Antigua e Barbuda, guida turistica

Antigua e Barbuda, guida turistica delle due isole del Mar Caraibico da visitare almeno una volta. Ecco cosa vedere ad Antigua e Barbuda.

Cosa vedere ad Antigua e Barbuda,
due isole e due anime

Accarezzato dalle acque del Mare Caraibico e dell’Oceano Atlantico, si trova Antigua e Barbuda, stato insulare dell’America centrale. Al di là della definizione strettamente geografica, il posto è un gioiello ambientale e climatico da visitare almeno una volta nella vita.

Antigua ha 365 spiagge e manifesta il suo carattere tradizionale sul filo conduttore della musica onnipresente. Barbuda ha un profilo meno mondano e si presenta come un paradiso di bellezza e tranquillità.

Ecco cosa vedere ad Antigua e Barbuda

Raggiungere Antigua e Barbuda

Cosa vedere ad Antigua e Barbuda

Se state già pensando di prenotare il primo volo per raggiungere questo incanto, annotatevi qualche altra notizia per rendere la vostra vacanza degna di essere ricordata.

Le otto ore di volo che separano l’Italia da Antigua e Barbuda vi catapulteranno nella dimensione molto colorata ed accogliente di un Paese che ama le proprie tradizioni e sa offrire il meglio di sé ai propri visitatori.

Sull’isola ci si trova 5 ore (6 con l’ora legale) indietro rispetto all’Italia e, superata la scossa del fuso orario, subentra la frenesia di rivivere quelle ore per recuperare tempo e fare il pieno di bellezza e benessere.

St. Johns, la capitale

Cosa vedere ad Antigua e Barbuda

St. John’s è la capitale di Antigua e la maggior parte della popolazione dell’intera isola vive qui. L’Heritage Quay ed il Redcliffe Quay sono i punti nevralgici dai quali parte la magia del turismo locale. Il primo è il terminal delle navi da crociera che ospita anche le strutture più moderne dall’albergo al casinò e negozi duty-free. L’altro è la parte a metà strada tra l’evocazione del passato e la modernità incalzante.

Un tempo era il mercato degli schiavi, mentre oggi è un villaggio di capanne in legno ed edifici in pietra nei quali si trovano negozi e ristoranti, ma anche gallerie d’arte. Su tutto spicca l’imponente Cattedrale anglicana di Saint John’s. La chiesa risale al 1681 e, grazie alle alte guglie che caratterizzano la sua architettura, è il punto più alto della città.

Se alla cattedrale si arriva percorrendo Church Street, imboccando Market Street dove si arriverà? Esatto: al folkloristico mercato locale che il venerdì ed il sabato, quando l’esposizione di frutta ed oggetti di artigianato aumenta notevolmente, diventa un tripudio di colori e profumi.

Barbuda

Barbuda è più piccola e più selvaggia di Antigua e dopo il passaggio dell’uragano Irma a settembre dell’anno scorso, ha raccolto i cocci di una pesante devastazione che ha distrutto quasi tutti gli edifici dell’isola.

Anche la vegetazione è stata brutalmente ridotta dall’uragano, ma nonostante questo la natura meravigliosa continua a mostrarsi nell’esplosione di colori del mare che lambisce lingue di sabbia bianchissima e dalla consistenza della cipria. Vietato perdersi la meraviglia rosa dell’isola, la Pink Beach nota anche come Eleven Mile Beach.

A differenza delle tipiche spiagge caraibiche formate da una lingua di sabbia non eccessivamente larga, qui la spiaggia è molto ampia e permette di percepire la sensazione piacevole di serena solitudine, in uno spazio vasto e bellissimo.
Per apprezzare pienamente la bellezza del luogo, è preferibile arrivare alla Pink Beach dal mare, dopo una breve traversata in barca a vela partendo da Antigua. Sospinti dall’acqua si sarà accolti dalla luminosità del luogo che si tinge di sfumature magiche a seconda della posizione del sole.

Sì, è proprio uno dei posti da vedere almeno una volta nella vita e se si ha la possibilità di tornarci sarà più bello inebriarsi della bellezza naturale del posto e nutrirsi della sua doppia anima edificante.

Scopri di più: 

Musei da non perdere a Cuba
Vacanze Barbados, ecco il miglior hotel dell’isola

 

Condividi su: