Cosa vedere a Basilea, la terza città della Svizzera

Basilea, la capitale culturale della Svizzera


Condividi su:

Cosa vedere a Basilea, la terza
città della Svizzera

Tutti gli articoli della Svizzera
Cosa vedere a Basilea, mappa
© Apple Maps
icona-articoloAl confine con ⇒ Francia e ⇒ Germania, con cui condivide molto più di una semplice linea di confine, Basilea è una della città d’arte più importanti al mondo. Nonostante un numero di abitanti piuttosto esiguo, poco oltre i 170.000, la città ha 40 musei e gallerie, alcune riconosciute in tutto il mondo e visitate da migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo.

Cenni storici

Cosa vedere a Basilea, Rathausplatz
© Karlheinz Klingbeil / Flickr

Le prime notizie di Basilea risalgono al Paleotico medio, 130.000 anni fa circa, quando sul territorio vivevano gruppi sparsi di varia provenienza, perlopiù da Francia e Germania. Furono i romani, nel 40 a.C. a insediarsi e a fondare Basilia. La sua fama ha però inizio molto dopo, nel 1225 con la costruzione del primo ponte sul Reno che unì le due sponde del fiume e dando origine alla prima città non divisa da un corso d’acqua.

Nell’Europa del XIV secolo era una delle città più importanti, vi venivano eletti i papi e qua si incontravano re e imperatori. Basilea era considerata il centro del commercio e della scienza per tutto il centro Europa, ancora oggi sono molte le abitazioni e gli edifici che testimoniano la grandeur della Basilea in periodo medievale. Per la città non fu per tutto semplice, nel 1349 Basilea dovette invece affrontare la peste che uccise oltre 14.000 persone e qualche anno dopo, nel 1356, un terremoto la distrusse quasi completamente.

Ma Basilea non si fece certo scoraggiare: nel 1460 divenne il più antico centro di studi della Svizzera grazie alla realizzazione dell’Università. Grazie a questa tendenza culturale molte furono le brillanti menti che scelsero di vivere a Basilea, un atteggiamento tollerante che ha aggiunto ulteriore valore alla già alta reputazione di Basilea nel resto d’Europa Indimenticabile per esempio Nietzsche che qui divenne professore. La sua appartenenza politica alla Germania venne messa più volte in discussione e nel 1648 l’allora sindaco della città Wettstein riuscì a ottenere l’indipendenza dal Reich tedesco per la Svizzera.

Nel 1833 una breve guerra diede il via a una scissione interna. Gli abitanti della zona rurale scelsero di non seguire le direttive degli abitanti della città, ottenendo una indipendenza. Ancora oggi Basilea è suddivisa in due cantoni differenti, Basilea Città e Basilea Campagna. Basilea Città è oggi il cantone più piccolo della Svizzera, solo 37 km quadrati di estensione. In quel periodo Basilea si era sviluppata come centro di produzione di colori per i prodotti in seta, una prima forma di industria chimica che poi è divenuta farmaceutica, quella che ancora oggi domina l’economia locale.

Oggi Basilea rimane uno dei centri più importanti per lo studio ma anche per la finanza. La città è anche riconosciuta al mondo come un mercato internazionale di arte e antiquariato. Basilea rimane una città aperta alle innovazioni ma con uno sguardo alle tradizioni, la città forse più europea di tutta la Svizzera. La sua vicinanza con Francia e Germania la rende una tra le più favorevoli all’annessione della Confederazione all’UE.

OneMag-logo
Link-uscita icona  In viaggio a bordo del Trenino Rosso del Bernina

Cosa vedere a Basilea

Cosa vedere a Basilea, centro storico
Il centro di Basilea è caratterizzato da edifici antichi e moderni, riprendendo la sua caratteristica di città moderna con uno sguardo al passato. La città è di dimensioni piuttosto grandi, 22 km quadrati, nonostante sia abitata da poco più di 170.000 residenti. Basilea è suddivisa in quartieri e il Reno divide in due la città suddividendola in Kleinbasel e Grossbasel, ovvero Piccola e Grande Basilea a cui va aggiunto il centro storico, la Città Vecchia.

Iniziamo a scoprire cosa vedere a Basilea dalla Città Vecchia, la Altstadt. Composta da alcune colline, qua troviamo alcune delle attrazioni più visitate e che comprende anche il quartiere di St. Albans, quello definito il più romantico e contemporaneamente il più misterioso. Qui è il vero punto di incontro tra passato e presente della città, il quartiere che ospita musei e che comprende la Steinbergstrasse, la via del cinema e teatro, sede anche di Art Basel, fiera di arte moderna e contemporanea in programma dal 1970.

La Altstadt è anche una una delle zone più multietniche di tutta la città, ricca di locali e di residenti provenienti da buona parte del mondo. Il centro storico della città svizzera è una tra le zone ricche di storia con diverse attrazioni, tra cui il Municipio di Basilea e la Cattedrale.

OneMag-logo
Link-uscita icona Cosa vedere a Friburgo, la città bilingue

Municipio di Basilea

Cosa vedere a Basilea, Municipio

Il Rathaus di Basilea è la storia sede del Municipio(? indirizzo). Siamo di fronte ad uno dei capolavori dell’architettura gotica. Tra le cose da vedere a Basilea, il Municipio colpisce per la sua torre ma anche per il suo cortile interno, ricco di decorazioni. Al suo interno meritano una visita le camere del consiglio mentre i merli che compongono la facciata contengono gli stemmi dei 12 cantoni che all’epoca componevano la Confederazione.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Il Municipio di Basilea

Cattedrale di Basilea

Cosa vedere a Basilea, Cattedrale

Il Duomo di Basilea (? indirizzo) è tra gli edifici religiosi più importanti della Svizzera ed è il luogo di culto della Chiesa Evangelica. La sua costruzione, in stile romanico, risale alla meta dell’XI secolo ma un successivo sisma, nel 1356, la distrusse quasi completamente.
Venne ricostruita solo nel XVI secolo con una rivisitazione in stile gotico e caratterizzata da due torri gemelle che delineano la sua struttura.

All’interno troviamo una struttura a tre navate, resa molto luminosa dale sue vetrate.
L’importanza storica del Duomo, principale cosa da vedere a Basilea tra gli edifici religiosi, è sottolineata dall’aver ospitato il Concilio di Basilea.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Johann Wanner a Basilea, la Christmas House sempre aperta

 Il quartiere di St. Albans

Cosa vedere a Basilea, il quartiere St. Albans

Chiamato anche la Piccola Venezia, St.Albans è uno dei quartieri storici di Basilea con edifici risalenti ad alcuni secoli fa che si miscelano con nuovi edifici moderni. Il suo nome ricorda l’antico convento costruito nel 1083 che una volta caratterizzava il quartiere, oggi visibile solo in parte e trasformato in residenza privata. Una passeggiata per le vie di questo quartiere di permetterà di visitare, tra gli altri, il Museo di Arte Contemporanea e il Museo d’Arte. Nel quartiere, tipicamente medievale, avrete modo di osservare tanti canali, la ragione del suo soprannome.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo il capoluogo dei Grigioni, benvenuti a Coira

Kleinbasel

Cosa vedere a Basilea, Klein BaselSulla riva destra del Reno troviamo Kleinbasel, la Piccola Basilea, l’area preferita per lo shopping. Complice anche la minore presenza di attrazioni turistiche tutto sembra meno aperto e più tradizionale, nel senso di rigidità più che di storia.

Le principali attrazioni sono nella parte sud del Reno, accessibili mediante una passeggiata lungo tre ponti oppure anche attraverso un traghetto a fune che qua solca il fiume da metà dell’800.Già questa imbarcazione da sola vale l’esperienza. Sono delle piccola imbarcazioni di legno spostate solo dalla corrente del fiume e guidate mediante una fune che connette le due rive. Per salirci basta suonare la campanella posta sul molo per avvisare il guidatore e quindi entrarci.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo Thun, il romantico borgo della Svizzera

Lo zoo di Basilea

Cosa vedere a Basilea, lo zoo
© harald s2 / Flickr

Tra gli zoo più belli della Svizzera, lo zoo di Basilea è il più antico del paese, inaugurato nel 1874. Oggi al suo interno convivono centinaia di specie di animali diversi e il suo percorso è suddiviso in sezioni corrispondenti ai vari microclimi. Nell’area dedicata all’Africa potrete ammirare zebre, struzzi e ippopotami ma l’attrazione più visitata è quella dei pinguini, specie che da sola merita la visita. Aperta ogni giorno dalla prima mattina al pomeriggio inoltrato, lo zoo di Basilea è un’ottima idea se viaggiate con bambini. Si trova a pochi passi dalla stazione ferroviaria ed è facilmente raggiungibile da ogni quartiere della città mediante bus e tram.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Una pausa nella natura a Giessbach sul lago di Brienz

Altstadt Grossbasel

Cosa vedere a Basilea, grossbasel

Insieme al centro storico, Grossbasel costituisce il centro storici di Basilea, la zona posta sul lato sud-occidentale del Reno. E’ una delle parti più caratteristiche della città, con tantissime attrazioni. Il confine del quartiere si sviluppa lungo le antiche mura cittadine, risalenti al XIII secolo e al suo interno sono considerate anche il Municipio e la Cattedrale, oltre ad alcune aree di epoca romana. E’ collegato a Kleinbasel da una serie di ponti.

Il Mittlere Brucke è uno di questi ponti, in passato utilizzato come passaggio per il traffico locale durante lo sviluppo del Passo del Gottardo e dal XVI secolo improntato invece al commercio internazionale. L’arrivo del tram, nel 1905, ha dovuto dismetterlo come ponte commerciale spostandolo nel nuovo Mittlere Brücke. Sempre nel quartiere Altstadt Grossbasel troviamo due edifici, la White House e la Blue House, rispettivamente Wendelstörferhof e Reichensteinerhof, due edifici risalenti al 1763 e il 1175 come case residenziali e oggi invece sede del Dipartimento per l’economia e l’ambiente del comune di Basilea. Prima di lasciare Basilea non perdetevi la terrazza panoramica Pfalz, posta dietro alla Cattedrale e vicino a quello che in passato era l’ex Palazzo del Vescovo.Da qui si potrà ammirare, oltre che l’intero centro storico, anche la linea doganale che separa la città dalle vicine Francia e Germania.

Ultimo aggiornamento 17 aprile 2021


 

Condividi su: