Banjul, la città destinata a scomparire

Banjul, la città destinata a scomparire, una destinazione affascinante e da visitare prima che sia troppo tardi. Scopriamo Banjul.

Banjul, la città destinata a scomparire

Sull’isola di St. Mary, situata in mezzo alla foce del fiume Gambia, sorge Banjul, la piccola capitale del più piccolo stato africano, il Gambia. La sua origine, datata agli inizi dell’Ottocento è legata alla tratta degli schiavi della quale era importante centro commerciale.

Con l’indipendenza dai britannici nella seconda metà del Novecento la città assume un’altra identità e cambia nome passando dall’originario Batherst all’odierno Banjul. La sua realtà oggi è fatta di materie prime da lavorare e commercio marittimo.

Cosa vedere a Banjul

Per scoprire Banjul bisogna partire dal centro della città, July 22nd Square, la piazza di epoca coloniale che ospita un memoriale di guerra ed un parco giochi per bambini. Dalla terrazza dell’Arch 22, costruzione di 35 metri, si può godere di una meravigliosa vista panoramica sulla città.

Poco lontano dalla piazza si trova il National Museum con esposizioni sulla storia locale e laboratori artigianali ai quali è possibile partecipare. Mentre la King Fahad Mosque, con i suoi minareti ottagonali, completa lo skyline cittadino.

Alle spalle della città vecchia, caratterizzata di vecchi edifici coloniali in pessime condizioni, si trova il Tanbi Wetland Complex, un’area di 6 mila ettari ricca di corsi d’acqua e mangrovie nella quale è praticato il birdwatching.

Le spiagge

Se dopo l’immersione nella storia locale si vuole approfittare del relax fatto di mare, sole e sabbia, bisogna tornare sulla terraferma alla scoperta delle spiagge locali. Il servizio di traghetti che collega la città al continente, garantisce il trasporto immediato e sarà facile, quindi, concedersi qualche giornata in spiaggia.

La costa del Gambia è nota come Smiling Coast, per le su acque limpide e calde, la morbida sabbia dorata e la vegetazione rigogliosa che incornicia questi paesaggi. Ma è il tratto di costa che va da Bakau a Kololi ad ospitare le più belle località balneari del Paese.

Banjul, la città destinata a scomparire

Bajara Beach è la località turistica per eccellenza caratterizzata da numerose calette e scogliere a picco sul mare. Le acque sono caratterizzate da correnti marine che possono essere pericolose ed è quindi preferibile non allontanarsi troppo da riva.

La spiaggia di Kokoli è un altro luogo molto conosciuto e frequentato dai turisti, mentre Bijilo Beach è una zona ben servita nella quale è possibile godere di un po’ di relax, come a Cape Point le cui spiagge sono circondate da ricca vegetazione.

I luoghi più belli dell'AfricaI luoghi più belli da non perdere in Africa
I luoghi più belli dell’Africa, una rassegna di location davvero prestigiose ed uniche in tutta l’Africa. 

Continua a leggere


La spiaggia di Sayang si trova più a sud ed è un tradizionale villaggio di pescatori nel quale ammirare tanta bellezza naturale. Tra le capanne presenti sulla spiaggia si può osservare la quotidianità del luogo con le imbarcazioni che escono a pesca e godersi la pace rilassante del luogo.

Altre informazioni

Allontanandosi un po’ dal mare si può raggiungere Serekunda, una vivace cittadina che nata come un piccolo villaggio è ora la città più grande e popolosa del Paese, oltre che importante snodo di scambi commerciali, considerata la capitale operativa del Gambia.

Una decina d’anni fa la rivista Forbes dichiarò Banjul la città con più probabilità di sparire dal mondo nel breve termine, a causa della velocità di erosione del terreno e dell’innalzamento del livello del mare. Decidere di visitare la città prima che sia troppo tardi, potrebbe essere una scelta indimenticabile.

Scopri di più:

Guida allo Swaziland, il piccolo territorio nel sud dell’Africa
Le attivita alternative da provare in Sudafrica

 

Condividi su: