10 cose da vedere a Berlino

10 cose da vedere a Berlino, la capitale della Germania, città turisticamente molto visitata, soprattutto durante l'estate, quando migliaia di turisti si riversano lungo le strade di Berlino per scoprire le sue innumerevoli meraviglie. Tra le 10 cose da vedere a Berlino ricordiamo la Porta di Brandeburgo, uno dei simboli della città, l'Isola del Musei, dove trovare la più grande concentrazione europea di istituti culturali e il Checkpoint Charlie, il posto di blocco che suddivideva in passato le due Germanie. Ecco le 10 cose da vedere a Berlino.

10 cose da vedere a Berlino

icona-articoloLa capitale della Germania è una città piuttosto rilassata che gradualmente si sta abituando a diventare il fulcro cosmopolita d’Europa.
E’ una delle città che nell’ultimo decennio ha vissuto un vero e proprio boom turistico, sopratutto grazie ai giovani che l’hanno scoperta e grazie anche a prezzi moderati. E’ in ogni caso apprezzata anche dalle famiglie, grazie ad una offerta culturale di primissimo livello.

Sono i mesi estivi, tra giugno e settembre, che la vedono riempirsi di turisti, complice la bella stagione e la maggiore propensione a viverla all’aria aperta. Ma è una meta che viene spesso vissuta anche per le festività natalizie e quelle di fine anno, quando è possibile visitare uno dei tanti mercatini di Natale o festeggiare dalla Porta di Brandeburgo.
Qui in inverno le temperature sono rigide ma sopportabili, comprese generalmente tra +4° C e i -2° C. In estate è più in linea con le città del nord Europa, con una media che difficilmente sale sopra i 25° C.
Qualsiasi sia il vostro periodo di visita, ecco le 10 attrazioni da vedere a Berlino, le principali motivazioni di viaggio ma non di certo le uniche

Ecco le 10 cose da vedere a Berlino

Porta di Brandeburgo

Porta di Brandeburgo

La Porta di Brandeburgo è una porta in stile neoclassico e uno dei più importanti monumenti di Berlino. Tra le cose da vedere a Berlino rappresenta sicuramente uno dei simboli imperdibili della città, da oltre due secoli punto di riferimento cittadino.
Prima della caduta del muro era l’emblema che rappresentava la divisione in due parti della città. All’epoca era l’attrazione che permetteva, salendo sulla piattaforma di osservazione, di scrutare cià che accadeva dalla parte opposta, superando la Cortina di ferro.

La trovate sulla parte occidentale di Pariser Platz, nel quartiere di Mitte e confinante con il Tiergarten.

Palazzo del Reichstag

Berlino Palazzo del Reichstag

Tra le cose da vedere a Berlino troviamo il palazzo del Reichstag di Berlino, costruito tra il 1884 e il 1894. Il grande immobile fu la sede del Parlamento del Reich fino al 1933 ed in seguito sede della Repubblica di Weimar.
Nella sua storia ricordiamo il devastante incendio voluto da Hitler che non venne restaurato e rimase per lungo tempo parzialmente distrutto. In seguito gli avvenimenti della Seconda Guerra Mondiale lo videro protagonista di bombardamenti, proseguendo l’opera di distruzione.
Venne abbattuta la cupola e solo nel 1961 vide una completa restaurazione, senza la cupola, che lo rese anche uno spazio dedicato per esposizioni.
E’ anche una delle sedi per lo svolgimento di concerti, il più celebre quello in seguito alla caduta del muro, due anni dopo, con i principali artisti rock del periodo.

Recentemente il Reichstag è stato nuovamente restaurato, nel 1995, per diventare la sede del Parlamento tedesco. La prima seduta della ‘nuova capitale’ avvenne il 19 aprile del 1999.
E’ una delle attrazioni di Berlino più visitate e, per tale ragione, il numero di visitatori quotidiano limitato. I tempi di attesa prima di poter accedere possono essere molto lunghi, meglio organizzarsi prima di pianificare una visita al Parlamento tedesco.

OneMag - Logo Micro
Ingolstadt, la città dell’auto

Isola dei musei

Berlino Isola dei Musei

Siamo nella parte settentrionale dell’isola della Sprea, al centro di Berlino, proprio alla fine di Unter den Linden. Il noto viale alberato della città, quello che divide in due parti il Mitte, conduce all’isola dei Musei, il Museumsinsel.
Qui troviamo, distanziati pochi metri l’uno dall’altro, ben 5 musei, caratteristica peculiare che ha permesso a questo luogo di essere proclamato uno dei Patrimoni dell’Umanità UNESCO.
Gli edifici destinati a musei sono stati realizzati tra il 1822 e il 1930. L’edificio più antico è l’Altes Museum mentre il successivo è il Neues Museum. Il terzo edificio, successivo di un ventennio rispetto al primo, è la Alte Nationalgalerie.
Nel secolo successivo troviamo la costruzione del Bodemuseum, avvenuto nel 1904 mentre l’ultimo, il Pergamonmuseum è stato concluso nel 1930.
Prima di pianificare una visita ai musei ricordate che ognuno di loro segue un orario preciso, non per forza identico agli altri. Il quartiere è raggiungibile con la S-Bahn S3, S5, S7, S75, S9 e con la U-Bahn U8.

East Side Gallery

Berlino East Side Gallery

La East Side Gallery è di fatto la galleria all’aperto più lunga del mondo. Lunga infatti 1.3 km di lunghezza, la East Side Gallery è nata per commemorare la fine della Guerra fredda.
Si tratta di un pezzo del Muro divisorio che ricorda come, nella parte rivolta verso Berlino Ovest, erano raffigurati centinaia di graffiti mentre, nella parte opposta, il Muro conservava l’aspetto austero dal colore grigio. Come celebrazione della caduta del Muro, la città diede incarico a 121 artisti internazionali di realizzare 118 murales. Molti di questi graffiti sono diventati noti in tutto il mondo, il più celebre è sicuramente il “bacio fraterno” del 1979 tra Erich Honecker e Leonid Breznev.
Dal 2018 la East Side Gallery è diventata di proprietà della Fondazione del Muro di Berlino, oggi responsabile della manutenzione e conservazione.

OneMag - Logo Micro
Passavia, la pittoresca cittadina dei tre fiumi

Duomo di Berlino

Berlino Duomo di Berlino

Il Berliner Dom è il principale luogo di culto della città e rappresenta uno tra gli edifici religiosi da vedere a Berlino. E’ una chiesa in stile neorinascimentale ed è posta proprio accanto all’Isola dei Musei. Nonostante il suo aspetto austero ed antico, dovuto sopratutto all’annerimento delle pareti, il Duomo di Berlino è in realtà costruito ad inizio dello scorso secolo.
Al suo interno troviamo una serie di dettagli che ricordano il periodo vittoriano, tra cui diverse statue che ricordano la natura protestante dell’edificio.
E’ possibile scoprire l’intera storia salendo i 270 gradini che condurranno alla Galleria del Duomo. Da qua sarà anche possibile ammirare Berlino ed il quartiere Mitte.

Memoriale per gli ebrei assassinati d’Europa

Memoriale per gli ebrei assassinati d'Europa

Il Memoriale per gli ebrei assassinati d’Europa è il monumento che ricorda gli ebrei vittime del genocidio nazista. Posizionato nel quartiere di Mitte, con poca distanza dalla Porta di Brandeburgo. Al suo interno trova sede anche un Centro Informazioni posto nel sotterraneo, raggiungibile da un comodo ascensore o da una rampa di scala.
Il Centro Informazioni rappresenta un’opera complementare al Memoriale. Qui sono ospitate numerose documentazioni che ricordano le vittime dell’olocausto.

OneMag - Logo Micro
Visitare Bonn, la città dei ciliegi

Memoriale del Muro di Berlino

Berlino Memoriale del Muro

Tra le altre cose da vedere a Berlino troviamo l’altro memoriale, quello dedicato al Muro di Berlino. E’ il luogo della memoria più significativo che ricorda la divisione della Germania.
Si estende dai lati della Bernauer Straße ed è allestita su quella che era la fascia di confine originaria di Berlino Est. In quella che in passato era la parte occidentale sono posizionati oggi il centro di documentazione, con una torre panoramica, ed il centro visitatori.

Checkpoint Charlie

Berlino Checkpoint Charlie

Tra le cose da vedere a Berlino troviamo il Checkpoint Charlie, quello che in passato era il posto di blocco che filtrava il passaggio tra Berlino Est e Berlino Ovest durante la guerra fredda. Divideva il settore sovietico da quello statunitense, con tanto di verifica dei documenti e della autorizzazione al passaggio.
Posto sulla Friedrichstraße, all’altezza dell’incrocio con Zimmerstraße, è oggi riprodotto fedelmente con una ricostruzione della cabina che ospitava i soldati americani.
La nascita del posto di controllo è datata 1961. Da questo punto di accesso poteva passare il personale militare e diplomatico, oltre ai turisti di provenienza straniera. La prima gestione del punto di controllo era esclusiva degli Stati Uniti, mentre in seguito gestito anche dai militari inglesi e francesi.

OneMag - Logo Micro
Acquisgrana, la città tedesca di Carlo Magno

Potsdamer Platz

Berlino Potsdamer Platz

Potsdamer Platz è una delle piazze più trafficate di tutta Europa, fin dai primi del Novecento. Durante il giorno, Potsdamer Platz era attraversata principalmente da uomini d’affari e da turisti, mentre durante la serata si trasformava in centro di ritrovo con teatri e bar che accoglievano sopratutto gli abitanti. Era noto anche come centro per la prostituzione che, nonostante fosse vietata, era comunemente praticata in molti locali dei dintorni.
La piazza divenne presto un punto di riferimento per tutta la Germania e la sua notorietà si propagò in tutta Europa.
E’ anche nota per essere stato il luogo dove venne installato, a causa del grande traffico, il primo semaforo di Berlino.

Alexanderplatz

Berlino Alexanderplatz

Alexanderplatz è indubbiamente una tra le cose da vedere a Berlino. Il suo nome deriva dallo zar Alessandro I che ebbe modo di visitare la capitale del Regno di Prussia ma che solo nel 1882, grazie alla ferrovia, divenne uno dei principali snodi ferroviari più noti di tutta Europa.
Quello che oggi è possibile ammirare sono strutture realizzate negli anni ’60, dopo che i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale la distrussero quasi completamente.
Oggi qui troviamo la nota Torre della Televisione, conosciuta con il nome di Fernesehturm, costruita nel 1969 e che al suo interno ospita un ristorante di circa 207 metri. Sempre nella Alexanderplatz troviamo anche l’Urania Weltzeituhr, un orologio che indica l’ora in tutto il mondo.
Altra attrazione della piazza è la Marienkirche, la chiesa di Santa Maria, posta proprio accanto alla Torre della Televisione. E’ una chiesa costruita nel 13° secolo, anche se quella che oggi è possibile visitare è la versione restaurata alla fine del 19° secolo e, in seguito, dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Condividi su: