Condividi su:

Acquario Kaiyukan di Osaka

Tutti gli articoli del Giappone

Acquario Kaiyukan di Osaka, mappaicona-articoloNel quartiere di Minato Ward, alla sua estremità sud-occidentale di Osaka, è situato l’Acquario Kaiyukan, inaugurato il 20 luglio 1990 e uno dei più grandi acquari al coperto di tutto il mondo. E’ facilmente raggiungibile in treno dal centro di Osaka con la linea circolare JR scendendo alla stazione di Bentencho per poi salire sulla linea C della metropolitana fino a raggiungere la stazione di Osakako. Dalla sua inaugurazione diversi gli ampliamenti effettuati, di cui l’ultimo risale al 2013, presentandosi oggi come una delle principali attrazioni della città di Osaka.

Guida all’Acquario Kaiyukan di Osaka

La struttura dell’Acquario Kaiyukan

Acquario Kaiyukan di Osaka, ingresso

L’acquario di Osaka si sviluppa in 14 grandi vasche per un totale di oltre 10 milioni di tonnellate d’acqua. Al vostro arrivo attraverserete un tunnel di vetro e, in scala mobile, salirete all’ottavo e ultimo piano per scendere attraverso 10 zone differenti, ognuna dedicata a una regione del Pacifico.

Prendete almeno un paio d’ore per visitarlo interamente, considerando che ognuna delle zone che ammirerete riproduce l’habitat originale e che alcune vasche sono invece collocate su diversi piani. I numeri che caratterizzano l’Acquario Kaiyukan sono di oltre 600 specie ospitate, per un totale di ben 30.000 esemplari.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Universal Studio Japan, guida al parco divertimenti tra i più visitati del Giappone

Le specie acquatiche dell’acquario di Osaka

L'acquario Kaiyukan di Osaka, veduta di una vasca

L'acquario di Osaka Kaiyukan, pinguni

Tra le numerose specie presenti nell’Acquario di Osaka Kaiyukan imperdibile è l’imponente squalo balena, che con i suoi 12 metri di lunghezza si aggiudica il gradino più alto nel podio degli animali più grandi presenti nella struttura. Molto amata dai piccoli è la lontra marina, presente in libertà nell’area più fredda del Pacifico settentrionale e nelle Isole Aleutine. Normalmente la lontra si nutre quotidianamente con una quantità di cibo complessivamente pari al 25% del suo peso.

I più piccoli avranno sicuramente modo di divertirsi ammirando le tre specie di pinguino qua presenti, il pinguino reale, il pinguino saltarocce e il pinguino papua, tutte specie di provenienza dall’Antartide. Tra le vasche più visitate quella dedicata al Pacifico settentrionale con l’Otaria della California risulta tra le più apprezzate in assoluto. Non avrete difficoltà a incrociare il suo sguardo mentre fissa, incuriosita proprio come voi, al folto pubblico presente di fronte la sua enorme vasca.

Dalle specie più celebri passiamo a quelle meno note, come nel caso del lagenorinco dai denti obliqui. Si tratta di un grazioso delfino presente nei mari aperti, caratterizzato dalla capacità di fare salti di 5 metri sopra il livello dell’acqua. Come per molte specie di delfini, anche il lagenorinco dai denti obliqui emette una vastità di suoni, che gli permettono di orientarsi nel territorio circostante e di trovare degli ipotetici predatori.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Osaka, guida alla terza città del Giappone

I percorsi dell’acquario di Osaka

L'acquario Kaiyukan di Osaka, i percorsi

Durante il percorso lungo l’acquario di Osaka, il visitatore si sentirà come immerso nell’Oceano Pacifico, protagonista di un viaggio alla scoperta dei magnifici abissi che caratterizza il vasto mare tra Giappone e USA. Si attraverseranno vasche tramite i tunnel sino a giungere ai vari ambienti, spesso molto diversi tra loro.

Tra gli ambienti, uno tra quelli di maggior rilievo è relativo alla fascia vulcanica che contorna l’Oceano Pacifico. Come è facilmente intuibile per alcuni disastri ambientali avvenuti nel corso dei secoli in Giappone, l’Oceano Pacifico è caratterizzato dalla presenza di un’attività vulcanica e sismica, chiamata Anello di Fuoco.

location_icon onemag1 Chome-1-10 Kaigandori, Minato Ward, Osaka, 552-0022
+81665765501

Icona web onemagSito ufficiale

 

Ultimo aggiornamento 12 Febbraio 2021


 

Condividi su: