Cosa vedere a Nuova Delhi, Chandni Chowk

Bazar Chandni Chowk a Nuova Delhi


Condividi su:

Chandni Chowk, Delhi

Tutti gli articoli dell’India

 

Icona articolo onemagSiamo nel centro della città di New Delhi dove troviamo uno dei più antichi bazar della città, il Chadni Chowk. Siamo a breve distanza dalla stazione dove ha sede la Vecchia Delhi e anche il Forte Rosso. La sua costruzione risale al XVII secolo per volere dell’imperatore Moghul Shah Janah che ha voluto realizzare il desiderio di sua figlia che ha progettato l’intera struttura. Nelle sue origini il Chadni Chowk era anche attraversato da una serie di canali, oggi purtroppo non più presenti. Proprio il suo nome, traducibile in mercato illuminato dalla luna, ricorda proprio come i canali durante la serata riflettessero proprio la luce della luna.

Nella sua lunga storia lo si ricorda come uno dei posti più frequentati da mercanti provenienti dall’estero, Cina e Turchia in particolar modo ma anche da commercianti europei, tra cui i tanti olandesi.

 

Cenni storici

Cosa vedere a Nuova Delhi, Chandni Chowk

Prima di diventare un bazar, l’area era una passeggiata e il luogo dove si svolgevano le processioni durante l’era Moghul. La sua trasformazione avvenne a metà del XVII da parte dell’Imperatore Moghul Shah Janah e all’epoca da subito venne prevista una porta che collegasse direttamente con il Forte Rosso. I suoi antichi canali erano presenti nella piazza di fronte all’attuale Municipio ma durante la dominazione inglese venne qua costruita una torre con tanto di orologio, poi crollata nel 1951.

Subito dopo la sua realizzazione il Chandni Chowk venne proclamato il più grande mercato di Delhi, rispettando un’ordine che oggi è purtroppo solo un ricordo. Le sue aree interne erano infatti separate da meravigliosi giardini e da edifici maestosi e persino da una locanda, adibita a luogo di ristoro per i mercanti stranieri. Il suo sviluppo fece anche arrivare artigiani e professionisti, pronti per servire la famiglia reale, costruendo le proprie abitazioni proprio nei dintorni del mercato, tra cui anche alcuni palazzi che oggi possono essere ammirati dopo il loro restauro.

Il bazar rimase importante fino all’inizio del XVIII secolo, periodo in cui la famiglia reale iniziava il suo declino. Iniziarono anche i vari saccheggi, anche nel bazar stesso, un periodo di lunga instabilità che culminò alla fine dell’impero Moghul, nel 1857. Gli inglesi, arrivati a governare il paese, fecero alcune modifiche giusto dopo aver occupato il Forte Rosso. Furono loro a chiudere i canali per dare il via alla costruzione di numerosi edifici, tra cui proprio il già citato Municipio. Tuttavia i commercianti non ebbero nulla di ridire, con l’arrivo degli inglesi la loro attività riprese a prosperare.

Ancora oggi Chandni Chowk è considerato uno dei mercati da visitare a Delhi. Il suo ordine e la tranquillità di un tempo ha lasciato purtroppo spazio a una zona commerciale piuttosto fatiscente, un’area dove i venditori fanno a gara per occupare uno spazio di vendita.

 

Delhi, Chandni Chowk

 

Notizia recente è la riqualificazione dell’intera area, un progetto che ha coinvolto anche il Forte Rosso con la realizzazione di una zona pedonale. Oggi il grande disordine è stato sistemato e quello che fino a poco fa era un grande tutto insieme di persone e cose oggi è una elegante passeggiata.

Scopri Nuova Delhi


 

Condividi su: