Condividi su:

Bangor, Maine, la città di Stephen King

Portale articoli del MainePortale articoli degli Stati Uniti
Mappa di Bangor, Maine
Mappa di Bangor, Maine | Dove si trova la città di Stephen King (Bangor, ME)

Icona articolo onemagTipica cittadina americana come tante, Bangor nel Maine è spesso scelta proprio per la sua tranquillità e per la presenza di numerosi college e università. Sono proprio le famiglie a spostarsi da altre città per scegliere di permettere ai figli il proseguimento degli studi. Bangor nel Maine è però qualcosa di diverso o quantomeno la si sceglie per una sua caratteristica, quella di essere la città dove abita Stephen King, uno degli scrittori contemporanei più noto con oltre 500 milioni di copie vendute.

La città americana è anche l’ambientazione di alcuni romani dello scrittore del Maine, chiamata però Derry, geograficamente posta a breve distanza da Bangor. Lo stesso King ha ammesso in più occasioni che Derry è di fatto la trasposizione di Bangor.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Uno dei musei più insoliti di New York, lo Skyscape

Cenni storici

Cosa vedere a Bangor, casa di Stephen KingLa città si trova nel New England, uno dei primi territori in America a essere stato colonizzato. La storia ci ricorda che nel Cinquecento, Francia e Inghilterra furono rivali nella colonizzazione del Nord America, con la Francia intenta a colonizzare il Canada e la zona più a nord degli Stati Uniti e la Francia quella più meridionale. Bangor nel Maine nasce nel XVI secolo, fondata dall’esploratore francese De Champlain. Fu lui a percorrere il Penobscot, un corso d’acqua che gli permise di raggiungere l’attuale territorio di Bangor. La città ebbe il suo primo sviluppo commerciale con la lavorazione e il commercio di pesce e di pelle animale.

I francesi vennero però presto allontanati dagli inglesi che conquistarono, senza troppa difficoltà, la zona del Penobescot e Bangor. Geograficamente la città nei suoi primi secoli apparteneva al Massachusetts fino al 1820 quando venne fondato ufficialmente il Maine.
Da cittadina commerciale di pelle e pesci, Bangor divenne presto un porto fluviale specializzandosi nella costruzione navale. Oggi la sua economia è diversificata e sviluppata sui servizi e sul settore terziario.

OneMag-logo OneMag-logo
Link-uscita icona  Cosa vedere nel Massachussets, 10 tra i luoghi imperdibili

Bangor, Maine

Come anticipato qui vive Stephen King e la città non lo ha certo tenuto segreto. Al contrario sono stati organizzati veri e propri tour, con tanto di operatori turistici specializzati, che propongono varie escursioni guidate in grado di mostrare i luoghi che richiamano il passaggio dello scrittore.

Nonostante sia il richiamo principale, la terza città del Maine e i suoi poco più di 35.000 abitanti non viene visitata unicamente per la presenza dello scrittore. La città ha la sua importanza, sede aeroportuale e anche di un casinò, due caratteristiche che hanno reso la città un punto di riferimento per il turismo in New England e nel Canada Orientale.

La Casa di Stephen King

Cosa vedere a Bangor, casa di Stephen King

Inutile però fingere di non volersene occupare: che si sia suoi lettori o meno, King è un richiamo che non può essere evitato. Almeno di sfuggita (il suo interno naturalmente non è aperto al pubblico) occorrerà passare davanti al cancello che conserva gli edifici di suoi proprietà.

La casa di Stephen King è un’imponente dimora vittoriana che nel prossimo futuro dovrebbe aprire al pubblico come museo. Accessibile in quel caso unicamente con prenotazione, oltre a un museo che racconterà l’intero suo percorso e probabilmente altro, al suo interno sarà realizzato un ritiro per scrittori, una sorta di abitazione che cinque persone per volta potranno frequentare. Al momento i dettagli non sono ancora noti.

location_icon onemag47 W Broadway, Bangor, ME 04401, Stati Uniti

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Maine, la guida turistica

I musei di Bangor, Maine

Tra i diversi musei che compongono l’offerta culturale della città, il più visitato è il Museum of Art (📌 indirizzo), il Museo d’Arte dell’Università del Maine. Noto come Zillman Art Museum University of Maine, la sua fondazione risale al 1946 e nelle sue origini era un centro riservato ai soli studenti universitari. Venne poi aperto alle visite del pubblico o oggi conta oltre 3800 opere d’arte del XX secolo, a cui si aggiungono anche fotografie e stampe originali. La mostra è davvero di altissimo interesse, con opere firmate da Andy Warhol, Pablo Picasso, Diego Rivera, University of Maine Museum of ArtAndrew Wyeth e Richard Estes. Inoltre, il museo ospita anche mostre temporanee e laboratori interattivi.

Il Cole Land Transporation Museum (📌 indirizzo) è un’altro ottimo museo che raccoglie una collezione di veicoli storici, tra auto, camion, treni, spazzaneve, autopompe e molto altro ancora. Lo scopo di questo museo è quello di permettere alle future generazioni di trarre ispirazione dal passato, sia a livello umano che di loro creazioni. Molti dei veicoli qua esposti erano di proprietà di grandi uomini di affari, di pionieri e di altre figure emblematiche che hanno fatto la storia dello Stato del Maine. La sua apertura è quotidiana da maggio a metà novembre.

Per concludere il Maine Discovery Museum (📌 indirizzo) è quello maggiormente indirizzato ai più giovani. Il Maine Discovery Museum offre aree dedicate alla natura, alla flora e fauna, al corpo umano, all’arte, alla tecnologia e alle culture del mondo. È anche sede di programmi settimanali dedicati all’arte, alla matematica, alla scienza, al benessere e al fitness.

L’Hudson Museum (📌 indirizzo) della vicina Orono è un’altra istituzione firmata dall’Università del Main, situata nel campus del Collins Center. Il Museo Hudson raccoglie ed espone una vasta collezione di storici manufatti e reperti archeologici appartenenti a diverse culture del mondo. La mostra permanente si caratterizza per l’incredibile ammontare di pezzi esposti: 2000 ceramiche pre colombiane, 900 oggetti degli indiani del Maine, arte della costa nord-occidentale e ceramiche di molte altre culture dei nativi americani. L’Hudson Museum è aperto dal lunedì al sabato fino alle 16:00. L’ingresso è gratuito.

OneMag-logoLink-uscita icona OneMag-logo
Link-uscita icona Bar Harbor, Maine | Cosa vedere a Bar Harbor

Le attrazioni naturali

Bangor, Acadia National Park
Acadia National Park

Usciamo dal centro urbano per raggiungere due luoghi dove è la natura la protagonista, l’Acadia National Park (📌 indirizzo) e la Bangor City Forest (📌 indirizzo)

Il Parco Nazionale di Acadia si caratterizza per il suo paesaggio incontaminato, avvolto dalle acque dell’Oceano Atlantico, costellato da foreste incontaminate e punteggiato da tanti laghetti cristallini. L’Acadia National Park si sviluppa nella Mount Desert Island e in diverse isole minori vicine. È il più antico parco nazionale statunitense posto a est del fiume Mississippi.

La Bangor City Forest, ufficialmente Rolland F.Perry City Forest, è invece posta nei confini della città, nella sua parte più settentrionale e sono un insieme di sentieri che conducono all’interno di un territorio di 680 acri interamente di foresta. I sentieri si sviluppano anche per chilometri e permettono di praticare numerose attività sportive all’aria aperta ma anche di essere attraversati in estate in bicicletta e in inverno con gli sci di fondo. Al suo interno troviamo quasi 30 km di sentieri in parte di proprietà della città di Bangor e in parte di altro ente pubblico creando un sistema collegato con la riserva di Penjawoc, a nord di Bangor.

Sempre in tema merita anche una visita il Cascade Park (📌 indirizzo), parco cittadino costruito nel 1934, il cui nome ricorda i giochi d’acqua presenti, un tempo una delle ragioni principali per entrarvi. Negli anni ’70 dello scorso secolo il parco, non manutenuto, vide un graduale deterioramento e solo alla fine del decennio successivo ripristinato. Oggi è una delle mete più frequentate in estate dei suoi abitanti che qua si recano per un picnic o più semplicemente per rilassarsi durante le calde giornate estive.

OneMag-logoLink-uscita icona OneMag-logo
Link-uscita icona Orlando, Florida | Cosa vedere a Orlando

Le altre attrazioni di Bangor, Maine

Bangor, Maine, statua di Paul Bunyan

Passeggiando per Bangor, Maine, avrete modo di osservare una grande statua, quella di Paul Banyun (📌 indirizzo). Alta una decina di metri, la statua rappresenta il folklore della cultura statunitense, un boscaiolo che rappresenta il simbolo delle tradizionali attività lavorative americane. Il personaggio è presente anche in altre città ma questo di Bangor è particolarmente interessante poiché è stato ripreso in entrambe le edizioni di IT, film tratto dall’omonima opera di Stephen King.

Di altro genere la Chiesa di San Giovanni (📌 indirizzo), edificio storico costruito nel 1885 al culmine del movimento anti-immigrati che rappresenta uno dei patrimoni culturali cittadini. Gli appassionati di cibo potranno recarsi al Bangor Farmers Market (📌 indirizzo), un vero raduno di agronomi e contadini locali che offrono in vendita diretta i propri freschissimi prodotti. Lo trovate ogni domenica pomeriggio tra maggio e novembre dalle 11 alle 14. Se invece volete conoscere la cultura dei dintorni, il Collins Center for the Arts (📌 indirizzo).

Situato nel campus dell’Università del Maine, il Collins Center for the Arts (📌 indirizzo) è un centro culturale in cui si tengono alcuni dei principali eventi cittadini. Ci troviamo nella vicina cittadina di Orono, situata immediatamente a nord rispetto Bangor. Al suo interno è presente la Hutchins Concert Hall, con 1435 posti a sedere, a cui si aggiungono la Minsky Recital Hall e la Bodwell Lounge Area. Il Collins Center è a tutti gli effetti un centro polifunzionale creato per vario genere di arti, dagli spettacoli teatrali ai concerti, dai film alla conferenze e alle esibizioni.

Inserito nel Registro Nazionale dei Luoghi Storici, il Mount Hope Cemetery (📌 indirizzo) è il secondo più antico parco cimiteriale degli Stati Uniti. Con il forte boom demografico del XIX secolo, i cittadini iniziarono a fare appello affinché si creasse un’area poco fuori il centro abitato in cui poter seppellire i defunti. Fu così che nacque il Mount Hope Cemetery, sviluppato su un appezzamento di 300 acri parzialmente rivestito da macchie boschive, affacciato sul fiume Penobscot.


 

Condividi su: