Guida alla Basilica di San Nicola, Tallinn

Basilica di San Nicola, Tallinn | Cosa vedere nella Basilica di San Nicola di Tallinn


Condividi su:

La Basilica di San Nicola di Tallinn

Tutti gli articoli della Estonia
Basilica di San Nicola Tallin, mappa
© Google Maps

icona-articolo

La Basilica di San Nicola di Tallin è uno dei simboli della città vecchia della capitale estone. Nota anche con il nome di San Nicolò, l’edificio ecclesiastico è uno dei tanti gioielli medievali che possiamo incontrare nel centro storico della città. La sua posizione, giusto ai piedi della collina di Toompea, la rende perfetta per essere visitata contemporaneamente alla Cattedrale ortodossa Alexander Nevski, l’edificio ecclesiastico simbolo dell’Estonia.

La Basilica di San Nicola è intitolata al santo venerato sia dal culto cattolico che da quello ortodosso e patrono dei commercianti e dei marinai.

 

Cenni storici

Basilica San Nicola di Tallin, veduta notturnaLa sua costruzione risale al XIII secolo, voluta proprio da mercanti di Gotland, l’isola svedese del Mar Baltico. Furono loro infatti a voler realizzare una basilica che potesse dare il giusto spazio spirituale ai tanti marinai che passavano dal porto commerciale di Tallinn. Oltre che istituto religioso, la basilica aveva lo scopo di dare anche asilo ai tanti rifugiati e ai numerosi senzatetto che all’epoca ricercavano nella capitale estone ristoro e rifugio.

All’epoca della sua costruzione, Tallinn era una priva di strutture difensive. La scelta di porre delle sbarre al suo ingresso nasceva proprio dall’esigenza di creare una basilare forma di protezione. Nel XV secolo Tallinn riuscì finalmente a dotarsi di protezioni e l’edificio poté dedicarsi a tempo pieno alle sue attività religiose. Fu anche il secolo in cui si poté pensare a una serie di innovazioni, molte delle quali oggi ancora presenti. Tra il 1405 e il 1420 la Basilica si trovò oggetto di numerose lavorazioni, tra cui l’innalzamento della navata centrale, rendendo in questo modo proprio l’idea architettonica di una basilica. Quasi un secolo dopo fu la torre a essere eretta con una guglia in tipico stile tardo gotico. L’arrivo della riforma Protestante distrusse praticamente ogni edificio religioso della città tranne la chiesa di San Nicola, unica che riuscì a salvarsi grazie all’ingegno dei fedeli che ne impedirono l’accesso.

La storia più recente vide la Basilica di San Nicola di Tallin vittima di bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale che la distrussero quasi completamente. L’impegno degli abitanti riuscì tuttavia a porre in salvo quasi tutte le opere artistiche contenute, rendendole ancora oggi visibili. Dopo essere stata restaurata, nel 1981 vide una rapida riapertura a causa di un’incendio che costrinse a nuovi interventi alla guglia.  Nel 1984 venne quindi nuovamente riaperta al pubblico e si decise di dedicare una parte dell’edificio a museo.



 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo la Contea di Jogeva nell’est dell’Estonia

Cosa vedere nella Basilica di San Nicola di Tallinn

Cosa vedere nella Basilica di San Nicola di TallinnPiuttosto semplice quindi comprendere come della sua struttura originaria sia rimasto ben poco. Oggi l’edificio viene visitato in special modo per il suo interno, tra cui anche proprio per il Museo della Chiesa di San Nicola che conserva numerosi capolavori artistici. Nella chiesa sono presenti numerosi cimeli risalenti al periodo del tardo gotico e al Rinascimento nordico, opere che consigliano in maniera assoluta una visita all’edificio religioso. Tra i tanti capolavori che meritano essere ammirati, uno degli imperdibili è il dipinto noto come “Danza Macabra” di Nokte, artista tedesco che raffigurava una delle danze spesso raffigurate nel tardo medioevo, quella fra uomini e scheletri.

Merita visitare anche la sacrestia, oggi nota come Stanza d’Argento, al cui interno sono conservati i tesori della Confraternita delle Teste Nere e la cui sede era proprio a Tallinn all’intero di un meraviglioso palazzo del centro storico, riconoscibile per il suo portone decorato in rosso, verde e oro. La confraternita, le cui origini risalgono alla fine del 1300, era presente unicamente in Estonia e Lettonia e tra le tante caratteristiche merita ricordare che proprio loro furono coloro che inaugurarono la tradizione dell’albero di Natale all’aperto. Tallinn fu infatti la prima città europea ad avere, ogni anno, il proprio albero natalizio sulla Piazza del Municipio.

Prima di lasciare la Basilica di San Nicola di Tallinn verificate che non siano in cartellone concerti. La perfetta acustica dell’edificio religioso la trasforma spesso in sede di concerti di musica classica.

 

I consigli delle nostre guide

OneMag - Guide / Esperti | Sophie Pisani
Sophie Pisani

La capitale dell’Estonia è una città da centodieci e lode. Tallinn gode di un ricchissimo patrimonio d’arte, tanto che sembra un museo all’aria aperta! Se vi piace la Basilica di San Nicola, amerete la Cattedrale di Aleksandr Nevskij: il più importante edificio religioso non solo di Tallinn, ma di tutta l’Estonia. Ma c’è di più, la Cattedrale, intitolata al Santo Principe Aleksandr Nevsky di Novgorod, è considerato il più grande edificio di culto del Baltico. Un biglietto da visita certo da non tutte le chiese. Che aspettate? Correte a visitarla!

Quando visitare la Basilica di San Nicola

Quando visitare la Basilica di San Nicola a TallinnLa Basilica di San Nicola di Tallin è aperta al pubblico tutti i giorni, tranne il Lunedì, dalle 10 alle 18 durante il periodo di Giugno a Settembre. Da Ottobre a Dicembre gli orari rimangono i medesimi ma l’apertura si riduce di un giorno, essendo chiusa anche il Martedì.

Ricordarsi che durante le feste nazionali estoni il museo è chiuso. Le chiusure programmate sono il 24 Febbraio, giorno dell’Indipendenza, il Venerdì Santo e il Lunedì di Pasqua, il 1° Maggio, il 31 Maggio, il 23 e 24 Giugno, il 20 Agosto e durante la Vigilia di Natale, Natale, Santo Stefano e il 1° Gennaio.

 

Icona web onemag nigulistemuuseum.ekm.ee/en




 

Condividi su: