d’accesso risale al XVI secolo mentre i portali laterali sono più recenti. Concludete infine la vostra visita alla Candelaria visitando il Teatro Colón, realizzato dall’architetto italiano Pietro Cantini e teatro più antico della Colombia.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Cali, la città colombiana per gli amanti della natura

Plaza de Bolivar

Cosa vedere a Bogotà, la Plaza de Bolivar

Proseguiamo la nostra visita tra le cose da vedere a Bogotà per raggiungere la piazza principale della città, Plaza de Bolivar. Ben 14.000 metri quadrati definiscono l’antico centro della capitale della Colombia, il luogo dove i campesinos vendevano i loro prodotti e oggi sede di alcuni tra i palazzi storici più importanti. Tra di essi spiccano il Capitolio Nacional, dove si trova il parlamento colombiano, il Palazzo dei Cardinali, sede del governo cittadino, il Palazzo di Narno, residenza del Presidente della Repubblica, la Catedral Primada e la Cappella del Sacrario.

Una statua in bronzo del rivoluzionario venezuelano Simon Bolivar, fautore dell’indipendenza della Colombia dalla Spagna, campeggia al centro della piazza.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo la Cattedrale di Sale a Zipaquirà

Il Giardino Botanico di Bogotà

Cosa vedere a Bogotà, il Giardino Botanico

Il polmone verde della capitale della Colombia è il Giardino Botanico “José Celestino Mutis”, all’estremità nord-occidentale di Bogotà e comodamente raggiungibile con i bus turistici o con i mezzi pubblici.

La sua inaugurazione risale al 1955 ed è intitolato all’astronomo e botanico spagnolo Mutis e qui si ottiene una vera e propria pausa dal caos di Bogotà. Tra le cose da vedere a Bogotà, il Giardino Botanico ospita oltre 18.000 piante suddivise per tipologia e per regione di provenienza. Da non perdere anche le migliaia di orchidee e le tante rose che offrono anche una colorazione davvero unica. Continuiamo la guida su cosa vedere a Bogotà, la capitale della Colombia.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Le esperienze alternative da provare a Bogotà

Torre Colpatria

Cosa vedere a Bogotà, la Torre Colpatria

Di altro genere la Torre Colpatria è un grattacielo, di altezza di quasi 200 metri, dove troviamo una serie di attrazioni tra cui la piattaforma panoramica posta al 48° piano.

Diverse le cose che da questa altezza possono essere viste, tra cui l’imperdibile quartiere della Candelaria sopra descritto, oltre che il Planetario di Bogotá o le vette di Monserrate. Potrebbe rappresentare una semplice alternativa rispetto al Cerro de Monserrate per ammirare dall’alto l’intera città ma anche una possibilità per scoprire quello che avete già visto e ciò che vi manca da una prospettiva più centrale. Perfetta da visitare dopo il tramonto, quando le luci la illuminano rendendola visibile da ogni punto della città. Si trova sempre in posizione centrale e la potrete raggiungere facilmente con diverse linee di bus di linea.

Museo di Arte Moderna a Bogotà

Cosa vedere a Bogotà, il Museo di Arte moderna

Concludiamo la nostra visita à Bogotà visitando il MAMBO, il Museo de Arte Moderno de Bogotá. La struttura museale merita una visita per ammirare la collezione di opere d’arte contemporanea qui esposta. Quadri di Dalì, Picasso e Warhol insieme a colleghi colombiani fanno bella mostra di sé permettendo al turista un interessante tour. Non lasciate Bogotà senza aver visitato la Zona Rosa, detta anche Zona T. Questo quartiere della città con un ricco passeggio e i locali più rinomati della movida locale. Avrete conosciuto così tutti gli aspetti di questa metropoli affascinante che ha fatto delle sue cicatrici motivo di orgoglio e rinascita.

Se volete una pausa gastronomica a Bogotà avrete a disposizione una vasta selezione di ristoranti, molti di cucina europea o etnica in genere. Tra i piatti locali da provare troviamo la sopa ajiaco, una minestra di pollo e patate, servita con avocado fresco e pannocchie bollite. Per una pausa prova invece a chiedere il tinto, una tazzina di caffè nero oppure l’agua de panela, dello zucchero sciolto in acqua calda e servita fredda con del succo di limone.

 

Ultimo aggiornamento 2 novembre 2021


 

Condividi su: