Antalya, la capitale turca del turismo

Cosa vedere ad Antalya, la capitale turca del turismo con bellissime spiagge e diverse attrazioni storiche e culturali, quella che viene definita come porta mediterranea della Turchia. La città di Antalya è nota anche con il nome di Adalia ed è un centro storico di origine romana-ottomana. Tra le cose da vedere ad Antalya è imperdibile lo Yivli Minare un minareto che risale all'epoca della dinastia turca musulmana e che rappresenta il simbolo della città sieme all'attigua moschea risalente al 1373 ed ancora in uso. Ecco cosa vedere ad Antalya, la capitale turca del turismo. 2 min


Cosa vedere ad Antalya

Guida di Antalya, Turchia

icona-articoloModernità e lusso avvolti dall’impalpabile fascino della cultura antica: si presenta così Antalya, la porta mediterranea della Turchia.
La città si erge sull’omonimo golfo, dal quale è divisa da una magnifica spiaggia di ciottoli che arriva sino ai monti Bey. Ed oltre questa, il mare cristallino e la costa popolata da locali notturni, bar e ristoranti.

Antalya, conosciuta anche con il nome di Adalia, è una città a vocazione turistica che ai propri visitatori regala attrazioni di ogni specie.

Il quartiere di Kaleiçi, centro storico di origine romana-ottomana, conferma la sua rilevanza storica ed alcune rovine nei pressi del mare richiamano i fasti dell’epoca in cui il sito era uno dei principali porti romani.
Tra quelle meglio conservate e più imponenti ci sono la Porta di Adriano, costruita in onore dell’imperatore in visita alla città.

Cosa vedere ad Antalya

Yivli Minare
Yivli Minare

La città custodisce particolari luoghi di interesse, testimonianza di bellezza e ricchezza dei secoli passati. Lo Yivli Minare, per esempio, è un minareto interamente decorato da scanalature e risale all’epoca della dinastia turca musulmana dei Selgiuchidi.
Tra le cose da vedere a Antalya, lo Yivli Minare è il simbolo della città
e fa parte di un complesso che comprende l’attigua moschea risalente al 1373 ed ancora in uso ed il Mevlevi Tekke, il Monastero dei monaci Dervisci Rotanti, famosi per la danza con la quale esprimono la loro elevazione mistica. Poco distanti si trovano la torre dell’orologio e due tombe del quattordicesimo secolo.

OneMag-logo
Patara, viaggio nella costa turchese

Parco Karaalioglu, l’area verde di Antalya

Cosa vedere ad Antalya

Imperdibile anche il Parco Karaalioglu, una pittoresca area verde caratterizzata da vegetazione tropicale e numerose fontane che danno vita ad incantevoli giochi d’acqua.

Si tratta del luogo ideale per ritemprarsi dopo aver visitato musei e monumenti, al fresco degli alberi, in una quiete pervasa dallo sciabordio del mare poco distante. In questo meraviglioso contesto naturale spicca la torre di Hidirlik, risalente al II secolo, dalla quale si gode ancora oggi di una splendida vista sul porto.

OneMag-logo
Guida di Mersin, la costa sudorientale della Turchia

Il museo Suna e Inan Kirac

Antalya. Suna e Inan Kirac Museo

La visita al museo riserva la possibilità di entrare in contatto con un virtuoso esempio di museo privato, ospitato in un edificio splendido che, durante i restauri, ha mantenuto la sua facciata neoclassica, lasciando spazio alla rivisitazione degli interni.

Tra le cose da vedere ad Antalya, il museo è da annoverare tra le principali attrazioni. Conosciuto come Suna e Inan Kirac, il museo prende il nome dei due mecenati che hanno ideato il progetto espositivo e che qui espongono le loro collezioni private di strumenti di misurazione di ogni epoca storica e di preziose maioliche e ceramiche di Kütahya.

In linea con la tradizione turca, Antalya offre anche i suoi hammam, il Balik Pakari ed il Sefa, recentemente restaurati. Anche se il richiamo turistico è legato soprattutto alle splendide spiagge locali, tra le quali le più famose sono la Konyaalti Plaji, caratterizzata da ciottoli, e la Lara Plaji, indubbiamente la più bella.

 


Like it? Share with your friends!