Condividi su:

Cosa vedere a Bagnoli del Trigno, Isernia

Tutti gli articoli del Molise

icona-articoloBagnoli del Trigno è nella provincia di Isernia, in Molise, caratterizzato da due differenti altitudini note come Terra di Sotto e Terra di Sopra. La prima, quella più modesta, è situata a 660 metri mentre la seconda, quella superiore, è invece a 783 metri sul livello del mare. Questa peculiarità ha avvalso al borgo il soprannome di “Perla del Molise“.

Con poco meno di 700 abitanti, Bagnoli del Trigno è collocato su un rilievo che divide il fiume Trigno dal torrente Vella ed è proprio la sua posizione a renderlo una attrazione turistica in grado di richiamare visitatori anche dalle vicine Campania e Abruzzo.
Pronti a scoprire cosa vedere a Bagnoli del Trigno?

Cenni storici

Cosa vedere a Bagnoli del Trigno, mappa

Le origini del borgo sono tutt’oggi avvolte nel mistero. Varie le leggende che attribuiscono varie ipotesi sulla nascita di Bagnoli del Trigno, ovviamente nessuna effettivamente confermabile. Per alcuni il piccolo borgo molisano ha avuto inizio con una sorgente termale che richiamò i primi abitanti attratti proprio dalle proprietà mediche del luogo. Secondo altri fu invece una popolazione preistorica, in fuga, a insediarsi vicino al Trigno.

Le prime notizie confermate ci portano invece nel Medioevo, periodo in cui Bagnoli del Trigno era governato da varie famiglie dopo essere stato un feudo del Contado del Molise.
La sua storia proseguì poi all’interno del Regno di Napoli per essere poi annesso al Regno d’Italia. L’adesione all’Italia unita diede un nuovo forte impulso e il paese crebbe anche a livello demografico. Tuttavia il nuovo vigore fu di breve durata, presto gli abitanti scelsero di trasferirsi, andando a vivere quasi in massa nella capitale, Roma.
Oggi turismo e artigianato permettono al piccolo borgo della provincia di Isernia di splendere nuovamente.

OneMag-logo
Link-uscita icona Termoli, il gioiello del Molise

Cosa vedere a Bagnoli del Trigno

Cosa vedere a Bagnoli del TrignoLa sua doppia altitudine permette di dividere quasi idealmente in due distinte parti la visita. Nella parte inferiore, la Terra di Sotto, merita una visita la Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Assunta, il principale edificio religioso del borgo.
La chiesa più antica è invece la Chiesa di Santa Caterina d’Alessandria, il cui interno è ancora oggi lasciato alla semplicità del periodo di costruzione.

Merita anche aggiungere tra le cose da vedere a Bagnoli del Trigno la Cappella di San Michele d’Arcangelo, posta invece al di fuori del centro storico nella parte nord. La cappella risale all’Ottocento e costruita secondo lo stile neoclassico.
Sempre in zona periferica del borgo troviamo il Santuario della Madonna di Fatima, la struttura religiosa più moderna del paese, realizzata negli anni ’70 dello scorso secolo al cui interno trovano sede statue e dipinti.
Su uno sperone roccioso troviamo la Chiesa di San Silvestro Papa, costruita nell’arco di tempo tra il XII e il XIV secolo in più riprese. E’ la chiesa indubbiamente più scenografica del paese, posta all’interno di due rocce che permettono di visualizzare solo il portale di accesso e le pareti laterali. L’edificio, in stile romanico-gotico, è avvalorato dalla presenza di un campanile anch’esso incastonato nella roccia, che svetta su tutto l’edificio.

Meritano anche una visita nel borgo di Bagnoli del Trigno la Casa Romana, posta proprio nel fulcro storico del paese, elegante edificio che ricorda le tipiche case patrizie dell’antica Roma. La Fonte Vecchia è a breve distanza ed era il lavatoio principale, una grande vasca interamente realizzata in pietra.


 

Condividi su: