Condividi su:

Nairobi, 10 cose da vedere
nella capitale del Kenya

icona-articoloPopolata da più di 3 milioni di persone, Nairobi, capitale del  Kenya, è una delle città più sviluppate del continente africano. Nairobi si presenta come un ibrido che unisce il paesaggio incontaminato e protetto con alti palazzi moderni, rendendola una destinazione unica nel suo genere. Inoltre, Nairobi rappresenta il punto di riferimento per molti dei tour nella savana keniana.

Il centro città è ricco di grattacieli, come il cilindrico KICC, in cui è ospitato il “Kenyatta International Convention Centre“. Nell’area limitrofa al quartiere degli affari troviamo splendide attrazioni, come il Museo nazionale di Nairobi o il Karen Blixen Museum.
Non da meno anche il centro culturale Bomas of Kenya, ove è possibile ammirare le caratteristiche capanne che rappresentano le abitazioni dei maggiori gruppi etnici del paese, nonché esempio perfetto per la vita tribale tradizionale.
Sedetevi comodi e preparatevi a viaggiare con noi in una delle città più importanti di tutta l’Africa.

Le 10 cose da vedere a Nairobi

Numero 10 (dieci) onemagParco nazionale di Nairobi

 

Le 10 cose da vedere a Nairobi, il Parco Nazionale
Nairobi, il Parco Nazionale

Iniziamo il nostro viaggio a Nairobi, dall’estrema periferia: basta spostarsi di appena qualche chilometro per raggiungere una delle principali aree protette del paese: l’omonimo Parco Nazionale di Nairobi.

Ampio quasi 120 km² e situato a meno di 10 km dal centro città, l’area protetta rappresenta un raro e splendido esempio degli immediati dintorni di una grande metropoli. Inoltre, la biodiversità in questo luogo non è assolutamente inferiore a quella delle grandi praterie centroafricane.
Tra le tante specie troviamo la densa presenza di rinoceronti, oggi presente in quantità anche fin troppo elevata.

Il Parco Nazionale di Nairobi è il più antico del paese e unico al mondo a confinare direttamente con una grande città. Fondato nel 1946, la sua espansione esatta è pari a 117 km², che lo rendono facilmente visitabile anche con un’escursione di solo un giorno.
La vicinanza alla capitale del Kenya però non costituisce un pericolo per l’ecosistema, infatti tutt’oggi è possibile godersi il tipico paesaggio africano, con pianure, foreste, gole scoscese e una ricca biodiversità floreale, grazie anche alla vicinanza con il fiume Athi.

OneMag-logo
Link-uscita icona I 5 laghi più belli e spettacolari al mondo

Numero 9 (nove) onemagGiraffe Centre

Le 10 cose da vedere a Nairobi, il Giraffe Centre
Nairobi, il Giraffe Centre

Proseguiamo sempre fuori città, precisamente a Lang’ata, a circa 20 km di distanza dal centro di Nairobi. Il Giraffe Centre è stato istituito con lo scopo di proteggere gli esemplari di giraffe, in costante rischio di estinzione.

I visitatori vengono accompagnati dallo staff del centro il quale consegna un sacco pieno di mangime spiegando come nutrirli correttamente. Ogni esperto ha infatti il compito di raccontare come approcciarsi correttamente, senza timore ma con il dovuto rispetto.
Il loro mangime è un composto di mais, grano, erba, melassa e racchiude tutte le proprietà alimentari che questi animali necessitano per vivere in forma.

A rendere ulteriormente interessante il Giraffe Centre è il cosiddetto Sentiero Natura, un percorso naturalistico lungo 1,5 km, in cui è possibile ammirare la variopinta avifauna, con centinaia di specie presenti nelle aree limitrofe di Lang’ata.

OneMag-logo
Link-uscita icona Safari in Africa, ecco cosa sapere

Numero 8 (otto) onemagKaren Blixen Museum

Le 10 cose da vedere a Nairobi, il Museo Karen Blixen
Nairobi, il Museo Karen Blixen

Karen Blixen, scrittrice danese, è uno dei personaggi storici principali nella storia del Kenya. Per 15 anni la scrittrice visse in Kenya, proprio a Nairobi, dedicando, conclusa l’esperienza, la sua più celebre opera: La mia Africa.

Meglio conosciuto dal vasto pubblico per il film del 1985, vincitore di ben 7 oscar, La mia Africa ripercorre gli anni in cui Karen Blixen visse in una fattoria in Kenya con suo marito.
Oggi la più importante testimonianza è la casa in cui alloggiò durante la permanenza in Kenya. Situata a 10 km circa dal centro città, la casa risale al 1912 per opera dell’ingegnere svedese Ake Sjogren.

Nel 1931, a seguito del divorzio dal marito, Karen ritornò in Danimarca e la sua casa venne venduta ad un ufficiale britannico che la visse fino alla sua morte, nel 1954.
Un decennio dopo la casa cambiò nuovamente proprietà diventando parte dello stato danese il quale, al termine della guerra civile, la diede in regalo al Kenya come onorificenza della raggiunta indipendenza.

OneMag-logo
Link-uscita icona A spasso per l’Africa, ecco la guida turistica di Capo Verde

Numero 7 (sette) onemagBomas of Kenya

Le 10 cose da vedere a Nairobi, il Bomas of Kenya
Nairobi, il Bomas of Kenya

Il Bomas of Kenya è stato fondato dalla Cooperazione per lo Sviluppo Turistico del Kenya nel 1971. Questo centro rappresenta un’area turistica di un villaggio culturale, in cui sono ospitati oltre 40 gruppi etnici keniani.

Le tante capanne di paglia, a prima vista identiche fra loro, rappresentano il tipico stile di vita di ognuna di queste etnie.
Annesso al complesso troviamo un ampio auditorium da oltre 3000 posti a sedere, uno dei più grandi di tutto il Kenya. Costruito seguendo la forma classica della capanna di paglia, nell’auditorium si tengono quotidianamente spettacoli: le opere, eseguite dai vari gruppi etnici del Bomas of Kenya, sono prevalentemente musical, con canti e danze tipiche del luogo.

Per assaporare per intero la cultura tribale del Kenya, non può essere perso il ristorante Utamaduni, anche questo situato all’interno del Bomas of Kenya. Il menù si presenta ricco di prelibatezze provenienti da ogni angolo del Kenya, rendendo definitiva l’esperienza.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Un viaggio in Tunisia per scoprire Mahdia, la città portuale dall’elegante architettura

Numero 6 (sei) onemagNairobi Safari Walk

Le 10 cose da vedere a Nairobi, il Safari Walk
Nairobi, il Safari Walk

Gli animali tornano protagonisti nel Nairobi Safari Walk, una passerella di legno rialzata che si addentra nel fitto cuore della foresta alle spalle di Nairobi.
Al Nairobi Safari Walk il visitatore percorre un itinerario che lo accompagnerà all’interno di una riserva del Parco nazionale di Nairobi, in cui è possibile godere della presenza degli animali più celebri della Savana.

Tra le cose da vedere a Nairobi qui incontrerete grandi felini, antilopi, rinoceronti bianchi e numerose zebre, ossia le protagoniste indiscusse del luogo.
Da non perdere anche le 150 specie di alberi e a una ampia varietà di mammiferi, uccelli al primo posto.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Una città imperdibile, Algeri è la storica capitale dell’Algeria

Numero cinque (5) OneMagNgong Hills

Le 10 cose da vedere a Nairobi, la Collina Ngong
Nairobi, la Collina Ngong

Tra le cose da vedere a Nairobi citiamo le Colline Ngong, le cime di una cresta che percorre la Great Rift Valley, sita a Sud-Ovest rispetto alla capitale del Kenya, Nairobi. L’origine del nome “Ngong” può essere tradotta in “sorgente del rinoceronte“.

Affacciate a est sul parco Nazionale di Nairobi, a nord dalla capitale e a ovest dalla Rift Valley, le Colline Ngong si presentano con l’omonima riserva, che copre una superficie complessiva di 21000 kmq.

La vetta più alta raggiunge quasi i 2500 metri di altezza e la vicinanza alla capitale Nairobi rende questo punto perfetto per godersi un panorama sulla città. Sono molti gli abitanti che per il fine settimana si spostano qui, anche grazie a temperature più miti, per una delle escursioni tipiche del territorio.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Un parco nazionale esclusivo, quello del Lago Malawi

Numero 4 (quattro) OneMagMuseo Nazionale del Kenya

Le 10 cose da vedere a Nairobi, il Museo Nazionale
Nairobi, il Museo Nazionale

Istituito nel 1910 e restaurato completamente tra il 2006 e il 2008, il Museo Nazionale del Kenya, con sede a Nairobi, è il più importante complesso museale del paese.

All’interno del centro sono ospitate strutture per lo shopping e per la ristorazione, oltre che i più importanti cimeli inerenti alla storia, il territorio, la cultura e l’arte contemporanea del Kenya. In aggiunta, è anche presente un rettilario, i giardini botanici e numerosi percorsi nella natura.

Lungo il percorso è possibile godere del ricco patrimonio culturale di cui il Kenya è noto. Aperto tutti i giorni dell’anno, il Museo Nazionale di Nairobi è situato nella Collina del Museo, distante circa 10 minuti in auto dal centro di Nairobi.

OneMag-logo
Link-uscita icona Conoscete la città definita la più pulita al mondo? Si chiama Ifrane ed è in Marocco

Numero 3 (tre) OneMag Uhuru Park

10 cose da vedere a Nairobi, Parco Uhuru
Nairobi, Parco Uhuru

L’Uhuru Park è un parco pubblico ampio circa 13 ettari situato a pochi passi dal quartiere degli affari di Nairobi. Inaugurato al pubblico il 23 Maggio del 1969, l’Uhuru Park ospita al suo interno un lago artificiale, diversi monumenti nazionali e piste per skateboard.

Tra le cose da vedere a Nairobi si suggerisce questo parco per gli eventi di altissimo calibro, con incontri politici e religiosi.
Nel 1989, l’attivista politica Wangari Maathai assieme a molti suoi seguaci hanno tenuto una protesta al parco, tentando di fermare la costruzione del complesso commerciale di 60 piani del Kenya Times Media Trust. Grazie all’impegno dell’attivista il progetto è stato in seguito cancellato.

L’Uhuru Park è stato protagonista di un attacco terrorista nel giugno del 2010, ove numerose bombe esplosero, uccidendo 6 persone e lasciandone oltre 100 con ferite gravi.
Oggi rimane una delle attrazioni più visitate di Nairobi.

OneMag-logo
Link-uscita icona  La guida di una delle nazioni più piccole dell’Africa, il Gambia

Numero 2 (due) OneMag Uhuru Memoriale

10 cose da vedere a Nairobi, Uhuru Memoriale
Nairobi, Uhuru Memoriale

Situato lungo la strada di Lang’ata, a 15 minuti dal centro della città, Uhuru Gardens è il più grande parco commemorativo del Kenya.
Il suo nome, traducibile come Giardini della Libertà, sono divenuti Monumento Nazionale nel 1966, per via della loro importanza storica.

Qui venne issata per la prima volta la bandiera keniota, inaugurando l’indipendenza nazionale nel 12 dicembre del 1963. All’interno del giardino troviamo due monumenti che commemorano l’indipendenza del Kenya e un albero di Mugumo.
Quest’ultimo è il simbolo per eccellenza del luogo, visto che è stato piantato nell’esatto punto in cui la bandiera britannica è stata sostituita da quella keniota.

OneMag-logo
Link-uscita icona Un meraviglioso viaggio per immagini, quello delle Seychelles

Numero 1 (uno) OneMag Parco nazionale di Hell’s Gate

10 cose da vedere a Nairobi, Parco Nazionale Hells Gate
Nairobi, Parco Nazionale Hells Gate

Situato a nord-ovest da Nairobi, è una tra le escursioni più importanti da fare dalla capitale del Kenya. Con la sua estensione di oltre 68 kmq, il Parco Nazionale Hell’s Gate si trova nelle vicinanze del lago Naivasha, a 90 km da Nairobi e a 15km dalla più vicina autostrada.
Tra le cose da visitare a Nairobi è da preferire se volete immergervi nella natura ammirando anche il gipeto, l’avvoltoio barbuto tipico di queste zone.

Sono due gli accessi, quello principale di Elsa Gate e l’Olkaria Gate, dal quale si accede anche alla stazione geotermica di Olkaria situata all’interno del parco.
Il parco nazionale di Hell’s Gate è un’area naturale protetta del Kenya situata nella regione centrale del paese, a nordovest di Nairobi.

Ultimo aggiornamento: 10 settembre 2020


 

Condividi su: