Benin, il centro industriale della Nigeria

Benin City è la capitale dello stato di Edo ed è noto per essere il centro industriale della Nigeria, conosciuto nel mondo per la produzione ed esportazione della gomma e l'olio prodotto dalle noci di palma. Anche se a livello turistico Benin City non ha molto da offrire, merita una visita al Museo Nazionale che racconta la storia della lavorazione dell'ottone ma è anche la memoria storica degli atti vandalici compiuti dagli inglesi alla fine del 1800. Qua sono però presenti unicamente le foto, per vedere i reperti occorrerà infatti recarci al British Museum di Londra. Ecco cosa vedere a Benin City, Nigeria. 2 min


0
Benin, il centro industriale della Nigeria
Condividi su:

Ecco cosa sapere di Benin City, Nigeria

icona-articoloBenin City, capitale dello stato di Edo in Nigeria, è abitata da oltre 1,5 milioni di abitanti e una delle più grandi città.
Il suo passato racconta di una megalopoli, per le dimensioni della Nigeria, capitale dello stato indipendente di Benin e oggi, invece, commercialmente importante grazie al commercio della gomma. Tra le altre attività commerciali troviamo anche la produzione di olio estratto dalle noci di palma.

La sua storia è praticamente stata interamente cancellata nel 1897 dagli invasori inglesi, che come atto vandalico la rasero completamente al suolo.
Oggi è una città dove cultura e tradizione vivono in perfetta simbiosi.
La Famiglia Reale è benvoluta e comunemente venerata mentre il re, l’oba in lingua locale, gode della stima del popolo più di qualsiasi politico attualmente in carica.

Cosa vedere a Benin City, Nigeria

Benin, il centro industriale della Nigeria

Turisticamente parlando, Benin City non ha una grande offerta. Del resto il turismo qua non ha ancora solide radici, lo dimostra anche una ridotta offerta di alberghi tra cui scegliere.

Tra le cose da vedere a Benin City è possibile visitare il Museo nazionale, aperto ogni giorno dalle 9 alle 18, dove poter ammirare una esposizione di bronzi e i segreti della lavorazione dell’ottone.
L’esposizione comprende diversi manufatti ma conserva anche memoria storica degli atti vandalici e di saccheggio compiuti alla fine del 1800 da parte degli inglesi.
Qua infatti sono unicamente presenti le foto di tali reperti mentre per poterli visitare occorrerà recarsi al British Museum di Londra. Sono infatti ben 4000 le opere d’arte a tutti gli effetti depredate dagli inglesi.

OneMag-logo
Ecco perchè la Nigeria merita di essere visitata

L’artigianato di Benin City

Benin, il centro industriale della Nigeria

Qua, nella Nigeria occidentale, sono ancora ben radicate diverse scuole artigianali che richiamano la tradizione delle sculture, quelle realizzate con il bronzo fuso. Anche il legno richiama l’antica tradizione artigianale locale.
Diverse le strutture che hanno fatto infatti ricorso agli abili intagliatori per realizzare parti del Palazzo dell’Oba o anche per il Museo di Sculture e Galleria Olokun. Del resto è Sapele, non molto distante da Benin City, a essere la vera e propria capitale nigeriane dell’industria del legno.

Se volete scoprire le varie opere prodotte cercate la Brass Casters St, oggi sito protetto UNESCO, per ammirare i tanti scultori che stanno riscoprendo l’arte della scultura, proprio come tradizione. Qui gli artigiani lavorano, mostrano e vendono le opere d’arte.
Se volete approfittare per un souvenir davvero originale ed emblematico di Benin City, non perdete l’occasione di acquistare un piccolo ornamento, come le graziose statuette che rappresentano la vera ‘ripartenza’ dell’arte di Benin City.

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0