10 cose da vedere a Bologna, capoluogo dell’Emilia Romagna

10 cose da vedere a Bologna, 10 tra le principali attrazioni del capoluogo dell'Emilia Romagna per non perdersi nulla delle attrazioni fondamentali della città. Tra le cose da vedere a Bologna ricordiamo la principale piazza cittadina, Piazza Maggiore, dove hanno sede numerosi edifici storici tra cui la Basilica di San Petronio ed il Palazzo del Podestà. Tra le altre cose da non perdere a Bologna segnaliamo anche la Basilica di San Domenico, la sede principale dei frati predicatori. Ecco le 10 cose da vedere a Bologna, il capoluogo dell'Emilia Romagna.

Le 10 cose da vedere a Bologna

icona-articolo

Bologna è il capoluogo dell’Emilia Romagna. Popolata da quasi 400.000 abitanti, la città di Bologna è una delle più importanti in tutto il mondo per la cultura, l’arte e la storia.

La città ha molto da raccontare a livello turistico e le 10 cose da vedere a Bologna sotto elencate rappresentano solo una piccola parte di tutte le attrazioni del capoluogo emiliano.
La città è situata in posizione strategica sia per dirigersi verso la costa romagnola che per recarsi a Firenze, dove con l’A1 Direttissima è possibile arrivarci in appena 1 ora.
L’architettura è variegata, diversi stili architettonici caratterizzano gli edifici del centro storico, offrendo una prospettiva sull’evoluzione artistica della città.
Per ultima, ma non meno importante, la gastronomia: Bologna è il tempio di alcune delle preparazioni culinarie più note in tutto il mondo, la sede di numerosi ristoranti d’eccellenza e del panorama gastronomico tra i più interessanti d’Italia.

Preparatevi a leggere con noi la guida su cosa vedere a Bologna, capoluogo dell’Emilia Romagna e punto di riferimento per l’arte dell’Italia centro-settentrionale. Ecco cosa vedere a Bologna.

Le 10 cose da vedere a Bologna

10. Piazza Maggiore

10 cose da vedere a Bologna

Situata nel cuore del centro storico, Piazza Maggiore è la principale piazza della città, risultato di costante evoluzione architettonica ottenuta nei secoli. Tra gli edifici di maggiore importanza si citano la Basilica di San Petronio, il Palazzo d’Accursio, il Palazzo del Podestà ed il Palazzo dei notai.

L’ampio spiazzo della Piazza Maggiore di Bologna, quando si decise di costruirla, era un terreno semi-periferico, con grandi prati e qualche abitazione che li punteggiava.
Il comune a partire dal 1200 acquistò i terreni, con l’obiettivo di costruire un’imponente piazza degna del nome di Bologna. Vi sono voluti diversi secoli, la oggi la Piazza Maggiore di Bologna è definita come una delle migliori di tutta Italia.

9. Basilica di San Petronio

10 cose da vedere a Bologna

In ogni guida su cosa vedere a Bologna viene citata la peculiare Basilica di San Petronio, facilmente riconoscibile per la sua facciata per metà incompleta. La Basilica di San Petronio è lunga 132 metri, larga 66 ed alta 47 e domina la Piazza Maggiore.

La costruzione della Basilica di San Petronio di Bologna incomincia nel 1390, dedicandola al patrono cittadino nonché ottavo vescovo della città vissuto nel 7° secolo. All’inizio del 16° secolo viene proposto un nuovo modello a croce latina, progetto che l’avrebbe resa più ampia della Basilica di San Pietro di Roma, e quindi la più grande chiesa al mondo.

Secondo una leggenda, nel 16° secolo Papa Pio IV vuole far interrompere la costruzione della Basilica di San Petronio di Bologna per dare maggiore priorità ad altri edifici ecclesiastici in città. L’edificazione viene definitivamente interrotta nella seconda metà del 17° secolo, lasciando incompiuta anche la facciata.
Rappresenta la principale attrazione tra le 10 cose da vedere a Bologna.

8. Fontana del Nettuno

10 cose da vedere a Bologna

La Fontana del Nettuno è situata al centro della Piazza del Nettuno. Collocata di fronte al Palazzo di Re Enzo, la Fontana del Nettuno di Bologna viene chiamata dai bolognesi ‘Il Gigante’, visto le misure notevoli: 3 metri e 20 di altezza e 2200 kg di peso.

La sua storia ha origine nel 1563, quando Papa Pio IV ordinò di innalzare una grande fontana nel centro città.
L’incarico viene affidato al pittore Tommaso Laureti, che a sua volta sceglie di affidare la realizzazione della statua di Nettuno allo sculture fiammingo Giambologna (Jean de Boulogne), che allora lavorava per conto dei Medici a Firenze.

7. Basilica di Santo Stefano

110 cose da vedere a Bologna

 

La Basilica di Santo Stefano di Bologna è uno degli edifici ecclesiastici più peculiari del Nord Italia. Nota come ‘Complesso delle Sette Chiese‘, in quanto racchiude edifici risalenti ad epoche diverse, l’origine della Basilica di Santo Stefano di Bologna è abbastanza antica, tanto che secondo alcune leggende è stato San Petronio a progettarne la prima edificazione.

L’edifico sorge sul sito di un antico tempio romano ed è dedicato al primo martire Stefano. Il complesso è strutturato in un insieme di vari edifici religiosi: chiese, cappelle ed un monastero, costantemente ampliati nel corso dei secoli.

6. Palazzo Comunale

10 cose da vedere a Bologna

Il Palazzo Comunale di Bologna è strutturato in due diversi complessi, Palazzo d’Accursio e Palazzo del Legato, unificati in un’unica pianta quadrangolare. L’edifico più antico è il Palazzo d’Accursio. I piani superiori del palazzo nella prima metà del 14° secolo vengono adibiti a residenza degli anziani consoli.

L’attuale facciata gotica, che possiamo ammirare da Piazza Maggiore, assieme alla torre dell’Orologio, è opera dell’architetto Fiervante Fiervanti, che impiegò 3 anni a costruirla, nella prima metà del 15° secolo.

Di alto interesse sono gli gli appartamenti del Legato Pontificio, da cui deriva il nome di Palazzo del Legato, il portale d’ingresso – opera dell’architetto Galeazzo Alessi – e la statua del Papa Gregorio XIII.

5. Biblioteca Salaborsa

10 cose da vedere a Bologna

Situata all’interno del Palazzo Comunale, nella struttura del Palazzo D’Accursio, la Biblioteca Salaborsa è una delle principali della città di Bologna.
Inaugurata nel 2001 ed affacciata nella Piazza del Nettuno, al suo interno sono ospitate risorse e documenti di vario genere: non solo libri, ma anche riviste, mappe, video e CD.

4. Basilica di San Domenico

10 cose da vedere a Bologna

Di grande rilievo artistico e storico, la Basilica di San Domenico di Bologna spicca tra tutti gli edifici religiosi per essere la sede principale dei frati predicatori. Il suo interno conserva i resti del santo fondatore dell’ordine, che decise di costruire questo splendido edifico, dietro l’altare di San Nicolò.

A seguito della morte del santo, datata 1221, i frati del suo ordine costruiscono una chiesa più grande, per conservarne le spoglie. L’edificio viene terminato nell’ottobre del 1251 e rappresenta uno dei principali modelli per le chiese in stile romanico.

3. Palazzo del Podestà

Bologna, Palazzo del Podesta

Proseguiamo il nostro itinerario presso le 10 cose da vedere a Bologna nel Palazzo del Podestà di Bologna. Nel 13° secolo il comune di Bologna decise di espropriare diverse abitazioni per fare spazio alla costruzione di Piazza Maggiore.

Nasce cosi il primo complesso di palazzi adibiti per le funzioni pubbliche, il Palazzo Capitano del Popolo, il Palazzo del Podestà ed il Palazzo di Re Enzo. Il Palazzo del Podestà era la prima sede del governo cittadino e l’aspetto originario si rivela molto simile a quello attuale.

2. Palazzo Re Enzo

10 cose da vedere a Bologna

Il Palazzo Re Enzo, noto anche come Palazzo Nuovo, viene costruito nella metà del 13° secolo, in contemporanea con il Palazzo del Podestà e con il Palazzo del Capitano del Popolo, con l’obiettivo di ampliare gli edifici delle funzioni pubbliche.

Dopo 3 anni dall’inaugurazione il Palazzo Re Enzo di Bologna divenne la residenza del Re prigioniero della Battaglia di Fossalta, da cui il palazzo prende il suo attuale nome, Re Enzo di Sardegna.

1. Palazzo dei Banchi

10 cose da vedere a Bologna

L’ultima attrazione della nostra guida sulle 10 cose da vedere a Bologna è il Palazzo dei Banchi. L’edificio costituisce uno dei lati che delimitano Piazza Maggiore di Bologna, nel dettaglio è situata alla destra rispetto alla facciata della Basilica di San Petronio, parallelamente al Palazzo Comunale. 

È l’ultimo edifico ad essere stato costruito in Piazza Maggiore, a cavallo tra il 15° ed il 16° secolo. Di particolare interesse è il suo porticato, dove nel rinascimento avevano sede le più importanti botteghe di cambio, dette anche banchi, da cui prende il nome l’edificio.

Scopri di più:

Bologna, la cultura a misura di turista
Le 10 città più eleganti d’Europa
Cosa vedere a Ravenna, la città dei mosaici
Ferrara, la città capolavoro rinascimentale

 

Condividi su: