Abruzzo

 

Box Abruzzo

 


Le province dell’Abruzzo

Chieti

L’Aquila

Pescara

Teramo


L’Abruzzo è un territorio ricco di tradizioni e luoghi interessanti. Tempestata da venti forti lungo l’area costiera, proseguendo nel montuoso entroterra si individuano alcune delle più alte vette appenniniche, fino a raggiungere il Lazio e la capitale, distante un paio d’orette.
La regione abruzzese è un punto di riferimento per la gastronomia e il turismo balneare, grazie ai numerosi litorali sabbiosi alcuni dei quali premiati con la Bandiera Blu.

Il territorio è stato vittima del tristemente noto terremoto del 2009, che devastò l’area de L’Aquila, causando danni enormi e la perdita di diverse testimonianze storiche. A distanza di più di un decennio la città è riuscita parzialmente a riprendersi, sebbene siano ancora evidenti gravi cicatrici che testimoniano il periodo duro vissuto dagli abruzzesi.

La regione, prevalentemente montuosa, nasconde villaggi e borghi egregiamente conservati, così come luoghi naturalistici davvero eccezionali, tra cui laghi e boschi. L’Abruzzo possiamo quindi confermare essere una destinazione perfetta per chi ama le escursioni e per chi, in estate, cerca frescura in montagna senza allontanarsi troppo dalla capitale.

Mappa dell'AbruzzoA dividersi il territorio abruzzese troviamo quattro province, rispettivamente quelle di Chieti, L’Aquila, Pescara e Teramo. Ogni capoluogo cela nei suoi confini diverse attrazioni storiche che meritano essere visitate, dagli edifici di culto sino a palazzi signorili. Ricco è anche il patrimonio culturale, testimoniato dalla moltitudine di musei sparsi in tutto il territorio.

L’Aquila, la principale vittima del terremoto del 2009, offre per esempio la Basilica di Collemaggio e quella di San Bernardino, due massimi esempi d’arte sacra in Abruzzo.
Il territorio montuoso, dominato dal principale altopiano del Gran Sasso, offre stazioni sciistiche rinomate e di qualità, tra cui quella raggiungibile in funivia da Campo Imperatore, a 2100 metri sul livello del mare.

Tra i luoghi naturalistici invece merita segnarsi le grotte di Stiffe, accessibili mediante un percorso ben curato che attraversa concrezioni calcaree difficili da trovare in Europa.  Altrettanto meritevole è il lago di Campotosto e il fiume Tirino, definiti come gli specchi d’acqua più limpidi di tutta Europa. Ultimo, ma non per importanza, è il parco regionale del Sirente Velino.

Lato storico è imperdibile la visita presso i resti romani di Alba Fucens, non molto distante da Santa Maria in Valle Porclaneta. A tema borghi i migliori sono quelli di Tagliacozzo, Capestrano, Castel del Monte e il suggestivo Santo Stefano di Sessanio.

Nel territorio di ⇒ Teramo i luoghi da non perdere sono altrettanto di alto livello. Prime tra tutte bisogna visitare le Gole del Salinello, che compongono un territorio di canyon mozzafiato e dominato da una delle più imponenti cascate della regione. Nella provincia di Teramo è situata l’antica città di Atri, che vanta un centro abitativo storico e panorami davvero suggestivi.

Teramo è sinonimo di eccezionale enogastronomia. Di primaria importanza è il Montepulciano Colline Teramane, l’unico DOCG in Abruzzo. Si aggiunge l’olio extravergine di oliva Pretuziano delle Colline teramane DOP. Da gustare invece è l’ottima piazza dolce di Teramo, imperdibile soprattutto tra i Monti della Laga e la Val Vibrata. Nell’area del Gran Sasso invece meritano il baccalà e la patata turchesa. Nella zona di Atri e della Val Fino infine è davvero ottimo il tatù, dolce di Bisenti con vino cotto, oltre al Pan Ducale e al tacchino alla canzanese.

In quel di ⇒ Pescara è imperdibile la Città Vecchia, famosa tra le tante cose per aver dato i natali a Gabriele d’Annunzio. Il territorio limitrofo, oltre a offrire stazioni balnearie di buona qualità, è ricco di luoghi storici e siti d’interesse. Quello delle abbazie è forse il più espressivo degli esempi, tra cui citiamo quelle delle terre dei Vestini e della Maiella, rispettivamente quella di San Clemente a Castiglione a Casauria e quella di San Liberatore a Serramonacesca. Per soddisfare il proprio bisogno di relax quella di ⇒ Caramanico Terme è la migliore destinazione, grazie alla sue fonti limpidissime. Di egual livello è Penne, nota per il suo lago, riserva natural regionale.

Quella di ⇒ Chieti è l’ultima provincia dell’Abruzzo, caratterizzata da un vasto territorio che fonde storia e natura. Lo stesso capoluogo vanta un ricco patrimonio di palazzi ottocenteschi e uno dei più importanti musei della regione, il Museo della Civitella, ricco di reperti di vario genere rinvenuti nel territorio.

Lanciano è la prima destinazione imperdibile, da vivere mediante il suo percorso sotterraneo, a cui si aggiunge la suggestiva Abbazia di San Giovanni in Venere. Nella provincia si trovano alcuni borghi, premiati con la Bandiera Arancione, davvero incredibili, quelli di ⇒ Fara San Martino, Palena e Lama dei Peligni, oltre che Roccascalegna. La gastronomia è l’altro punto di forza del territorio, con un patrimonio culinario che spazia dal brodetto di pesce alle paste artigianali. Lato enoteca si trovano diverse cantine artigiane meritevoli, che si sommano a quelle più estese, che costellano il Chietino Ortonese.