Bevagna, il borgo medievale di Perugia

Bevagna, il borgo posto al centro della valle umbra tra Assisi e Spoleto, è una piccola meraviglia con stradine lastricate che conducono alle tante case costruite in pietra. Sono davvero tante le cose da vedere a Bevagna, ricordiamo la chiesa di S. Domenico e Giacomo, la chiesa romana presente nella Piazza Silvestri, la piazza principale del borgo di Bevagna dove è anche presente il il Palazzo dei Consoli, risalente al '200, e i numerosi negozi che costituiscono il fulcro cittadino. Ecco cosa vedere a Bevagna, Perugia.

Cosa vedere a Bevagna, in provincia di Perugia

Icona articolo

Siamo nel centro della valle umbra dove, alle sue spalle, troviamo Assisi mentre proprio di fronte Spoleto.
Il suo territorio è prevalentemente rurale ma inserito in un contesto che ricorda il fascino di altri tempi.

La sua atmosfera medievale si incontra tra chiese, palazzi storici e le botteghe artigianali, un tempo fonte principale di sostentamento degli abitanti.
I suoi poco più di 50 km quadrati offrono un luogo perfetto dove incontrarsi, dove sedersi rilassati a parlare con alle spalle case in pietra e lungo il percorso le stradine lastricate.
Gli antichi castelli sono solo una delle misure di difesa di Bevagna, insieme ad una cinta muraria che proteggeva la città da ospiti non graditi e, nel contempo, garantiva ordine con i suoi sei accessi.

Cosa vedere a Bevagna

Piazza Silvestri

Cosa vedere a Bevagna, Perugia


Per iniziare la visita al borgo, è consigliato recarsi nel suo secolare centro vitale, Piazza Silvestri, la prima delle cose da visitare a Bevagna. Su questa piazza si affacciano infatti alcune delle più importanti strutture di stampo romano e medioevale del borgo.

Piazza Silvestri si apre con una caratteristica forma irregolare, che da spazio ai numerosi edifici storici presenti. Infatti sedendoci rivolti verso la piazza potremo ammirare il Palazzo dei Consoli, risalente al ‘200, le tre chiese risalenti all’epoca romana e un gran numero di botteghe. In queste gli artigiani vendono ancora manufatti in cera, seta e altri materiali, lavorati con tecniche tramandate da per millenni.

onemag Logo Ultra Micro
Gubbio, il magico borgo medievale del monte Ingino

La Chiesa ed il Convento di San Francesco

Cosa vedere a Bevagna, Perugia

Spostandoci dal centro del borgo al suo punto più alto incontreremo inevitabilmente la Chiesa ed il Convento di San Francesco, situati nei pressi della Piazza Garibaldi. Questi due edifici sorgono nel XIII secolo durante l’epoca medioevale, dove costituivano il maggior punto di ritrovo per la popolazione cristiana locale.

La Chiesa si presenta con un’elegante facciata caratterizzata dallo splendido portale, che introduce l’interno dell’edificio scandito in una sola navata. Da ricordare nell’edificio alcune opere artistiche come i dipinti di Dono Doni e Ascensidonio Spacca e quello che rimane di alcuni affreschi del ‘500.
Va infine ricordata, esposta a sinistra dell’altare, la pietra su cui, secondo la tradizione locale, San Francesco poggiò i piedi durante quella che venne chiamata la “predica agli uccelli“.

Palazzo dei Consoli

Cosa vedere a Bevagna, Perugia

Tra le cose da vedere a Bevagna occorre tornare alla già descritta Piazza Silvestri, dove troveremo il Palazzo dei Consoli, forse l’edificio più importante dal punto di vista storico e culturale.

Costruito probabilmente da Maestro Prode nella seconda metà del ‘200, l’edificio è introdotto da una stupenda scalinata fino da incontrare la facciata dell’edificio, arricchita da bifore gotiche. All’interno va ricordata la splendida loggia coperta da volte a crociera.
E’ inoltre presente all’interno del palazzo il piccolo Teatro Torti, costruito nel 1886, che accoglie appena 140 spettatori con ornamenti e decorazioni di Domenico Bruschi e Mariano Piervittori.

La chiesa di S. Domenico e Giacomo

Cosa vedere a Bevagna, Perugia

L’ultimo edificio del borgo che merita una visita si trova sempre in Piazza Silvestri, ed è una delle 3 chiese di stampo romano presenti nella piazza. Stiamo parlando della chiesa di S. Domenico e Giacomo.

La chiesa venne costruita alla fine del ‘200, precisamente nel 1291, sulla base di un preesistente oratorio eretto a sua volta su fondamenta romane. La facciata è molto semplice e presenta una lunetta affrescata posizionata sopra al portale.

Al suo interno invece l’edificio diventa più interessante, sebbene presenti una sola navata. Il vero punto forte sono infatti gli affreschi dipinti attorno al XIV secolo nell’abside e nella controfacciata, accompagnati da dipinti del XVI e XVII secolo e sculture lignee Duecentesche.

Scopri di più:

Cosa vedere a Torgiano in Umbria
Visitare Norcia in Umbria
Cosa vedere ad Orvieto, il borgo in cima al colle
Spello, il borgo del Monte Subasio

 

Condividi su: