0
Condividi su:

Cosa vedere ad Asilah, Marocco

Città del Marocco | Le 10 città del Marocco più belle

icona-articoloCon circa 25.000 abitanti, Asilah è una meta ancora non troppo conosciuta dal turismo di massa, splendida località balneare caratterizzata dalla presenza di una delle più belle spiagge della costa atlantica.
Asilah è anche da inserire tra le città da visitare in Marocco per la sua Medina, somigliante a quella di Link-uscita icona Essaouira ma più piccola e principale attrazione della cittadina.

Cenni storici

Mappa di Asilah
La mappa del Marocco con Asilah

Siamo a 46 km da Link-uscita icona Tangeri e ancora più a nord di Larache, importante porto del Link-uscita icona Marocco.
La sua storia ci riporta ai Fenici, i suoi fondatori, ma furono i portoghesi, nel Quattrocento, a svilupparla, costruendo il porto e le varie fortificazioni che ancora oggi sono visibili.
I portoghesi capitolarono ai marocchini che a loro volta la persero durante l’assedio spagnolo.
Asilah fece parte del protettorato spagnolo in terra marocchina.

La notorietà di Asilah è piuttosto recente. Le guide turistiche, fino all’inizio degli anni Ottanta, le dedicavano giusto un paio di righe, perlopiù con riferimenti alla Medina e alla sua fortificazione. Alla fine degli anni Settanta furono un fotografo e un artista a voler cambiare le sorti di questa piccola cittadina a nord del Marocco.
Decisero infatti di invitare alcuni pittori per realizzare dei murales che avevano lo scopo di abbellire i bastioni portoghesi risalenti al XIV secolo. L’idea ebbe notevole successo e da questa iniziativa venne organizzato un festival che dura l’intera estate, un Festival delle Arti che oggi richiama decine di migliaia tra visitatori e artisti.

Link-uscita icona Marrakech, la capitale culturale del Marocco

Cosa vedere ad Asilah

Cosa vedere ad Asilah. MedinaSe siete alla ricerca di una meta storico-culturale, dove visitare palazzi, musei e monumenti, allora non siete nel giusto posto. Qui infatti si viene sostanzialmente per le sue spiagge e per visitare ma Medina.
La città è divisa in due sezioni, la Medina e il resto. La seconda è la periferia e quella meno turistica, mentre la Medina è caratterizzata dalla fortificazione e dalle sue porte di accesso.

La medina di Asilah

La medina di Asilah è interamente racchiusa nelle mura e le sue piccole dimensioni permettono di visitarla senza difficoltà. Uno dei suoi lati si affaccia direttamente sul mare, dove è presente una piccola spiaggia e un bastione sovrasta l’oceano, il luogo preferito dai turisti che al calar del sole qua si ritrovano.
La Medina di Asilah è diversa da quelle di altre città del Marocco. Il suo interno è particolarmente calmo e rilassato, insolito rispetto alla frenesia della Medina di Tangeri e di quasi tutte le altre.

Delle tante abitazioni situate all’interno, una buona percentuale sono seconde case acquistate sia da marocchini, in particolar modo residenti a Tangeri, ma anche da spagnoli, dell’Andalusia in particolar modo.
Se capitate durante l’Asilash Arts Festival, l’evento estivo con cui la cittadina ha trovato la sua notorietà, avrete modo di ammirare i tanti pittori all’opera con la realizzazione di murales, alcuni delle vere opere d’arte.

OneMag-logo
Link-uscita icona Pronti a scoprire Rabat, la capitale del Marocco? Probabilmente è diversa da come l’immaginate

Le spiagge di Asilah

Oltre alla Medina ad Asilah si viene per le sue spiagge, alcune delle più belle in assoluto del Marocco. Il mare di Asilah è effettivamente il suo miglior biglietto da visita, acque chiare e limpide, non comuni se vi trovate a viaggiare per il paese.

La spiaggia più visitata viene anche chiamata con una serie di altri nomi ma per tutti è oramai semplicemente la Paradise Beach.
Caratterizzata da sabbia fine, la spiaggia è moderatamente lunga, più ampia nel centro e più sottile invece nei lati dove troviamo anche le scogliere.
Siamo a qualche km dalla Medina, in direzione sud, ed è possibile arrivarci anche in carretto, nonostante un percorso di oltre 1 ora non sempre confortevole. Dopo aver percorso un tratto di strada statale si dovrà infatti svoltare lungo una strada sterrata.
Nel tratto centrale della spiaggia, quella più ampia,  sono presenti numerosi ristoranti, ideali per un pranzo a base di pesce fritto.

Altra spiaggia da non perdere tra le cose da vedere ad Asilah troviamo la Sidi Mugais, nota anche come Playa del Santo. Si trova a sud della Paradise Beach ed è ancora più selvaggia e spesso deserta, anche se è presente un piccolo ristorante conosciuto più dagli abitanti che dai turisti.
Più lunga rispetto alla Paradise, la Sidi Mugais è raggiungibile unicamente in macchina, a noleggio o taxi che sia.

OneMag-logo
Link-uscita icona Ancora voglia di mare? Dirigiamoci a sud per visitare le spiagge e la città di Agadir

Quando andare ad Asilah

Il clima di Asilah è naturalmente influenzato da quella della vicina Tangeri.
I mesi più freddi sono quelli di gennaio e febbraio, dove la temperara massima difficilmente supera i 16°C. Al contrario i mesi più caldi sono luglio e agosto, dove la massima si assesta intorno ai 30°C e la minima non di sotto del 20°C.
Anche nei mesi più caldi, Asilah non è una meta eccessivamente calda, grazie al vento -anche se inferiore a quello della zona di Tangeri- che di sera costringe quasi ad indossare un piccolo maglioncino.
Il periodo migliore per visitare Asilah è quello tra maggio e fine giugno e i due primi mesi autunnali, settembre e ottobre.


 

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0