Condividi su:

Cosa vedere a Batumi, Georgia

Tutti gli articoli della Georgia

Mappa di Batumi in Georgiaicona-articoloSituata sul Mar Nero, Batumi è la capitale della Repubblica autonomia di Agiaria, nella zona sud occidentale della Georgia. Meno di una quindicina di km ci separano dalla ⇒ Turchia, posta in una delle regioni più brillanti di tutto il paese dove la città, la più grande della regione, riesce a regalare emozioni infinite. Il suo nome ricorda la posizione del suo primo insediamento, proprio alla riva sinistra del fiume Bat.

Batumi oggi vive principalmente di turismo grazie alle sue numerose attrazioni, al suo invidiabile porto e alla presenza del Mar Nero, il vero catalizzatore della città. Queste caratteristiche rendono Batumi una città frequentata soprattutto dai turchi, complice la vicinanza, ma anche oggetto di un crescente turismo internazionale, europeo in particolar modo.
La relativa vicinanza con Tbilisi, la capitale, aiuta anche i rapporti commerciali e gli spostamenti. I 250 km che separano le due città possono essere percorsi piuttosto rapidamente con uno dei numerosi treni che quotidiamente le collegano.

 

Cenni storici

Cosa vedere a Batumi, veduta

La storia di Batumi è millenaria, nota fin dai tempi di Aristole quando veniva descritta anche per la presenza del suo porto, utile ai commerci ma anche punto di attracco ideale per i viaggiatori dell’epoca. In passato base navale Russa, Batumi è oggi denominata la Perla del Mar Nero. Grazie infatti a una nuova crescita del turismo internazionale verso la Georgia, Batumi è tornata a fiorire con le sue spiagge e con il suo centro storico di sicuro interesse.  Diverse sono anche le compagnie che la aggiungono come tappa in una crociera sul Mar Nero.

Molte guide la paragonano alla ⇒ Las Vegas asiatica grazie alla presenza del gioco d’azzardo. Batumi è rinata proprio grazie a questa specifica intenzione, farla diventare una città dove poter giocare e divertirsi spendendo. Il proliferare di casinò e sale gioco ha permesso alla città georgiana di aumentare a dismisura le visite dei turchi, grazie alla vicinanza con la città di confine, Sarpi, a meno di 15 km. Il popolo turco ha un assoluto divieto del gioco d’azzardo, rendendo quindi Batumi una meta interessante non unicamente per il mare e le attrazioni. Anche russi e ucraini sono tra i clienti preferiti dei tavoli verdi della città, grazie anche a una politica di costi, relativamente bassa.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Tblisi, la capitale della Georgia, città gentile e tollerante

Cosa vedere a Batumi

La statua di Ali e Nino

Cosa vedere a Batumi, statua di Ali e Nino

Se avete scelto di arrivare a Batumi in nave, quasi sicuramente la vostra attenzione verrà calamitata da una statua decisamente originale e inconsueta, posta proprio nelle vicinanze del porto. Parliamo della statua di Ali e Nino, i due amanti sfortunati, un tributo a un racconto scritto da Kurban Said, pseudonimo di un artista a oggi sconosciuto, e oggi annoverato tra i romani nazionali dell’Azerbaigian.

L’opera, realizzata da Tamara Kvesitadze, artista e scultrice georgiana, ricorda una triste storia di due innamorati separati a causa dello scoppio della rivoluzione sovietica. L’azero musulmano Ali si innamora di Nino, una principessa georgiana, unione interrotta traficamente dallo scoppio di una bomba che colpisce la casa di Ali che muore.
L’opera, la cui altezza supera gli otto metri, è interamente in metallo e realizzata con due figura trasparenti con dei segmenti sovrapposti, un’opera mobile che ogni sera alle 19 unisce la coppia per poi dividerla alle prime luci del mattino.

Ci troviamo sul Batumi Boulevard, il viale che si affaccia sul mare, lo stesso che ospita altre interessanti sculture e fontane. A breve distanza troviamo anche la Piazza del Nettuno, il luogo dove potrete anche ammirare la copia della Fontana del Nettuno, la celebre fontana posta a ⇒ Bologna.

location_icon onemagStatua di Ali e Nino, Batumi

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Voglia di visitare la Georgia? Ecco i luoghi da prendere in considerazione

La Torre dell’Alfabeto Georgiano

Cosa vedere a Batumi, la torre dell'alfabeto
Batumi, la torre dell’alfabeto vista di notte

Non spostiamoci molto per ammirare un’altra delle cose da vedere a Batumi, la Torre dell’Alfabeto. Alta 130 metri e di notte splendidamente illuminata, la torre ha la tipica forma del DNA, arricchita proprio con le lettere dell’alfabeto georgiano, i 33 caratteri utilizzati solo dal popolo locale.

Prendete il panoramico ascensore di vetro per raggiungere l’ultimo piano, dove troverete un meraviglioso ristorante panoramico. La zona è in completo sviluppo, come avrete modo di notare proprio dai grattacieli e dalle costruzioni in verticale che stanno per illuminare sempre più i cieli di Batumi. A poca distanza dalla Torre dell’Alfabeto è stata anche realizzata recentemente una Ruota Panoramica, altra alternativa per ammirare Batumi dall’alto e anch’essa consacrata a simbolo della città.

location_icon onemagTorre dell’Alfabeto, Batumi

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Le città leggendarie della Georgia

Le strutture religiose di Batumi

Cosa vedere a Batumi

Cambiamo completamente genere per visitare i tanti edifici religiosi della città, moschee musulmane, chiese ortodosse e catoliche e anche una sinagoga ebraica.
La più visitata e più nota è la Cattedrale della Madre di Dio, eretta come chiesa cristiana nel XIX secolo ed in seguito diventata invece luogo di preghiera del culto ortodosso.

Tra le cose da vedere a Batumi annoveriamo la futuristica Chiesa del Santo Spirito, costruita negli anni ’90 dello scorso secolo come edificio per il culto cattolico. Il suo stile moderno l’ha resa una della attrazioni della città.
La sinagoga ebraica, infine, è l’edificio religioso più antico. Costruita nel 1094 nel periodo di occupazione russa, aveva lo scopo di fornire un luogo di preghiera per il popolo ebraico.

Altro da vedere a Batumi

Cosa vedere a Batumi

Completiamo la nostra passeggiata a Batumi dirigendoci verso la Piazza della Libertà dove si potrà ammirare il meraviglioso Orologio Astronomico e la Statua di Medea, il personaggio della mitologia greca nella cui mano destra conserva il vello d’oro, il simbolo della prosperità.

location_icon onemagStatua di Medea, Batumi

 

Proseguite senza una meta precisa per scoprire i vicoletti della città dove poter ammirare le vetrine dei negozi oppure sedervi in uno dei ristoranti in grado di farvi provare la tipica cucina georgiana. La gastronomia locale propone carni cotte alla griglia accompagnate da salse generalmente piccanti e servite con un buon calice di vino rosso.
Da provare la specialità locale, il Kachapuri, piatto che prevede una base di pane riempito con formggio e burro fuso e spesso servito anche con un uovo. Certamente non leggero ma se lo proverete a pranzo avrete modo di digerirlo prima di cena.

Non perdetevi uno dei luoghi più interessanti e più belli di Batumi, la Piazza Square, realizzata in insolito stile italiano. Con i suoi 5.800 metri quadrati, la Piazza Square di Batumi comprende ristoranti, hotel, pub e vari locali. Imperdibile nel periodo estivo quando si anima con musicisti, a volte con veri e propri concerti con artisti anche di fama internazionale.
Non lasciate Batumi senza aver preso la cabinovia sul Monte Anuria e ammirate l’intero panorama, davvero imperdibile.

Usciamo dai confini urbani di Batumi per visitare la Fortezza di Gonio, dove troverete un forte romano con l’antica cinta muraria che al suo interno ospita presumibilmente la tomba di San Mattia, uno dei dodici apostoli. Purtroppo a causa del divieto governativo di realizzare scavi non vi è la possibilità di scoprire se l’antica leggenda è realtà. Nella fortezza di Gonio merita anche una visita un piccolo museo che racconta la storia di Batumi. La distanza tra Batumi e Gonio è circa una ventina di km e rappresenta la migliore escursione per comprendere meglio la storia della città.

location_icon onemagFortezza di Gonio, Georgia

 

Icona web onemagSito ufficiale

 

Ultimo aggiornamento: 24 gennaio 2021


 

Condividi su: