Condividi su:

Cosa vedere ad Alicante

Tutti gli articoli della Spagna

Mappa di Alicanteicona-articoloAlicante, città portuale tra le più note della Spagna, è posta nel sud-est della penisola iberica ed è tra le mete più apprezzata della Costa Blanca. Un tempo città quasi di confine, oggi Alicante è moderna con uno sviluppo turistico continuo, sempre in costante crescita. Il suo paesaggio è quello tipico mediterraneo contornato da piccoli rilievi di montagna che permettono di godere di un clima mite e perfetto durante tutto l’anno.

Alicante è per questo chiamata la città del sole, grazie ai suoi 300 giorni soleggiati all’anno, perfetti per passeggiare nei lunghi viali di palme dove perdersi fra negozi e ristoranti e i tanti locali perfetti per una veloce pausa. Camminare lungo le strade di Alicante significa anche scoprire i luoghi dove storia e cultura hanno primeggiato nel tempo, specialmente nel Barrio di Santa Cruz, il suo imperdibile centro storico.

Alicante significa naturalmente anche mare e le sue spiagge sono sempre prese d’assalto da visitatori e residenti, prima di concludere la giornata in quella che è tra le città più movimentate della Spagna. Complice il fresco venticello, sarà facile iniziare dal Barrio per spostarsi poi altrove, scoprendo i locali della movida notturna e le taverne che chiudono anche molto tardi, permettendo di mangiare anche a notte fonda.
Pronti a scoprire cosa vedere ad Alicante?

Cenni storici

Cosa vedere ad Alicante, veduta panoramicaAlicante è una città con tremila anni di storia alle spalle con i suoi primi insediamenti incentrati sulle pendici del monte Benacantil, oggi occupato dalla sua attrazione principale, il Castello di Santa Barbara. Era proprio la fortezza il fulcro cittadino, garantendo sicurezza sia per la sua posizione affacciata sul mare che per l’altitudine, entrambi i punti di forza che hanno spinto gli iberici a costruire proprio in questo punto.

Anche nei dintorni, in quella che è la zona di Benalua, sono stati ritrovati resti di quelli che era una città romana, Lucentum, quella che in seguito divenne proprio Alicante.
Furono i Mori a voler realizzare il primo nucleo urbano sotto la protezione del Castello prima di essere poi conquistata dai castigliani e diventare parte del Regno di Valencia.
Nel 1490 Alicante vide la sua prima importante conquista divenendo città e giusto un secolo dopo venne proclamata porto di Castiglia, iniziando un florido commercio marittimo che diede un impulso importante sia demografico che economico. Alicante divenne il terzo porto commerciale della Spagna.

Nel 1691 furono i francesi a voler occupare il territorio, bombardando dal mare per sette giorni consecutivi e, prima ancora che i suoi abitanti potessero riprendersi, furono coinvolti nella Guerra di Successione spagnola, iniziata nel 1701 e conclusasi solo nel 1714. Alicante decide di schierarsi con i Borboni, subendo il bombardamento e la distruzione del Castello di Santa Barbara per mano inglese.
Il secolo successivo la città si vide protagonista della Guerra di Indipendenza, dal 1804 al 1814, divenendo capitale del Regno di Valencia quando la stessa Valencia era sotto dominio francese.

Nel XVIII secolo Alicante vide il suo primo periodo di tranquillità dando modo, nel secolo successivo, di espandersi notevolmente. L’arrivo della ferrovia nel 1858 le permise di accrescere nuovamente il suo ruolo portuale, dando allo stesso tempo quasi un’aria cosmopolita di città sul mare.
Oggi Alicante è il capoluogo dell’omonima provincia, con una popolazione in crescita che ha superato i 330.000 abitanti. La sua economia oggi è quasi prevalentemente turistica.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo Maiorca, mare spiagge e cultura

Le spiagge di Alicante

Cosa vedere ad Alicante, le spiagge

Prima di scoprire le attrazioni, prendiamoci un momento per conoscere le spiagge di Alicante, una tra le principali ragioni di una vacanza nella città della Costa Blanca. Grazie a 250 km di costa, Alicante e la sua provincia sono rinomate per le innumerevoli spiagge, tutte con sabbia dorata affacciata sulle acque turchesi del Mediterraneo spagnolo.

Tra le migliori spiagge di Alicante segnaliamo quella di Cabo de las Huertas, poste a San Juan, fuori dai confini della città e appartenenti alla provincia di Albufereta. In estate è uno dei posti più frequentati grazie alle sue acque cristalline e anche meta naturista in alcuni tratti.

In Alicante città troviamo invece la Playa del Postigue, facilmente raggiungibile grazie alla sua vicinanza con il Castillo de Santa Barbara. Molti sono i turisti che la frequentano dopo averlo visitato per concludere la giornata in assoluto relax. La vicinanza al porto, a negozi e ristoranti, fanno di Playa del Postigue la spiaggia ideale cittadina.

Spostiamoci ora nell’isola di Tabarco, proprio di fronte alla città. Piuttosto vicina, meno di 11 miglia marine, l’isola offre una spiaggia con acque limpide e di sabbia chiara. E’ l’occasione perfetta per visitare anche la piccola isola che, nonostante le sue esigue dimensioni, ha ristoranti e negozi pronti ad accogliervi. Le partenze del traghetto avvengono dal porto ed è possibile unire anche ulteriori tappe da affrontare nei giorni seguenti o, se desiderate, il giorno stesso.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Scopriamo le Canarie, benvenuti a Fuerteventura

Cosa vedere ad Alicante

Alicante può essere scoperta come meta di viaggio oppure lentamente, sera dopo sera, al termine di una giornata balneare. Se avete scelta questa seconda opzione, realizzerete velocemente come la città, di giorno quasi un sonnolento villaggio, si trasforma e si prepara per la vivace vita notturna.

Sarà proprio questo il momento perfetto per scoprire le cose da vedere ad Alicante, quando il sole non è più cosi caldo e quando le luci della sera iniziano a mostrare una realtà completamente diversa. Niente di meglio che riprendersi dalla luce solare con un tapas bar, qua presenti a decine, oppure anche in un cocktail bar, iniziando a pregustare da subito la movida serale.

I visitatori più raffinati potranno invece scegliere direttamente di passare nei vicoli del centro storico per scoprire le ragioni che spingono a visitare Alicante anche per la sua architettura e la sua storia. Gli appassionati di arte potranno visitare uno dei tanti musei mentre se i vostri interessi sono nell’architettura avrete modo di ammirare davvero tanto. Iniziamo la nostra passeggiata scoprendo le strutture religiose di Alicante.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Ancora voglia di mare? Non perdetevi le bellissime spiagge di Ibiza

Gli edifici religiosi di Alicante

Cosa vedere ad Alicante, gli edifici religiosi

Numerose le chiese da visitare ad Alicante. Tra le principali iniziate a scoprire la città dalla Cattedrale di San Nicola, forse la preferita proprio per la sua architettura.
La Cattedrale risale al XVII secolo ed è nota per la sua architettura barocca, riconoscibile per il suo tetto a cupola blu. Il suo esterno è talmente affascinante che riesce a fondersi con quanto la circonda in maniera unica, dando quasi un’idea di proseguimento strutturale davvero impagabile.

Il suo interno colpisce per la sua luminosità, effetto dovuto dalla grande cupola azzurra e dalle pareti interamente bianche che avvalorano ulteriormente la luce presente. E’ proprio la sua cupola, che si erge per 45 metri, a rappresentare l’iconico simbolo della chiesa.
Qui è anche da ammirare la Capilla de la Comunión, posta nella cupola della cattedrale, altro imperdibile esempio di architettura barocca.

location_icon onemagPlaza del Abad Penalva, 2, 03002 Alicante
+34965212662

Icona web onemagSito ufficiale

Basilica di Santa Maria

Cosa vedere ad Alicante, la Basilica di Santa Maria

Altro fondamentale edificio religioso è la Basilica di Santa Maria, annoverata anch’essa tra le attrazioni più visitate di Alicante e non troppo distante dalla Cattedrale. E’ la struttura religiosa più antica, costruita in periodo medievale e ancora oggi splendente come fosse appena costruita. La Basilica è stata realizzata con lo scopo di offrire un luogo di culto cattolico in una zona dove erano solo presenti luoghi di culto arabo.

Realizzata in stile barocco, l’edificio è stato costruito e ristrutturato in vari secoli e pertanto presenta differenze architettoniche assai vistose. Da ammirare la facciata, dove è presente un’immagine della Vergine Maria, e il suo altare all’interno, realizzato in stile rococò.

location_icon onemagPlaza Sta. María, 1, 03001 Alicante
+34965216026

OneMag-logo
Link-uscita icona  Scopriamo le città balneari più romantiche d’Europa

Monastero di Santa Faz

Per concludere la nostra visita alle strutture religiose di Alicante ci spostiamo dal centro storico per raggiungere la poco distante frazione di Santa Faz, posta tra Alicante e Sant Joan. La sua prima costruzione risale alla fine del XV secolo ma quello che possiamo oggi ammirare è il frutto della ricostruzione avvenuta, in stile barocco, alla fine del XVIII secolo.

Il monastero è noto per contenere al suo interno il Velo di Gesù, qui presente dopo essere stato per lungo tempo nel Vaticano. Il velo ha una importanza primaria nel culto cattolico, venne infatti utilizzato per pulire il sangue dal volto di Gesù ed è la ragione principale dei pellegrinaggi, che culminano la seconda domenica dopo Pasqua. E’ possibile ammirarlo ogni giorno tranne il lunedì, il suo giorno di chiusura.

location_icon onemagCalle Mayor, 2, 03559 Santa Faz, Alicante
+34965217396

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo Segovia, capoluogo della Comunità Autonoma di Castiglia e León

Il Castello di Santa Barbara

Cosa vedere ad Alicante, il Castello di Santa Barbara

Il simbolo di Alicante è il suo castello, posto sulla collina Benacantil e meta quotidiana di centinaia di visitatori. La sua altezza sopraelevata rispetto alla città, 166 metri di altitudine, permetteva ovviamente di poter controllare l’intera area. Costruito nel Medioevo, è possibile visitarlo grazie anche ad alcune visite guidate che vi racconteranno i dettagli della sua storia.

Il suo nome ricorda che il castello venne conquistato dal principe Alfonso di Castiglia che lo espropriò agli arabi proprio nel giorno di Santa Barbara e in seguito ristrutturato durante il regno di Filippo II. Oggetto di numerosi attacchi durante i secoli, è stato infine restaurato e messo in sicurezza per essere aperto al pubblico nel 1963.

Si inizia la visita partendo dalla torretta da dove si proseguirà per vedere i resti del palazzo e raggiungere il piano superiore, dove hanno sede alcune tra le principali stanze. Qua sono presenti alcune tra le stanze più storiche del castello, tra cui il Salón Felipe II e il Patio de Armas.

location_icon onemagCastello di Santa Barbara, Alicante
+34965147160

Icona web onemag

Sito ufficiale

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo il Castello di Santa Barbara di Alicante

Il Barrio de Santa Cruz

Cosa vedere ad Alicante, il Barrio de Santa Cruz

Siamo nel quartiere più sopraelevato di Alicante, quello posto proprio ai piedi del Castello di Santa Barbara. Siamo anche nel quartiere più antico della città caratterizzato da una serie di vicoli, viuzze e piccole piazze contornate da casette che donano una ulteriore unicità al paesaggio.

Merita passeggiare con calma e osservare anche la struttura architettonica, in certi punti somigliante a quella dei paesi latini, con edifici che sfumano dal bianco al giallo senza dimenticare l’azzurro del mare. Passare da qua significa immergersi nella storia di Alicante ed è il luogo ideale in estate, quando sarà possibile godere di un pò d’ombra o sedersi in uno dei tanti tapas bar qua presenti.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Un tempo il più alto monumento religioso di Spagna, ecco la Giralda di Siviglia

I musei di Alicante

Tanti i musei che possono essere inseriti tra le cose da vedere ad Alicante. Tra questi interessante il MACA, il Museo d’Arte Contemporanea, inaugurato nel 2011 al posto del precedente Museo di la Aseguarada. All’interno tre sono le collezioni permanenti, una dedicata all’arte del XX secolo, una intitolata all’artista Juana Frances e infine la Collezione Eusebio Sempere.

Più insolito il Museo de Fogueres con la sua collezione dedicata ai fuochi d’artificio. All’interno del museo avremo modo anche di conoscere le origini della Hogueras de Sant Joan, la grande festa che si svolge tra i 19 e il 24 giugno, dove proprio i fuochi d’artificio sono i protagonisti. Ulteriori informazioni sugli “Hogueras de Sant Joan” sono disponibili sul sito ufficiale dei festeggiamenti.

Altro museo da non perdere ad Alicante è il Museo de Bellas Artes Gravina (MUBAG) che offre una ricca collezione d’arte del periodo compreso tra il XVI al XX secolo. Per concludere preventivate una visita anche al Museo Archeologico che ha ricevuto negli anni numerosi riconoscimenti per il valore storico dei reperti conservati.

La movida di Alicante

Cosa vedere ad Alicante, la movida serale

Alicante è conosciuta per avere una tra le migliori nightlife di tutta la Spagna. Qua sono infatti presenti numerosi locali notturni in grado di soddisfare tutti i gusti.

Tra le zone con il maggior numero di locali interessanti citiamo la zona portuale che è anche quella che attira il maggior numero di turisti. Molto vivace anche la zona delle spiagge, come quelle di San Juan e Postiguet, dove si svolgono alcune tra le migliori feste notturne estive.

Nella zona El Barrio, il centro più antico della città, troviamo il più grande afflusso cittadino di tapas bar, come indicato in precedenza. Se invece volete ascoltare della musica dal vivo puntate diritti verso l’area di Esplanada, dove durante tutta l’estate si svolgono dei piccoli concerti nei tanti locali della zona.
Ricordate infine che generalmente i locali aprono alle 23 per chiudersi alle 5 del mattino.

Quando visitare Alicante?

Il periodo migliore è naturalmente l’estate con temperature che raggiungono i 29° gradi. In inverno tuttavia la temperatura rimane gradevole, con una minima in gennaio che non scende sotto i 12°.

Alicante è infatti in grado di regalare quasi 10 mesi di sole ogni anno, con una temperatura media che si assesta ai 18,8°. Ogni stagione dell’anno è quindi l’ideale per visitare Alicante.
I mesi di Luglio e Agosto sono i più caldi ma anche i mesi più affollati in assoluto.

Ultimo aggiornamento 6 febbraio 2021


 

Condividi su: