Berat, il volto rurale dell’Albania

Cosa vedere a Berat in Albania

Icona articolo

Siamo nel meridione dell’Albania in quello che è la cittadina nota anche con il soprannome di “città dalle mille finestre”. Sceglierlo come meta di viaggio vi permetterà di scoprire il volto più consueto dell’Albania, un villaggio completamente o quasi rurale con le sue case di periodo ottomano con tante piccole finestre.

Ma Berat è anche un borgo storico valorizzato dall’UNESCO che lo ha inserito nei Patrimoni dell’Umanità dal 2008, oltre che uno splendido scorcio su un’Albania che poco a poco viene modernizzata e ricostruita. Una vacanza a Berat permetterà di gustare la tradizionale gastronomia albanese ma anche passeggiare lungo il fiume Osum e scoprire il nucleo originario, la città vecchia, con quel magnifico sfondo dato dalle torri del castello.

Cosa vedere a Berat

Il primo sguardo vi catturerà sicuramente proprio per le sue casette bianche con le tante finestre, il vero e proprio richiamo della cittadina.

Quartieri di Berat
Cosa vedere a Berat in Albania

Superato però lo stupore iniziale inizierete ad esplorare le piccole viuzze, specie quelle dei quartieri di Gorica e di Mangalemi, suddivisi dal fiume Osum. Per attraversare il fiume c’è un meraviglioso ponte pedonale a sette arcate la cui costruzione risale al 1780.

Nel quartiere di Kala troviamo invece il principale punto attrattivo della città, ovvero il Castello. Occorrerà salire le stradine di pietra per arrivare alla fortificazione della città, realizzata con stili assolutamente diversi derivati dalle tante culture che nei secoli hanno dominato la città. Da qua sopra si avrà modo di avere una vista magnifica anche sul quartiere Gorica e le sue chiese ortodosse.
Il Castello nasce nel IV a.C. per opera degli Illiri. Nei secoli la fortezza ha subito le numerose ricostruzioni a seguito delle altrettante distruzioni.

Castello di Berat

Cosa vedere a Berat

Proprio fra le rovine del Castello, in quella che in passato era la Cattedrale della Dormizione di Santa Maria, ha sede il Museo Onufri. La chiesa risale al 1797 e fu costruita sulle fondamenta di una precedente cappella del X secolo. Oggi è possibile ammirare al suo interno gli spettacolari dipinti religiosi di Onufri del XVI secolo nel magnifico contesto della stessa chiesa. Da non perdere anche la cupola dipinta dove, nel passato, erano presenti degli splendidi affreschi. Queste opere d’arte, purtroppo, praticamente scomparsi a seguito di una assenza totale di manutenzione.

Museo etnografico

Lungo il percorso che porta al castello potrete anche decidere una tappa al museo etnografico, locato in una casa ottomana del XVIII secolo che è interessante quanto le mostre. Una volta entrati troverete una curiosa esposizione di abiti tradizionali uniti a diversi strumenti utilizzati propio dai tessitori. Nel piano superiore trovano invece spazio le ambientazioni delle vecchie abitazioni cittadine, con tanto di cucina e camere da letto decorate secondo lo stile tradizionale.

Quartiere musulmano di Berat

Cosa vedere a Berat in Albania

Indubbiamente interessante è programmare una visita anche nel quartiere musulmano di Mangalemi, dove troverete le moschee più note di Berat. Le raggiungerete proprio dal ponte pedonale dal quartiere di Gorica, non distante dalla fortezza, dove potreste visitare il Monastero di San Spiridione e la Chiesa di San Tommaso. Se volete avere una vista d’insieme tra le due religioni professate in città, recatevi nel centro storico dove avrete modo di ammirare vicine fra loro sia la Cattedrale Ortodossa di San Demetrio che la principale Moschea cittadina.

Come arrivare a Berat

La soluzione migliore è quella di atterrare a Tirana e, noleggiando una macchina, raggiungerla attraverso un percorso che prevede circa un paio d’ore di navigazione. Diverse le strade che uniscono Berat alla capitale ma pianificate di raggiungerla utilizzando esclusivamente le grandi arterie. Le piccole stradine, pur affascinanti per il panorama offerto, sono spesso dissestate e anche se in apparenza più corte, vi allungheranno notevolmente il tempo di percorrenza.
In alternativa dall’aeroporto è possibile salire su uno dei bus che conducono a Berat.

Scopri di più:

Valona, l’antica capitale albanese
Albania, alla scoperta dei luoghi imperdibili
Durazzo, cosa vedere nella seconda città dell’Albania
Albania, guida turistica di viaggio

 

Condividi su: