Cosa vedere ad Aruba, Caraibi | Guida di viaggio

Aruba, il cuore dei Caraibi


Condividi su:

Cosa vedere ad Aruba, la paradisiaca meta delle Antille Olandesi

Leggi tutti gli articoli dei Caraibi

icona-articoloVolete vivere l’esperienza del paradiso tropicale, con spiagge bianche e mare cristallino, relax e atmosfera caraibica da catalogo viaggi? Smettetela di far confusione con le mete e partite per l’isola di Aruba. Qui il mare è una favola blu, la sabbia ha la consistenza della cipria ed i servizi sono ottimi. E tutto è perfettamente integrato per offrire ai turisti una vacanza che supera le aspettative di amache tra le palme e spiagge a perdita d’occhio.

 

Cosa vedere ad Aruba

Cosa vedere ad Aruba, main street
La passeggiata principale di Oranjestad, Aruba

L’isola si trova nell’arcipelago della ex ⇒ Antille Olandesi, nel settore più meridionale del Mar dei Caraibi, a meno di 30 chilometri dalle coste del Venezuela e a 12 gradi di latitudine a nord dell’Equatore. Il clima, quindi, è ideale per una vacanza in qualsiasi periodo dell’anno.

Oltre all’olandese qui si parla il papiamento, una sorta di dialetto locale derivato dalle contaminazioni degli influssi spagnoli e britannici con gli idiomi africani risalenti al periodo coloniale.

La natura dell’isola non è uniforme:

  • Spiagge incontaminate tra le più belle al mondo, bagnate da acque limpide e calme con visibilità sino a 30 metri di profondità, lungo le coste sud- occidentali.
  • Terreno roccioso e selvatico, e coste battute dai venti alisei lungo il litorale nord-orientale.

Due mondi diversi che si uniscono nell’entroterra desertico pieno di cactus e incredibili formazioni rocciose talmente particolari da essere comprese nel Parco nazionale di Arikok.

Tra le caratteristiche naturali più suggestive che si formano sull’isola, ci sono i watapana, detti anche fofoti o divi-divi, gli alberi più famosi del posto che sembrano scolpiti dai venti alisei vista la forma, piegata verso sud-ovest, assunta dai loro tronchi.
Molti esemplari di watapana si trovano sulla spiaggia di Eagle beach ed, ormai, sono praticamente uno dei simboli fotografici di Aruba. Dopo il fascino della natura, è doveroso ammirare quello cittadino della capitale Oranjestad.

Una città piacevole da visitare, con un’architettura urbana che richiama uno stile coloniale molto moderno.
La storia di Aruba si apprende nei musei dove si trovano testimonianze delle civiltà passate dagli indiani Arawak che un tempo abitavano l’isola, alla dominazione spagnola ed inglese.

Il fascino locale cresce esponenzialmente quando si tinge di modernità. Udite, udite: ad Aruba l’acqua è potabile.
In controtendenza con la pericolosità dell’acqua di rubinetto dei paesi tropicali, fonte di disturbi gastrointestinali, qui è tutto sano grazie all’impianto di osmosi inversa.

Con questo sistema l’acqua del mare diventa potabile, secondo gli standard di qualità europea, e anche molto gustosa.
Forse per questo anche la birra di Aruba è davvero ottima. Da provare!

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Guida di Oranjestad, la capitale di Aruba

Le spiagge di Aruba

Ma ad Aruba si viene per il mare e, partendo dalla capitale, si trovano 20 chilometri di sabbia bianca sulla quale si susseguono le spiagge più belle dell’isola. Le prime che si incontrano sono Divi e Manchebo Beach, subito attaccata alla più famosa Eagle Beach.

Proprio qui ci sono le aree recintate dove le tartarughe di mare arrivano a deporre le loro uova e nel periodo della schiusa, nel cuore dell’estate, rigorosamente al tramonto, i turisti presenti possono godere di un momento bellissimo ed emozionante.

Gli amanti di birdwatching possono deliziarsi al Bubali Bird Sanctuary, l’oasi naturalistica che interrompe per poco il susseguirsi di spiagge, si trova Palm beach con gli alberghi e i resort più importanti.
Luogo perfetto insieme alla spiaggia di Hadicurari grazie al vento costante che favorisce gli sport come windsurf e kite surf. Per lo snorkeling, invece, è perfetto il reef di Boca Catalina.

Baby beach e Rodgers beach sono la meta ideale per le famiglie, con mare sempre calmo a profondità graduale. Santo Largo e Mangel Halto beach alla sabbia fine e all’acqua cristallina uniscono una cornice di mangrovie.

Ci sono poi le isole private alle quali si accede con escursioni a pagamento: Renaissance island, famosa per la colonia di fenicotteri che la popola, e De Palm island nella quale si nuota insieme al raro pesce pappagallo blu. Imperdibili anche le piscine naturali di Conchi e la spiaggia selvaggia di Moro beach.

Ultimo aggiornamento: 27 novembre 2021


 

Condividi su: