Basilica del Pilar, il Tesoro della Spagna in Saragozza

La Basilica del Pilar, il Tesoro della Spagna in Saragozza, l'edificio religioso per eccellenza e seconda cattedrale cittadina, insieme alla Cattedrale di San Salvatore. La Basilica del Pilar è da tempo una meta di pellegrinaggio per venerare la Vergine che è proprio conservata al suo interno. Realizzata in stile barocco, la Basilica del Piliar è composta da tre navate ricoperte da volte a botte. Una volta entrati avrete inoltre modo di vedere diverse bandiere del Sud America, essendo la Virgen del Pilar patrona sia di Saragozza che di tutti i paesi del mondo di lingua spagnola. Conosciamo la Basilica del Pilar.

Scopriamo la Basilica del Pilar
di Saragozza

icona-articolo

Quello che rappresenta l’edificio religioso per eccellenza a Saragozza è la seconda Cattedrale cittadina, oltre a quella di San Salvatore.
La Basilica-Cattedrale, infatti, è il più importante Santuario Mariani di Spagna, e tra le principali di tutto il mondo. E’ contemporaneamente il primo Santuario dedicato a Maria e la sua storia ci riporta all’antica tradizione.
La Basilica, infatti, venne intitolata a Maria poiché veniva venerato il pilastro dove l’apostolo Santiago era apparso.
Il nome dato alla Basilica deriva proprio dalla colonna, pilar, conservata nella chiesa dove ora troviamo la statua di Maria.

Grazie a questa tradizione Saragozza è diventata anche una meta importante di pellegrinaggio con milioni di fedeli che raggiungono la Basilica del Pilar  per riverenza verso l’immagine della Vergine che è conservata proprio all’interno della struttura religiosa.

Oltre a essere uno tra i più importanti luoghi di devozione, la Basilica Nuestra Senora del Pillar è inserita anche tra i migliori esempi di chiesa barocca di tutta la Spagna. Anche in questo caso ci troviamo di fronte a una serie di modifiche che l’hanno quasi completamente stravolta rispetto alla prima costruzione.

Cosa vedere nella Basilica del Pilar

La Basilica del Pilar di Saragozza

Una volta entrati avrete modo di osservare le tre navate dell’edificio, ricoperte da volte a botte. All’interno, pratica oramai sempre più diffusa, è vietato fare qualsiasi ripresa fotografica.
Superato il portone d’ingresso sarete accolti da diverse bandiere dei paesi del Sud America. La ragione della loro presenza è data dalla Virgen del Pilar che oltre a essere patrona di Saragozza è contemporaneamente anche patrona di tutti i paesi di lingua spagnola.

Una volta attraversato l’atrio incontrerete proprio la statua della Virgen del Pillar che, il 12 ottobre giorno della scoperta degli Stati Uniti, viene portata in processione, a rafforzare il simbolo di venerazione anche fuori dai confini spagnoli. Solo durante la processione sarà inoltre possibile toccare la statua, che per tutti i rimanenti giorni rimane distante dai fedeli.

Proprio di fronte troverete la Cappella della Vergine mentre proseguendo la visita potrete ammirare la cupola con gli affreschi di Francisco Goya, l’ultimo lavoro dedicato a opere esposte in luoghi pubblici. Per tale ragione, forse proprio per la sua volontà di proseguire la sua attività con opere destinate solo a edifici privati, l’affresco non risalta particolarmente, lasciando quasi indifferente il visitatore.

Dirigendosi verso il fulcro della Basilica potrete osservare l’altare maggiore, piuttosto somigliante a quello della Cattedrale del Salvador ma di dimensioni più grandi. A lato non perdete anche la parte destinata al coro e il magnifico organo.

Se volete approfondire la conoscenza potrete anche visitare il Museo del Pilar, dove avrete modo di trovare diversi accessori utilizzati per la vestizione della Vergine, tra cui gioielli e altri dettagli qua conservati in maniera egregia. Per accedervi è necessario acquistare un biglietto d’ingresso.

Informazioni utili sulla Basilica di Saragozza

La Basilica del Pilar, Saragozza

Dal 1676 detiene il rango di Cattedrale della Bolla poiché la sede dove è presente l’arcivescovo di Saragozza è nella poco distante Cattedrale di San Salvador.
Dal 2007 rientra fra i 12 Tesori della Spagna, un progetto realizzato con lo scopo d’identificare le dodici opere artistiche imperdibili della Spagna.
L’accesso alla Basilica è gratuito, a pagamento invece l’ingresso al Museo del Pilar.

Scopriamo Saragozza

Saragozza, il capoluogo dell’Aragona
La Seo, la cattedrale di Saragozza
Il Castello dell’Aljafería e la sua bellezza architettonica
Il Teatro Romano di Saragozza
Plaza del Pilar, il luogo vivace di Saragozza
Parco José Antonio Labordeta di Saragozza

 

Condividi su: