0
Condividi su:

Bad Ragartz, la cultura all’aperto di Bad Ragaz

icona-articoloBad Ragaz,  comune svizzero del Canton San Gallo di 5.800 abitanti posto nella Valle del Reno, ha una lunga tradizione come centro di cura e di benessere.
Dalla catena montuosa del Tamina sgorga infatti un’acqua terapeutica ad una temperatura di 37° C.

Bad Ragartz

Bad Ragazart

Qua ogni tre anni si celebra un evento conosciuto in tutto il mondo per la sua particolarità e per il suo fascino: il Bad Ragartz.

L’evento, una triennale giunta alla sua 7° Edizione (la precedente: 2015, la prossima: 2021) è presente da Maggio a Novembre oltre che a Bad Ragaz anche a Vaduz, la vicina capitale del Liechtenstein.
Ecco il   link ufficiale all’evento di Vaduz

Durante i sei mesi dell’evento, il centro termale di Bad Ragaz assume un nuovo volto, plasmato dall’arte.
Le circa 400 sculture rendono il comune uno spettacolo all’aperto, uno dei più grandi – di questo genere – in Europa.
Ovviamente visitare e ammirare Bad Ragartz è totalmente gratuito, basterà solo avere tanta voglia di scoprire l’arte moderna.

Sono tantissimi gli artisti, provenienti da paesi diversi, che hanno creato una (o più) sculture; ciò rende il comune un perfetto punto di incontro per appassionati e scultori.
L’esperienza di ammirare una città ricca di arte e di storia come questa è affascinante, unica nel suo genere.

Nel 2015 l’evento ospitò oltre 400.000 visitatori, che finanziarono -indirettamente, tramite hotel, bar e ristoranti- il Festival di quest’anno, arrivando a coprire l’intera cifra di 2.1 milioni di franchi svizzeri.

Ecco alcune delle opere attualmente visibili a Bad Ragartz:

Rolf Hohmeister, l’organizzatore del Festival della scultura triennale, insieme a sua moglie Esther, ha affermato in un’intervista: “Questo non è un museo, non ci sono porte d’ingresso e non c’è neanche un vero e proprio biglietto.
C’è solo bisogno di avere più contatti con l’arte in qualsiasi sua forma.”
Ad ogni edizione Bad Ragartz aumenta di dimensione e di fama nel panorama artistico.
Alcune delle opere sono state realizzate anche da artisti italiani.

 

 

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0