Cosa vedere a Belvedere Marittimo in Calabria

Belvedere Marittimo | Guida su cosa vedere


Condividi su:

Cosa vedere a Belvedere Marittimo, Cosenza

→ Riviera dei Cedri | Cosa vedere alla Riviera dei Cedri
Cosa vedere a Belvedere Marittimo, mappa
© Yandex maps

icona-articoloBelvedere Marittimo è uno dei borghi della Riviera dei Cedri, in Calabria. Ci troviamo nell’Alto Tirreno Cosentino, dove questa caratteristica località di 9.000 abitanti è tra le più popolate della Riviera, nonché una delle più visitate. Grazie allo splendido litorale dorato, alla città vecchia arroccata su uno sperone roccioso e ai panorami mozzafiato, Belvedere Marittimo ha tutti gli ingredienti della località balneare perfetta. La città è caratterizzata da un clima piacevole. Anche in estate, infatti, nonostante le temperature elevate, Belvedere Marittimo vanta delle piacevoli brezze provenienti dal mare. Alle spalle della località si sviluppano dei tratti collinosi, alla cui sommità le temperature sono più basse. Nei mesi invernali le temperature medie sono sempre piuttosto miti, una media di circa 10°C tra i mesi di dicembre e febbraio.

Il borgo di Belvedere Marittimo è collocato a breve distanza da Diamante, a città più dipinta del mondo, da Scalea, ambitissima località balneare, e da San Nicola Arcella, dove ha sede la famosa spiaggia dell’Arcomagno. Ecco cosa vedere a Belvedere Marittimo.

 

Cenni storici

Con molta probabilità Belvedere Marittimo sorge su un antico insediamento di epoca romana o greca. Sebbene il sito sia popolato già dall’Età del Bronzo (X secolo a.C.) e il primo nucleo urbano sia nato negli ultimi secoli avanti Cristo, le origini dell’attuale Belvedere Marittimo risalgono all’epoca normanna. Nel X secolo d.C. gran parte dell’Italia Meridionale venne conquistata dai normanni. Furono loro a erigere nella metà dell’XI secolo l’imponente castello della città, realizzato per contrastare possibili incursioni.
Dal castello si estese poi il nucleo di Bellumvedere, citata per la prima volta nel 1276.

Nel corso dello scorso millennio, Belvedere si estese notevolmente. Furono fondate numerose frazioni e il centro città si sviluppò a dismisura. È, d’altronde, uno dei più antichi nuclei urbani della Riviera dei Cedri: gran parte delle cittadine limitrofe risalgono tra il XV e il XVII secolo. Il termine Marittimo venne implementato con l’urbanizzazione del tratto costiero, opera di recente realizzazione (XX secolo). Fino a un secolo fa, infatti, il comune si delimitava esclusivamente all’area borgale in cima al promontorio. Con l’ascesa del turismo nella Riviera dei Cedri venne realizzato il quartiere Marittimo, oggi uno dei più visitati della Calabria.

 

  OneMag-logo
Link-uscita icona
 Santa Maria del Cedro | Guida su cosa vedere

Cosa vedere a Belvedere Marittimo

Cosa vedere a Belvedere Marittimo, veduta dall'altoLa principale attrazione, nonché la più caratteristica, di Belvedere Marittimo è il Convento dei Capuccini, fondato nel XVI secolo. Il Convento è ubicato sul colle dove nacque nel XIII secolo, San Dianele Fasanella, protettone di Belvedere Marittimo e venerato dalla Chiesa come Santo. Venne ultimato nel 1599 venendo gestito nei secoli a venire da una numerosa comunità di frati Capuccini, seguaci di San Francesco d’Assisi.

La comunità amministrò il Convento sino al 1808, anno in cui le truppe napoleoniche opprimevano il territorio calabro. Nel 1822 il Convento riaprì, una volta cacciati i francesi, ma venne nuovamente chiuso nel 1850, questa volta a causa della sua soppressione voluta dal governo massonico. I frati tornarono a popolare il convento dal 1937, con non poche difficoltà avute a causa della Seconda Guerra Mondiale. Tra il 1970 e il 1980 il Convento di Belvedere Marittimo venne totalmente restaurato, opera che ha permesso di far rinvenire numerosi dettagli architettonici del XVI secolo.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Cosa vedere a Fuscaldo, uno dei migliori tratti della Riviera dei Cedri

Le chiese di Belvedere Marittimo

Imperdibile a Belvedere Marittimo è la chiesetta del Rosario, caratterizzata da un piccolo ed elegante portale in arenaria, implementato nel 1901. Altre interessanti chiese sono quella del Santissimo Crocifisso, risalente al 1683 e costruita sulla preesistente cappella cinquecentesca intitolata a Santa Maria del Pianto, e la Chiesa di Santa Maria del Popolo, la chiesa Madre di Belvedere.

La Chiesa di Santa Maria del Popolo fu costruita durante il XVII secolo per sostituire la precedente Chiesa di Santa Maria al Seggio. Dentro l’edificio troviamo un’interessante edicola con il gruppo marmoreo della Madonna del Popolo col Bambino, splendida opera del XV secolo. L’altra chiesa da non perdere è quella di San Giacomo, dove troviamo tre cappelle intitolate alla Madonna del Soccorso, San Michele Arcangelo e Maria Santissima della Natività.

Nella Contrada Rocca è possibile ammirare un’antica torre di osservazione, una delle più importanti testimonianze dell’epoca normanna, sebbene ricostruita secoli dopo dagli aragonesi. Oggi, purtroppo, si presenta in stato fatiscente, ma non per questo non merita essere visitata almeno esternamente.

Merita, lungo il tratto costiero di Belvedere, la spiaggia di Belvedere Marittimo, caratterizzata dallo stabilimento balneare tra i più noti della zona. Il litorale della spiaggia di Belvedere Marittimo si presenta con fine sabbia dorata, alternata solamente da qualche piccolo tratto roccioso.

 

Ultimo aggiornamento 28 agosto 2021


 

Condividi su: