Bielorussia, ecco perché visitarla nel 2019

Bielorussia, ecco perché visitarla nel 2019 grazie alla Seconda Edizione dei Giochi Olimpici Europei, occasione ideale per scoprire un territorio ancora insesplorato. Ogni angolo del paese è descrivibile come un museo all'area aperta. In parte grazie all'effettiva presenza di un'interessante storia legata al comunismo, ma  anche grazie alle innumerevoli possibilità di turismo presenti. Tra le attrazioni da non perdere in Bielorussia ricordiamo il Khatyn, un memoriale del massacro da parte dei nazisti, il Castello di Njasviž, primo tra tutti per bellezza e patrimonio dell'UNESCO a partire dal 2015 e il Belavezhskaya Pushcha National Park, dove è possibile ammirare un'ottima biodiversità. Ecco una settimana in Bielorussia.4 min


0
Viaggio in Bielorussia nel 2019
Condividi su:

Una settimana in Bielorussia

icona-articoloIncanstonata tra Polonia, Ucraina e Russia troviamo la Bielorussia, uno tra i paesi più ricchi culturalmente parlando di tutto il continente europeo.
Basta pensare alla capitale Minsk, uno stupendo centro urbano in cui storia e progressivo sviluppo economico si intrecciano, facendo si che la città diventi una promessa del turismo del futuro.

Tristemente ricordata per essere stata sede generale del KGB, oggi la Bielorussia conserva la sua peculiare architettura stalinista come patrimonio storico. A questo si aggiungono numerosi monumenti legati al periodo “rosso” del territorio, che tuttavia ora sono solo un ricordo.

La Bielorussia è una stella nascente, un paese in progressivo sviluppo e che in anno in anno riesce a mostrare il meglio di sé. Ed il 2019 è un anno fondamentale per la Bielorussia, poiché la seconda edizione dei Giochi Europei si terrà proprio nella capitale Minsk.

In vacanza in Bielorussia

Bielorussia, logo dei Giochi Europei 2019

Non vi sono sbocchi sul mare, ma i panorami offerti dal territorio riusciranno senza dubbio a colmare questa mancanza. Anche la recente introduzione di leggi meno ristrettive per il turismo ci permettono di visitarla facilmente: infatti basterà avere il passaporto valido e si potrà sostare fino ad un massimo di 30 giorni, senza richiedere necessariamente il visto.

Ogni angolo del paese è descrivibile come un museo all’area aperta. In parte grazie all’effettiva presenza di un’interessante storia legata al comunismo, ma  anche grazie alle innumerevoli possibilità di turismo presenti.

E Giugno 2019 è il periodo di massimo splendore del paese. Da alcuni anni a Minsk sono in corso numerosi progetti dedicati alla valorizzazione urbana, tra cui la realizzazione di numerosi parchi e il restauro di numerosi edifici.

Tutto questo legato all’avvento dei Giochi Europei, che si terranno precisamente dal 21 al 30 Giugno. Molti turisti affermano che la vita notturna è vivace come poche altre, che, addizionata all’evento previsto per l’inizio dell’estate, renderà il viaggio indimenticabile.

È anche vero però che restare l’intero giorno a vedere delle gare olimpioniche può risultare molto più pesante di quel che si pensi.
Perciò abbiamo realizzato un breve itinerario per la settimana dei Giochi Europei.

L’itinerario in Bielorussia

Bielorussia, mappa illustrata

Per prima cosa, quasi scontata, prenotate volo di andata e ritorno dall’aeroporto di Minsk, fattore indispensabile per il permesso di soggiorno turistico. Fatto? Bene, ora tocca alla struttura alberghiera.

Non preoccupatevi, la Bielorussia è, non di poco, più economica dell’Italia, perciò l’ampia selezione di hotel permetterà di adattarsi ad ogni portafoglio. Non scartate l’ipotesi di un hotel con maggiori comfort, mediamente costano comunque meno di quelli di fascia low cost in Italia.

Perfetto, ora è tutto pronto. Arrivato il gran giorno della partenza? Vestitevi comodi ed a strati, se visitate la Bielorussia durante i Giochi Europei sappiate sin da subito che il clima può risultare particolarmente instabile.

Primo Giorno

MInsk, veduta

Atterrete a Minsk, la vostra navetta o il mezzo pubblico vi accompagnerà sino al vostro albergo. Qua dedicatevi al relax e all’esplorazione della città, il centro storico è descritto come tra i più suggestivi d’Europa per la sua architettura.

È anche l’occasione migliore per conoscere le abitudini locali, dalle tipiche proposte gastronomiche dei ristoranti sino ai vari mezzi pubblici che dovrete prendere durante il viaggio.

Ricordate, se vi è la possibilità, anche di fare una pennichella pomeridiana, in modo da capire se effettivamente la struttura da voi scelta è adatta. Ricordare di prenotare con pagamento a fine soggiorno.

Secondo Giorno

Viaggio in Bielorussia nel 2019
Minsk, la vecchia sede del KGB

Il secondo giorno sarà dedicato in prima parte ai Giochi Europei, sono previsti numerosi mezzi di trasporto che permettono di raggiungere le sedi. Consigliato recarsi di mattina e di pranzare già di nuovo a Minsk.

Una volta ritornati a Minsk potrebbe essere un’ottima idea visitare l’ex edificio in cui aveva sede il KGB. Sempre qua sono presenti alcune sculture rappresentanti Lenin, oltre a numerosi simboli sovietici.

Terzo Giorno

Viaggo in Bielorussia nel 2019
Il memoriale di Khatyn

Il terzo giorno di viaggio nella Bielorussia si focalizzerà sull’escursione di mezza giornata da Minsk a Khatyn. Parliamo del memoriale del massacro avvenuto il 22 marzo del 1943, in cui le SS naziste sterminarono oltre 150 persone.

È un luogo di altissima importanza socio-politica, è importante soffermarsi e riflettere nel profondo.
Oggi dell’allora villaggio di Khatyn non è più rimasto nulla, ma è possibile visitare questo sostanziale memoriale, tra i più importanti in Europa.

Quarto Giorno

Giochi Europei

Nel quarto giorno invece ci dedicheremo interamente ai Giochi Europei. Si terranno numerosi eventi sportivi durante l’evento, probabilmente, conservando una buona quantità di energie e facendo le dovute pause, sarà possibile assistere alla maggior parte degli sport.

Ricordate di vestirvi a strati e di camminare molto, anche cambiare arena sportiva e spostarsi potrebbe risultare un’ottima idea, come ad esempio durante le ore di pranzo.

Quinto Giorno

Castello Nesvizh, Bielorussia

Non abbiamo ancora citato una caratteristica eccezionale della Bielorussia: i castelli. Infatti, come del resto molti altri paesi dell’Europa orientale, la Bielorussia conserva nel suo territorio numerosi manieri, che non devono essere assolutamente persi.

Uno tra questi è il Castello di Njasviž, primo tra tutti per bellezza e patrimonio dell’UNESCO a partire dal 2015. Risalente al 16° secolo, i suoi interni testimoniano la bellezza dell’architettura barocca.

Sesto giorno

Viaggio in Bielorussia nel 2019
Belovezhskaya Pushcha National Park

Il sesto ed ultimo giorno pieno invece lo dedichiamo alle escursioni. Al di fuori delle poche grandi città, la Bielorussia possiede un paesaggio naturalistico d’eccellenza, che merita assolutamente di essere visitato.

Ci spostiamo nel Belavezhskaya Pushcha National Park, dove è possibile ammirare un’ottima biodiversità. Le specie selvatiche sono numerose, ma tra queste spicca la presenza dei rari bisonti europei, difficile da vedere nel resto del continente.

Settimo giorno

Bielorussia, souvenir

Dormite bene, preparate il viaggio di ritorno e non dimenticate di aquistare qualche souvenir. La Bielorussia è un paese che difficilmente si riuscirà a dimenticare, sopratutto se si ha l’opportunità di visitarlo durante la celebrazione dei giochi europei.

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0