Bath, la cittadina inglese da scoprire in un giorno

Bath, la cittadina inglese da scoprire in un giorno e unica meta balneare del Regno Unito. Ecco la guida di cosa vedere a Bath.

Cosa vedere a Bath, Regno Unito

Icona articoloPosta nella contea del Somerset, Bath è uno dei Patrimoni dell’Umanità UNESCO dal 1987. Con i suoi circa 3.000 abitanti, Bath -traducibile in ‘bagno’- vanta le uniche terme naturali di tutto il Regno Unito.
Ma non sono solo unicamente queste le peculiarità di una città che è meta turistica rinomata.

Qua, infatti, potremmo scoprire, attraverso i musei e le sue case in stile gregoriano, una parte della storia inglese alquanto importante.
Le sue relativamente ridotte dimensioni permettono poi di esplorarla completamente in un unico giorno, dando il giusto tempo a tutte le principali attrazioni.
Se poi vorrete fermarvi di più, i servizi di Bath sapranno soddisfare qualsiasi vostra esigenza.

La nascita di Bath

Cosa vedere a Bath

Le prime origini della cittadina a ovest di Londra pare siano da ricercare all’epoca celta. Quello che con certezza sappiamo è che per lungo tempo è stata colonia romana. Nel 43 a.C. furono proprio i romani a costruire le immancabili, per il popolo romano antico, strutture termali. Non è noto se, tuttavia, già in precedenza i celti scoprirono la sorgente e di conseguenza i romani non fecero altro che renderle disponibili.

L’Aque Sulis, in ogni caso, rappresenta uno dei complessi termali ottimamente conservati fuori dai confini nazionali.
Del resto il grande impianto utilizzato principalmente per la pulizia personale, oltre a diverse piscine, disponeva di tutto il necessario solitamente presente in una struttura termale. L’intero percorso, che comprendeva piscine di acqua fredda, tiepida e calda, garantiva una pulizia approfondita in grado di rilassare e rigenerare.

Caduto l’Impero Romano, Bath venne scoperta dai Sassoni che, pare, abbiano proprio dato alla città l’attuale nome. Con l’arrivo del popolo germanico, Bath iniziò a crescere e proprio qua venne incoronato il primo re dell’Inghilterra.
E’ il momento del Medioevo quando la città scopre la sua vocazione religiosa con la costruzione di una abbazia e anche di un grande monastero, perfette per completare l’offerta della cittadina termale.

I periodi bui iniziano ad arrivare qualche tempo dopo, intorno alla metà del 1500, quando Enrico VIII, il re reggente del periodo, fece distruggere l’abbazia e diede il via ad un periodo piuttosto cupo per Bath. Furono proprio le terme a permettere nuovamente la ricrescita e lo sviluppo, anche, di una nuova architettura urbana in grado di accogliere turisti e residenti.

Cosa vedere a Bath

Cosa vedere a Bath

Immancabile una visita alle Terme Romane, attrazione principale della città. Il suo ingresso, a pagamento, permettono sia la scoperta della struttura che la possibilità di immergersi nelle famose acqua sulfuree. Avrete anche modo di partecipare alla visita guidata oppure di munirvi di audio-guide e fare l’intero percorso in solitaria, aiutati dai tanti cartelli informativi.

Poco distante dalle Terme Romane trovano invece sede la cattedrale e abbazia della città. Bath Abbey è particolarmente suggerita dalle guide turistiche come edificio rappresentate dello stile gotico inglese. Sono da ammirare le alte vetrate che forniscono, all’interno, una luminosità particolare. Se vuoi ammirare Bath dall’alto recati sopra la torre, dove si avrà modo di godere di un panorama unico della cittadina termale.

Immergiti nella storia attraversando il ponte sul fiume Avon, costruito nel 1769, dove avrete modo di scorgere anche delle abitazioni. Una volta superato si potrà scorgere la Victoria Art Gallery, la galleria d’arte con una serie di dipinti che spaziano dall’arte classica fino ad arrivare a quella moderna. La sua costruzione risale al 1897 e si riconoscerà anche per la statua della Regina Vittoria. La struttura, infatti, è stata realizzata in occasione del 60° compleanno dell’allora regnante e l’accesso è gratuito ad eccezione di alcune mostre temporanee che invece prevedono un biglietto di ingresso.

Altro edificio interessante da visitare a Bath è il Holburne Museum, all’inizio costruito per diventare un hotel di lusso ed in seguito valorizzato come edificio museale di arte ed arredamento. Altro museo di Bath da non perdere è il Jane Austen Centre, dedicato alla scrittrice inglese che qua trascorse molto tempo durante le sue pause di riposo.
Sempre in tema culturale annoveriamo il Fashion Museum, una mostra che racconta la storia della moda con una importante collezione di abiti contemporanei e storici.

Raggiungere Bath da Londra

Cosa vedere a Bath

Rispetto alla capitale inglese, Bath dista circa 200 km. E’ possibile raggiungerla in treno dalla stazione di Paddington, la stessa che unisce Londra con l’aeroporto di Heatrow.
Da qui serviranno circa 90 minuti per raggiungere la stazione ferroviaria di Bath.

Se preferite viaggiare in bus prendete l’autobus della National Express che collegano la stazione di London Victoria con Bath. I bus collegano le due città con corse di circa 2h 30m con partenze dalle 7.30 del mattino fino alle 23.00
E’ la soluzione ideale se non si ha particolarmente fretta e se si vuole ammirare parte della campagna inglese. Il costo del biglietto di sola andata, acquistato in anticipo on line, è di £ 7.
L’arrivo a Bath è su Dorchester Street, in pieno centro città e a pochi passi dalla stazione ferroviaria di Bath Spa.

Scopri di più:

Newcastle-upon-Tyne, la vivace città inglese
Birmingham, cosa vedere nella seconda città inglese
Dormire in un Botel, l’albergo galleggiante
Cosa vedere ad Aberfeldy, Scozia

 

Condividi su: