Alla scoperta del territorio dell’Alaska

Alla scoperta del territorio dell'Alaska, tra storia e morfologia dello stato americano più selvaggio. L’Alaska è uno stato immenso, in gran parte selvaggio, è ricoperto dal buio per 6 mesi all’anno, con un clima inclemente ma con un territorio mozzafiato. Lo stato è attraversato da una leggendaria strada: la Dalton Highway. Qui sono presenti i più grandi parchi naturali del mondo e alcuni degli ecosistemi più intatti del pianeta. Scopriamo l'Alaska.2 min


0
15 shares
Alaska

Alaska, il selvaggio territorio degli USA
tutto da scoprire

icona-articoloL’Alaska è uno stato immenso. In gran parte selvaggio, è ricoperto dal buio per 6 mesi all’anno, con un clima inclemente ma con un territorio mozzafiato.

L’Alaska è comunemente associata al ghiaccio, al freddo e alla desolazione di foreste e montagne imbiancate dalla neve, ma non è solo così. L’Alaska è infatti un meraviglioso stato che offre innumerevoli attrazioni e attività ai propri visitatori.

La geografia dell’Alaska

Dalton Highway

L’Alaska è caratterizzata da poche città che animano lo stato, da miti estati piacevoli e Oceano di colore blu acceso che accompagna la costa occidentale del Nord America. Quest’ultimo è una risorsa vitale per l’Alaska: in inverno è difficoltoso percorrere le strade ghiacciate, quindi i principali scambi commerciali avvengono via mare.

Nonostante la zona urbana sia concentrata lungo la costa del Pacifico, le strade sono rare e solo per pochi chilometri sono asfaltate. Anche la capitale Juneau non è raggiungibile via terra, ma solo in barca oppure con mezzi aerei.

Il nord della regione, austero, selvaggio e disabitato, è attraversato da una leggendaria strada: la Dalton Highway, 700km di pura avventura che collegano Fairbanks con i pozzi petroliferi di Prudhoe Bay, sul mar Glaciale Artico.

La costa occidentale collega Point Hope al Circolo Polare, verso lo stretto di Bering affacciandosi sull’omonimo mare di Bering fino alle isole Aleutine, un territorio ancora più incontaminato e selvaggio.

OneMag-logo
Isole Aleutine: viaggio ai confini del mondo

La storia dell’Alaska

Alaska landscape

I locali delle zone estreme a nord chiamano la gita ‘spedizione’: ci si può muovere unicamente con gli idrovolanti. Non solo, richiede anche il possesso di armi da fuoco e una conoscenza profonda della natura estrema del territorio per sopravvivere alla fauna e al clima.

La costa meridionale dell’Alaska è la zona più accessibile ai turisti e con più attrazioni e luoghi d’interesse di tutto lo stato. 

L’Alaska è entrata nel territorio americano di recente, precedentemente questa regione era di proprietà della Russia degli Zar.

Gli americani acquistarono quel territorio che veniva chiamato ‘pezzo di terra inutile’ dagli oppositori nel 1867 per un importo di 7,2 milioni di dollari, che trasformati con il potere d’acquisto attuale sarebbero 576 milioni, una cifra grande ma non proporzionata all’immenso valore reale dell’Alaska.

Gli americani infatti acquistarono la regione per i suoi giacimenti d’oro, che resero la regione una delle più ricche di tutto il mondo.

Questo è un territorio dove tutto è esagerato. L’Alaska si estende per 21 gradi di latitudine e 43 di longitudine. Qui sono presenti i più grandi parchi naturali del mondo e alcuni degli ecosistemi più intatti del pianeta.

La sua superficie è attraversata da grandi catene montuose e da lunghi fiumi. La fauna è una delle più ricche e selvagge di tutto il mondo.
Le estati sono brevi ma caratterizzate da una esplosione di vitalità senza paragoni.

 


Like it? Share with your friends!

0
15 shares