Condividi su:

Alexanderplatz, la piazza di Berlino

Tutti gli articoli della Germania

Berlino, Alexanderplatz mappaicona-articoloSituata nel cuore di ⇒Berlino, la Alexanderplatz è uno dei maggiori simboli della capitale tedesca. Amichevolmente chiamata “Alex” dai berlinesi, l’Alexanderplatz già in epoca medievale era celebre per il suo ruolo centrale legato al mercato del bestiame. Fino all’epoca medievale, Alexanderplat era considerato il centro di Berlino, trasformata in passaggio esclusivamente pedonale durante la sua ricostruzione. Pochi anni dopo venne qua eretta la Torre della Televisione, la Fernsehturm, uno tra gli edifici più alti di tutta Europa.

Cenni storici

Alexanderplatz di Berlino, veduta della piazza

La piazza veniva chiamata, in epoca medievale, Ochsenmarkt per ricordare come questo era il luogo dove avveniva il grande mercato del bestiame e della lana. Oltre a questo ruolo, la piazza era il centro nevralgico di Berlino, dove avvenivano le parate militari. L’attuale denominazione di Alexanderplatz avvenne nel 1805 in onore della visita dello Zar Alessandro I a Berlino.

Durante lo scorso secolo, la piazza aveva raggiunto un ruolo di importanza internazionale. Definita la piazza più importante d’Europa, divenne nota a tutto il mondo grazie a un romanzo, Alexanderplatz Berlin, scritto nel 1929 da Alfred Döblin, autore tedesco che scelse il nome della più nota piazza berlinese per raccontare le vicissitudini di un ex-detenuto nella città ancora affranta dalla Grande Guerra. L’arrivo del nazismo pose in declino la piazza più importante d’Europa, distrutta dai tanti bombardamenti che la resero quasi un solo cumulo di macerie.

Occorre attendere l’arrivo degli anni ’60 per trovare uno tra i più grossi interventi di riqualificazione, lavori che allargarono la piazza e che avevano lo scopo di mostrare al mondo la potenza del regime sovietico. E’ il periodo in cui venne eretta l’altissima Torre della Televisione ma anche dall’Hotel Park Inn, ulteriormente rinnovato dopo l’unione della Germania. Salite sopra alla struttura per godere di una veduta unica e impagabile dell’intera Berlino, la terrazza è un bar aperto a chiunque. Imperdibile anche l’Orologio, l’Urania Weltzeituhr, una struttura in continua rotazione che mostra l’ora in ogni parte del mondo.

Alexanderplatz è un’eccezionale testimonianza multi-epocale. Infatti è possibile osservare come alcuni dettagli siano strettamente legati a certi periodi della storia, grazie alla presenza di concezioni urbanistiche distintive. Nel novembre del 1989 la Alexanderplatz di Berlino si ritrova a ospitare oltre 1 milione di persone pronte a manifestare contro il regime di Berlino est, in quello che oggi è ricordato come il più grande movimento antigovernativo nella storia della Germania.

Oggi l’Alexanderplatz è un’eccezionale luogo d’incontro moderno e dinamico, reso fulcro cittadino dello shopping in cui poter anche ammirare la Fontana dell’Amicizia tra i Popoli, la Brunner der Völkerfreundschaft, monumento costruito nel 1970 rispettando il tipico canone socialista che oggi però viene quasi unicamente come seduta per ammirare la piazza.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo il Reichstag, il Palazzo del Parlamento di Berlino

Cosa vedere ad Alexanderplatz

La Alexanderplatz di Berlino, particolare di edificio della piazza

La piazza è un punto di riferimento turistico per eccellenza grazie alla sua storia e alla presenza di numerosi edifici architettonicamente interessanti.

Tra le numerose strutture si citano lo storico Hotel Stadt Berlin, caratterizzato da un’altezza complessiva di 120 metri. La Haus der Lehrers, sede della commissione degli insegnanti, alla cui facciata e presente un magnifico murale. Infine, il palazzo dell’editoria, oggi Berliner Verlag: qua è ospitata la redazione del Berliner Zeitung, uno dei principali quotidiani della capitale tedesca.

Durante il dominio sovietico, negli anni ’70, la piazza è stata protagonista di una rivoluzione architettonica strettamente ispirata a quella socialista. Queste rivoluzioni architettoniche possono essere osservate nei alcuni edifici situati nell’Alexanderplatz, tra cui il celebre Centrum Warenhaus.

All’interno della piazza sono situate le già citate Brunnen der Völkerfreundschaft, la cosiddetta fontana dell’amicizia tra i popoli, e il Weltzeituhr, l’orologio universale del 1969.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Potsdamer Platz, l’area di Berlino simbolo del rinnovamento urbano

La Torre della Televisione

Alexanderplatz Berlino, la Torre della Televisione

Anche la Torre della Televisione è uno dei simboli di Berlino.

La sua storia è piuttosto recente, siamo nel 1949 quando il segretario del partito socialista Walter Ulbricht decise di voler dare dimostrazione dell’importanza di Berlino Est. L’obiettivo era naturalmente quello di dimostrare di essere altrettanto tecnologicamente all’avanguardia. Per questa ragione, oltre a rappresentare un edificio per la trasmissione del segnale televisivo era anche un simbolo della Repubblica Federale Tedesca e, infatti, si sarebbe dovuta vedere anche dall’altra parte del muro. A firmarla furono gli architetti della Germania est Fritz Dieter, Günter Franke e Werner Ahrendt.

Nell’Ottobre del 1969 venne inaugurata ufficialmente. La sua altezza, 368 metri, la pongono al vertice tra gli edifici europei aperti al pubblico. La sua cima di 200 metri, dove ha sede la sfera aperta ai visitatori, è raggiungibile con un comodo ascensore o, a scelta, con 986 gradini.

location_icon onemagAlexanderplatz, Berlino

 

Scopriamo Berlino

Berlino, la guida completa per visitare la capitale tedesca
Berlino, tra itinerari turistici e passaggi segreti
Capodanno a Berlino, ecco le idee per il nuovo anno
I ristoranti per vegani e vegetariani a Berlino
I migliori 4 music club della capitale tedesca
I luoghi non troppo conosciuti dai turisti a Berlino
L’Isola dei musei, l’arte e la cultura di Berlino
Berlino, gli atenei della cultura nella capitale tedesca
Porta di Brandeburgo, il simbolo della Germania riunita
Biblioteca di Stato di Berlino, visita al leggendario luogo storico
Potsdamer Platz, il rinnovamento di Berlino
Reichstag, il palazzo storico di Berlino

Ultimo aggiornamento 7 febbraio 2021


 

Condividi su: